Yamaha DGX-660 Recensione: Non solo un pianoforte digitale

Oggi daremo un’occhiata più da vicino al DGX-660 di Yamaha, una tastiera veramente versatile con molte opzioni impressionanti. È il modello di punta della gamma “Portable Grand” di Yamaha e l’unica tastiera di questa gamma …

Il pianoforte digitale Yamaha DGX-660

Oggi daremo un’occhiata più da vicino al DGX-660 di Yamaha, una tastiera veramente versatile con molte opzioni impressionanti.

È il modello di punta della gamma “Portable Grand” di Yamaha e l’unica tastiera di questa gamma con tasti completamente pesati.

Il DGX-660 ha sostituito il suo predecessore di successo, il DGX-650, ed è dotato di una maggiore polifonia e di nuovi suoni, effetti e funzioni, di cui parlerò più avanti in questo articolo.

Cosa c’è di così unico in questa tastiera?

Il DGX-660 è un ibrido tra un pianoforte digitale e una tastiera arranger.

Dispone di centinaia di suoni, canzoni, stili e ritmi che lo rendono perfetto non solo per suonare il pianoforte, ma anche per imparare e fare musica.

Scaviamo ora un po’ più a fondo e scopriamo cosa offre la tastiera e quali sono i suoi punti di forza e di debolezza.

  • Tastiera a 88 tasti completamente pesata con tasti neri opachi
  • Martello calibrato ad azione standard
  • Sensibilità al tatto (dura, media, morbida, fissa)
  • Display: 320 x 240 LCD (funzione di visualizzazione di partiture e testi)
  • Suono: Motore sonoro CF puro
  • Polifonia a 192 note
  • 554 suoni integrati (151 pannelli, 15 drum kit, 388 XGlite)
  • 205 stili (Multi Finger, Full Keyboard, AI Fingered)
  • 100 brani preimpostati
  • Modalità: Split, Dual
  • Effetti – Riverbero: 41 tipi, Chorus: 44 tipi, Harmony: 26 tipi, DSP: 237 tipi, Master EQ: 5 tipi
  • Funzione della lezione: Yamaha Education Suite
  • Registratore MIDI a 6 tracce (5 canzoni)
  • Registratore audio USB: WAV (44,1 kHz, 16 bit, stereo)
  • Metronomo, trasposizione, accordatura fine
  • Altoparlanti: 6W 6W (12cm x 2 5cm x 2)
  • Connessioni : USB verso l’host, USB verso il dispositivo, jack per cuffie, ingresso ausiliario, ingresso microfonico, jack per pedale sustain
  • 1397 x 445 x 146 mm
  • 21 kg; con supporto: 28 kg

Design

Sebbene il DGX-660 faccia parte della gamma Portable Grand, non lo definirei un computer portatile.

La tastiera è piuttosto grande e pesante rispetto ad altri modelli della gamma e ai pianoforti digitali della serie P. Tuttavia, non si avvicinano al DGX-660 in termini di suono, funzioni e opzioni di connessione.

Il DGX-660 misura 139,7 cm di larghezza e 12,7 cm di altezza (73,6 cm con il supporto), dimensioni piuttosto standard per le tastiere a 88 tasti.

La profondità è di 43,1 cm, il che lo rende notevolmente più grande, ad esempio, dello Yamaha P-125 o del Casio CGP-700.

Il DGX-660 è anche piuttosto pesante: pesa 21 kg senza supporto e 28 kg con il supporto in dotazione alla tastiera.

Quindi non è una cosa che si vuole spostare spesso.

Se la portabilità è importante per voi, vi consiglio di dare un’occhiata al Casio CGP-700, che è simile al DGX-660 in termini di funzionalità, ma ha un design più compatto.

Il DGX-660 viene fornito con uno stativo abbinato. È ben costruito e sufficientemente robusto per supportare questa tastiera di grandi dimensioni.

Il pianoforte è imballato in una scatola grande e pesante (circa 45 kg). Quindi probabilmente avrete bisogno di un’altra persona che vi aiuti a disimballarlo e a montarlo.

Il montaggio di tipo “ikea” non richiederà più di 25-30 minuti; le istruzioni sono molto chiare e non dovreste avere problemi.

Il DGX-660 ha un design contemporaneo con splendidi elementi in legno (pannelli laterali, supporto) ed è disponibile in bianco e nero.

Il pianoforte digitale Yamaha DGX-660

Poiché la tastiera è ricca di funzioni, suoni, stili musicali e altri “trucchi”, il pannello di controllo presenta molti pulsanti che consentono di accedere a tutte le impostazioni/funzioni con poche pressioni.

Il pianoforte digitale Yamaha DGX-660

Soprattutto, il DGX-660 ha uno schermo LCD 320×240, che rende la tastiera molto più comoda.

Il display mostra le impostazioni correnti, nonché le partiture e i testi dei brani.

Inoltre, quando si utilizza la funzione Lezione, è possibile vedere le note che si stanno suonando e quelle che si devono suonare (sugli spartiti a schermo e sulla tastiera virtuale).

Display del pianoforte digitale Yamaha DGX-660

Per i pianisti, Yamaha ha progettato una funzione chiamata “Piano Room”, con un pulsante dedicato.

Una volta premuto questo pulsante, le impostazioni ottimali per l’esecuzione del pianoforte verranno applicate indipendentemente dalle impostazioni effettuate dal pannello, il che è molto utile.

Tastiera

Il DGX-660 è dotato di una tastiera sensibile al tocco con 88 tasti completamente pesati.

Questo meccanismo si chiama Graded Hammer Standard (GHS) ed è lo stesso utilizzato nei pianoforti digitali Yamaha P-45 e P-125.

Azione della tastiera GHS

Il meccanismo GHS utilizza martelli graduati attaccati ai tasti per riprodurre la sensazione di un pianoforte acustico, con un tocco più pesante nel registro basso e sempre più leggero nel registro alto.

Questo vi aiuterà a sviluppare la tecnica e la forza delle dita necessarie per suonare un pianoforte acustico.

La tastiera del DGX-660 è anche sensibile al tocco (velocity), il che significa che più forte si suonano i tasti, più forte è il suono.

Offre all’esecutore un eccellente controllo della dinamica e dell’espressione, dal pianissimo più morbido al fortissimo più forte e audace.

La sensibilità della tastiera può essere regolata per adattarsi meglio al vostro stile di gioco. È possibile scegliere tra quattro impostazioni predefinite: morbida, media, dura e fissa.

Quando si seleziona “Fisso”, il volume rimane invariato a prescindere dalla forza o dalla delicatezza con cui si suona, rendendo la tastiera insensibile al tocco.

I tasti del DGX-660 sono in plastica, come tutte le tastiere di questa fascia di prezzo.

Il pianoforte digitale Yamaha DGX-660

I tasti bianchi hanno una finitura lucida, mentre quelli neri sono opachi, per evitare che le dita scivolino quando si bagnano.

Suono

Il cuore del DGX-660 è l’esclusivo motore sonoro Pure CF di Yamaha. Si tratta della stessa sorgente sonora utilizzata nei modelli Yamaha P-125, P-255 e in alcuni modelli Arius (YDP).

Il Pure CF riproduce il suono meticolosamente registrato del pianoforte a coda da concerto Yamaha CFIIIS. * №1 Naturale!

Sembra molto convincente, basta guardare il video qui sotto.

Il DGX-660 non ha solo 10 diversi suoni di pianoforte, ma anche centinaia di suoni di altri strumenti, lasciando ampio spazio alla creatività.

  • In totale, è possibile scegliere tra 554 suoni di strumenti:
  • 10 pianoforti (Natural!, Live! Grand, Pop Grand, Warm Grand, Studio Grand, ecc.)
  • 12 pianoforti elettrici
  • 14 Organi
  • 5 fisarmoniche
  • 14 chitarre
  • 9 bassi
  • 16 strumenti a corda
  • 9 trombe
  • 14 sassofoni

Oltre a corni, flauti, sintetizzatori, batterie e molti altri suoni.

Il DGX-660 dispone di un’impressionante libreria di effetti sonori che è possibile utilizzare per rendere il suono più interessante e unico.

  • 41 tipi di riverbero simulano l’acustica di vari ambienti, tra cui diversi tipi di sale da concerto, stanze, palcoscenici e altri interessanti riverberi come canyon, scantinati, tunnel, club e altri.
  • 44 tipi di coro renderanno il suono più ricco e denso simulando sottili variazioni di intonazione e di tempo per dare l’impressione che più esecutori stiano suonando la stessa parte all’unisono.
  • 26 effetti di tipo Harmony aggiungono note armoniche alle vostre performance.

Il DGX-660 è anche dotato di una rotella Pitch Bend, che consente di riprodurre alcuni effetti interessanti (ad esempio, vibrato della chitarra, mute) piegando le note verso l’alto e verso il basso mentre si suona la tastiera.

L’equalizzatore principale (EQ) consente di personalizzare il suono a proprio piacimento. È possibile scegliere tra 5 tipi di equalizzazione principale: normale (impostazione predefinita), piano, morbido, brillante, forte.

Il DSP, acronimo di Digital Signal Processing (elaborazione digitale del segnale), vi permetterà di personalizzare e trasformare ulteriormente il suono utilizzando oltre 230 effetti sonori diversi, tra cui riverberi, cori, echi, distorsioni e altro ancora.

Polifonia

Polifonia

Che cos’è la polifonia?

La polifonia è il numero di note che un pianoforte digitale può produrre contemporaneamente.

La maggior parte dei pianoforti digitali moderni è dotata di una polifonia di 64, 128, 192 o 256 note.

Vi chiederete come sia possibile avere 32, 64 o addirittura 128 note suonate contemporaneamente, se ci sono solo 88 tasti e non li suoniamo mai tutti insieme.

Innanzitutto, molti degli attuali pianoforti digitali utilizzano campioni stereo, che talvolta richiedono due note per ogni tasto suonato.

Inoltre, l’uso del pedale sustain, gli effetti sonori (riverbero, chorus), la modalità duale (layering) e persino il ticchettio del metronomo occupano ulteriori note.

Ad esempio, quando si preme il pedale sustain, le prime note suonate continuano a suonare mentre se ne aggiungono altre e il pianoforte ha bisogno di più memoria per far suonare tutte le note.

Un altro esempio di consumo di polifonia si ha quando viene riprodotto un brano (che può anche essere una propria esecuzione registrata) o quando viene accompagnato automaticamente.

In questo caso, il pianoforte avrà bisogno di polifonia non solo per le note suonate, ma anche per una traccia di accompagnamento.

Quando si raggiunge il limite massimo di polifonia, il pianoforte inizia ad abbandonare le prime note suonate per liberare memoria per le nuove note, il che influisce sulla qualità del suono.

Raramente avrete bisogno di tutte le 192 o 256 voci di polifonia contemporaneamente, ma ci sono casi in cui si possono raggiungere i limiti di 64 o addirittura 128 note, soprattutto se vi piace stratificare più suoni e creare registrazioni multitraccia.

È quindi auspicabile avere almeno 64 note di polifonia.

La polifonia è stata ampliata da 128 note sul DGX-650 a 192 note su questo modello, il che significa che potete suonare liberamente e stratificare più suoni, usare tracce di accompagnamento e stili di accompagnamento senza preoccuparvi della capacità di memoria e delle note che svaniscono.

Altoparlanti

Il DGX-660 è dotato di altoparlanti integrati da 12 cm x 2 cm x 2 con due amplificatori da 6 W, che producono un suono ricco e ben bilanciato.

Il pianoforte digitale Yamaha DGX-660

I diffusori sono aperti, quindi il suono è diretto verso il viso, consentendo un’esperienza chiara e non soffocata.

La qualità del suono è ulteriormente migliorata dall’Intelligent Acoustic Control (IAC), che regola in modo intelligente le frequenze dei bassi e degli alti per rendere il suono più chiaro ed equilibrato a basso volume.

I diffusori del DGX-660 sono sufficienti per la pratica domestica e anche per piccole esibizioni.

Tuttavia, per le esibizioni più importanti in una band o su un palco, è necessario un amplificatore esterno per ottenere un suono più potente.

Caratteristiche

Il DGX-660 può essere utilizzato in molti modi diversi.

I diversi utilizzi dello Yamaha DGX 660

Il DGX-660 non solo possiede tutte le qualità essenziali per offrire un’esperienza realistica, ma è anche dotato di una serie di funzioni che di solito si trovano su una tastiera arranger.

Per evitare di perdersi nelle numerose funzioni e impostazioni e per facilitare ai pianisti l’accesso ai suoni di pianoforte e alle impostazioni relative al pianoforte, Yamaha ha dotato il DGX-660 della funzione “Piano Room” (ha un pulsante dedicato).

Non appena si preme questo pulsante, viene selezionato il suono principale del Grand Piano e vengono applicate le impostazioni ottimali per l’esecuzione del pianoforte.

È inoltre possibile modificare le impostazioni del pianoforte in base alle proprie preferenze.

Il suono del pianoforte dello Yamaha DGX-660

È possibile scegliere tra 4 tipi di pianoforti: Grand Piano, Pop Grand, Warm Grand e Honky Tonk.

È anche possibile modificare la posizione del coperchio per ottenere gli effetti sonori di un coperchio aperto.

Le altre impostazioni che si possono configurare nella stanza del pianoforte sono le seguenti:

  • Tipo di ambiente (riverbero) : Sala, palcoscenico, sala da concerto o da recital.
  • Risonanza dell’ammortizzatore (On/Off)
  • Reazione al tatto (3 livelli)
  • Accordatura (regolazione dell’altezza in passi di 1 Hz)

Modalità

Il DGX-660 offre funzioni di split e layer per la riproduzione simultanea di due strumenti.

La modalità Split divide la tastiera in due sezioni, alle quali è possibile assegnare un suono di strumento diverso.

Ad esempio, si può suonare il pianoforte nell’area destra e la batteria nell’area sinistra, e così via. È possibile dividere i suoni come si desidera e anche il punto di divisione può essere regolato.

La modalità Dual consente di stratificare due suoni in modo che suonino contemporaneamente sull’intera gamma della tastiera.

Ad esempio, è possibile aggiungere archi al suono del pianoforte o combinare un clavicembalo con un pianoforte elettrico, ecc.

E con oltre 550 suoni incorporati, la creatività è illimitata.

La modalità Duo, che divide la tastiera in due parti uguali permettendo a due musicisti di sedersi fianco a fianco e di riprodurre le stesse gamme di suoni, non è disponibile su questo modello.

Registrazione e riproduzione

Il DGX-660 può lavorare con due tipi di dati, MIDI e audio. È possibile registrare e riprodurre le proprie performance in formato MIDI (SMF) e audio (WAV).

È inoltre possibile riprodurre file MIDI e audio scaricati da Internet dalla memoria interna del pianoforte o direttamente da una chiavetta USB.

MIDI. In questo caso non si registra il suono effettivo dello strumento, ma i dati MIDI (una sequenza di note, la loro lunghezza e velocità).

È quindi possibile riprodurre le registrazioni sulla tastiera o sul computer utilizzando programmi in grado di interpretare i dati MIDI, come Windows Media Player, QuickTime, Winamp, ecc.

Il DGX-660 consente di registrare e memorizzare fino a 5 brani nella memoria flash interna.

Per ogni brano è possibile registrare fino a 6 tracce, che possono essere riprodotte come un singolo brano o disattivare alcune tracce per tagliare le parti che non si desidera ascoltare (melodia, percussioni, accompagnamento, qualsiasi cosa sia stata registrata su quelle tracce).

Dopo aver registrato tutte le parti (tracce) necessarie, è possibile regolare il tempo del brano, spostarlo in avanti/indietro o impostare una ripetizione A-B che riprodurrà ripetutamente la parte del brano dal punto iniziale (A) al punto finale (B).

Audio. Qui registriamo/riproduciamo il suono effettivo della tastiera.

Il DGX-660 consente di registrare fino a 80 minuti in una singola registrazione e di salvarla su un’unità flash in formato WAV (44,1 kHz/16 bit).

È quindi possibile riprodurre le registrazioni audio sui dispositivi intelligenti (ad es. laptop, lettore musicale, smartphone, ecc.), condividerle sui social media e persino masterizzare le registrazioni su CD.

Che si tratti di un file MIDI o WAV, si può giocare con esso.

Funzione della lezione

I principianti possono usufruire della funzione di apprendimento a bordo chiamata Yamaha Education Suite (Y.E.S.).

Lo Y.E.S. consente di utilizzare brani MIDI (100 brani interni o scaricati da Internet) per una lezione per mancini, destrorsi o per due mani.

Ad esempio, quando si seleziona la lezione per la mano sinistra, è necessario suonare la parte sinistra del brano, mentre la parte destra verrà riprodotta automaticamente e viceversa.

Il DGX-660 offre tre tipi di lezioni sui brani: Attesa, Il tuo tempo e Meno uno.

Nel tipo di lezione “Attesa”, il brano aspetterà che l’utente suoni le note corrette visualizzate sullo schermo e solo allora continuerà a suonare.

Lo schermo mostra non solo le note da suonare ma anche i tasti (sulla tastiera virtuale), quindi non è necessario saper leggere la musica per suonare le canzoni.

Nelle lezioni del tipo “Il tuo tempo”, si deve cercare di suonare con il giusto tempo. Il tempo di riproduzione varia a seconda della velocità con cui si suona.

La melodia rallenta quando si suonano le note sbagliate e ritorna gradualmente al tempo originale quando si suona correttamente.

Nel tipo di lezione “Meno uno”, si sceglie quale parte di un brano si vuole esercitare (parte della mano sinistra o della mano destra) e la si suona insieme alla riproduzione dell’altra parte della mano a tempo normale.

Il DGX-660 è in grado di visualizzare spartiti e testi se il brano li contiene.

Altre funzioni

Il DGX-660 offre un’ampia gamma di stili e ritmi di accompagnamento automatico che accompagneranno la vostra performance e vi faranno sentire come se steste suonando con una band o un’orchestra.

Ci sono oltre 200 stili musicali diversi, tra cui pop, jazz, country, R&B e molti altri.

È possibile scegliere tra tre tipi di diteggiatura:

  • Diteggiatura multipla (è possibile suonare tutte le variazioni di accordi, accordi completi/diteggiatura singola).
  • Tastiera completa (utilizzare l’intera gamma di tasti).
  • AI Fingered (l’intelligenza artificiale viene utilizzata per aiutare le prestazioni cercando di prevedere cosa si vuole giocare dopo).

Se non riuscite a decidere quale stile e quale voce scegliere, il database musicale integrato vi aiuterà. Basta scegliere un genere musicale di vostro gradimento (oltre 300 varianti) e verranno richiamate le impostazioni ottimali.

Il Suggeritore di stile è un’altra funzione utile per aiutarvi a scegliere lo stile. Suggerisce gli stili ottimali in base al ritmo suonato per una o due battute.

La funzione smart cord vi aiuterà a suonare con gli stili di accompagnamento anche se non sapete suonare gli accordi appropriati. Potrete controllare gli stili con un solo dito, a patto di conoscere la tonalità della musica che state suonando.

Il DGX-660 è dotato di un metronomo incorporato che aiuta a migliorare la velocità di esecuzione e la precisione del tempo.

È possibile modificare il tempo, la firma temporale e il volume del metronomo.

Per regolare l’intonazione della tastiera, è possibile utilizzare la funzione di trasposizione o di sintonia.

La funzione di trasposizione consente di spostare l’intonazione della tastiera in passi di semitono, ad esempio per facilitare l’esecuzione di brani scritti in chiavi difficili o se si ha semplicemente bisogno di suonare musica in una tonalità diversa senza cambiare i tasti suonati.

La funzione di accordatura può essere utilizzata per regolare l’intonazione dell’intera tastiera a passi di 1 Hz.

Connettività

Il DGX-660 ha molte opzioni di connettività che pochi pianoforti digitali possono offrire.

La connettività dello Yamaha DGX-660

Tutte le porte e le prese si trovano sul pannello posteriore della tastiera, ad eccezione del terminale USB per dispositivi, che si trova sul lato anteriore.

Da USB a terminale

Da USB a MIDI

Questa porta può essere utilizzata per collegare la tastiera a un computer per lo scambio di file/canzoni.

È inoltre possibile utilizzare il DGX-660 come controller MIDI, trasferendo i dati MIDI tra la tastiera e il computer per controllare varie applicazioni di produzione musicale e di apprendimento (ad esempio GarageBand, FlowKey, ecc.).

Il cavo USB A-B necessario per questa connessione non è fornito con la tastiera e può essere acquistato su Amazon per pochi euro.

USB all’uscita del dispositivo

Uscita USB Yamaha DGX-660

A questa porta è possibile collegare una chiavetta USB per scambiare rapidamente e facilmente file e dati (registrazioni, impostazioni dei parametri, ecc.) con la tastiera.

Ad esempio, è possibile salvare le registrazioni (file MIDI/Audio) create sullo strumento sull’unità flash e caricarle nuovamente sulla tastiera quando se ne ha bisogno.

Inoltre, su Internet è disponibile un’ampia gamma di brani e file MIDI che è possibile scaricare e riprodurre direttamente da una chiavetta USB (per ascoltare, esercitarsi e suonare).

Presa per cuffie

Questo jack stereo da 6,35 mm può essere utilizzato per collegare un paio di cuffie al pianoforte ed esercitarsi senza disturbare le persone circostanti.

Questa presa può essere utilizzata anche come uscita di linea per collegare il pianoforte a un sistema audio esterno, come un amplificatore, un sistema PA, un mixer, ecc.

Presa d’ingresso per microfono

Un’altra grande caratteristica del DGX-660 è la possibilità di collegare un microfono direttamente a questo jack da 1/4″ e cantare insieme alla performance della tastiera o alla riproduzione di un brano.

Il DGX-660 trasmette le voci attraverso gli altoparlanti interni.

C’è anche una manopola per controllare il volume del microfono e una serie di impostazioni ed effetti con cui giocare.

Il microfono deve avere una spina da 6,35 mm (non USB) per essere collegato al pianoforte.

Ingresso AUX

Questo mini jack da 3,5 mm può essere utilizzato per collegare un dispositivo audio esterno (in realtà, qualsiasi dispositivo dotato di un jack di uscita da 3,5 mm) per ascoltarne il suono attraverso gli altoparlanti integrati della tastiera.

Per effettuare questo collegamento è necessario un cavo maschio-maschio da 3,5 mm.

Sostenere Jack

Questa presa viene utilizzata per collegare un pedale sustain/interruttore a pedale alla tastiera.

Presa per pedali d’espressione

L’unità opzionale a 3 pedali LP-7A/LP-7AWH si collega a questa presa.

Accessori

Lo Yamaha YPG-535 viene fornito con i seguenti accessori:

  • Piedistallo abbinato
  • Interruttore a pedale per il Sustain
  • “Riposo” musicale.
  • Adattatore di alimentazione CA
  • Manuale d’uso
  • Elenco dei dati

Supporto/supporto

Il DGX-660 è dotato di un robusto supporto, per cui non dovrete preoccuparvi di dove posizionare la tastiera.

Tuttavia, il supporto è piuttosto pesante (6,9 kg) e non è facile da trasportare.

Se avete bisogno di una soluzione più portatile e compatta, che possiate spostare e riporre facilmente quando non la utilizzate, una montatura X è una soluzione eccellente.

Pedale di sostegno

Il DGX-660 viene fornito con un pedale Yamaha di base. Si tratta di un’unità di plastica a forma di scatola, che non assomiglia a un pedale per pianoforte acustico.

L'interruttore a pedale Yamaha

Inoltre, mentre il pedale in dotazione è adatto alla maggior parte dei principianti, i musicisti più esperti probabilmente vorranno un pedale più realistico.

Come al solito, vi consiglio di dare un’occhiata al pedale per pianoforte M-Audio SP-2 di alta qualità, che ha un aspetto e una sensazione molto più realistici ed è più conveniente.

Borsa

Come ho detto, il DGX-660 non è la scelta migliore per i concerti a causa delle sue dimensioni. Tuttavia, questo non significa che non sia adatto a questo scopo, ma solo che non è l’opzione MIGLIORE.

Infatti, molti musicisti riescono a trasportare e utilizzare questa tastiera per esibirsi sul palco. E se decidete di farlo, probabilmente avrete bisogno di una borsa per trasportare il DGX-660 in modo sicuro.

Purtroppo non esistono molte borse da concerto per una tastiera così grande.

La prima opzione è la Yamaha Artiste Series Keyboard Bag per tastiere a 88 note, che è una borsa abbastanza grande anche per il DGX-660 e vi lascerà un po’ di spazio all’interno.

La borsa non è molto imbottita ed è adatta solo per viaggi leggeri.

La borsa Gator 88-Note Gig Bag sarebbe un’altra grande opzione. La borsa è realizzata in nylon resistente ed è dotata di manici rivettati rinforzati.

Le dimensioni della borsa Gator sono quasi identiche a quelle della DGX-660 e l’imbottitura è più spessa di quella della borsa Yamaha.

Allo stesso tempo, la borsa Gator costa quasi il doppio della Yamaha, quindi tutto dipende dal vostro budget.

Tenete presente che entrambe le borse sono ottime per concerti in solitaria e viaggi leggeri, ma non sono adatte a viaggi pesanti o in aereo.

Cuffie

Le cuffie sono utili quando si desidera esercitarsi in privato, concentrandosi solo sul gioco e senza disturbare gli altri vicini.

Cuffie aperte per Yamaha DGX-660

Inoltre, un buon paio di cuffie fornirà un suono più chiaro e dettagliato rispetto agli altoparlanti di bordo.

Consultate questa guida su come scegliere le migliori cuffie per il vostro pianoforte digitale.

Nella maggior parte dei casi, le cuffie incluse nei bundle di Amazon sono economiche e non offrono una grande qualità del suono o un grande comfort.

Sintesi

Come ho detto, la Yamaha DGX-660 è una tastiera molto versatile e tutti, dal principiante all’esperto, non rimarranno delusi da ciò che ha da offrire. Scommetto che piacerà anche ai vostri bambini!

Come pianoforte digitale, il DGX-660 è dotato di una tastiera a 88 tasti completamente pesata e di un incredibile suono di pianoforte campionato dal CFIIIS Concert Grand. Questo, unito alla polifonia a 192 note, crea un’esperienza pianistica realistica.

Ma il DGX-660 non si ferma qui.

Yamaha voleva che lo strumento fosse adatto a suonare e creare musica, oltre che a imparare e suonare.

È davvero incredibile quante cose si possano fare con questa tastiera.

Prima di tutto, avete a disposizione centinaia di suoni, canzoni, stili di accompagnamento ed effetti che vi terranno impegnati per ore senza annoiarvi.

Il pianoforte dispone anche di una serie di funzioni didattiche che rendono l’apprendimento più interessante ed efficace grazie alla notazione su schermo e alla tastiera virtuale.

Grazie alle sue grandi capacità di registrazione, è possibile comporre e registrare la propria musica senza utilizzare software/attrezzature aggiuntive.

Ma se avete bisogno di qualcosa in più, potete sempre utilizzare le connessioni del DGX-660 per estendere le sue funzionalità collegandolo a diversi dispositivi e apparecchiature.

Per me, lo svantaggio principale del DGX-660 è che è piuttosto ingombrante e pesante.

Naturalmente non è così ingombrante come gli strumenti tradizionali, ma probabilmente avrete bisogno di un’altra persona che vi aiuti a spostarlo (28 kg con il supporto).

A causa delle sue dimensioni, il DGX-660 non è la scelta migliore per concerti e gite. Tuttavia, se si riesce a trasportare la tastiera in modo sicuro, è più che adeguata per le esibizioni, dato il numero di campane e fischietti di cui dispone.

In conclusione, consiglio il DGX-660 a chi vuole qualcosa di più di un semplice pianoforte digitale con diversi suoni di strumenti e alcune funzioni di base.

La tastiera offre molto di più di un normale pianoforte digitale. Il DGX-660 è infatti un centro di intrattenimento, un pianoforte digitale e un piccolo studio di registrazione, tutto in uno.

Alternative

Di seguito ho elencato i 3 concorrenti più popolari del DGX-660 che potreste voler considerare prima di prendere una decisione.

Yamaha DGX-660 vs Yamaha P-125 ( Recensione completa )

Lo Yamaha P125 è un altro popolare pianoforte digitale della serie P di Yamaha. La P-125 è sostanzialmente la stessa tastiera della DGX-660, ma senza tutte le funzioni e i suoni aggiuntivi.

La tastiera numerica Yamaha P125

Ha la stessa tastiera GHS, la stessa sorgente sonora Pure CF e la stessa quantità di polifonia, per un’esperienza pianistica realistica.

Tuttavia, invece di 550 suoni di strumenti e centinaia di stili, canzoni, ritmi ed effetti, il P-125 ha 24 suoni incorporati, 20 ritmi di accompagnamento e 50 canzoni.

È quindi molto più semplice e lineare del DGX-660, ma questo non è necessariamente un male.

Il P-125 è stato progettato per essere utilizzato principalmente per suonare il pianoforte e svolge egregiamente il suo compito.

Il pianoforte dispone di tutte le funzioni di base, come il metronomo incorporato, le funzioni di trasposizione e di accordatura, il registratore MIDI a 2 tracce, le modalità Duo, Dual e Split.

Devo anche dire che è molto più compatto e portatile del DGX-660 e pesa solo 11,7 kg, circa la metà del peso del DGX-660.

Il P-125 è quindi la scelta migliore se si desidera poter spostare facilmente la tastiera e portarla a concerti, prove, ecc.

Consiglierei il P-125 rispetto al DGX-660 a coloro che hanno bisogno di un’alternativa al pianoforte acustico e non sono interessati a suoni e funzioni extra.

Detto questo, la DGX-660 offre molte funzioni aggiuntive e la versatilità di questa tastiera vi sorprenderà piacevolmente.

Yamaha DGX-660 vs Casio CGP-700 ( Recensione completa )

Il CGP-700 è il diretto concorrente del DGX-660, non solo perché hanno lo stesso prezzo, ma anche perché il loro concetto è molto simile.

Il tastierino numerico Casio CGP-700

Il dilemma principale è quale tastiera scegliere. La buona notizia è che non si può sbagliare con nessuna delle due tastiere.

Cominciamo con le somiglianze tra i due.

Il CGP-700, come il DGX-660, è una tastiera molto versatile che offre un’esperienza pianistica realistica e molte funzioni per la produzione musicale, l’apprendimento, ecc.

Il pianoforte è dotato di un supporto incorporato, ma non si tratta di un semplice supporto.

Il supporto è dotato di due altoparlanti a bassa frequenza incorporati e, insieme agli altoparlanti della tastiera stessa, fornisce 40W di suono pieno e potente. Fa un’enorme differenza!

Un’altra grande caratteristica del CGP-700 è il suo touchscreen a colori da 5,3 pollici (13,4 cm), che supera il display monocromatico non touch del DGX-660 e rende la navigazione più comoda e intuitiva (particolarmente utile sul palco).

Il CGP-700 è dotato della famosa tastiera tri-sensore Scaled Hammer Action II di Casio con tasti in avorio ed ebano sintetico, che a mio parere offre una sensazione più realistica rispetto alla tastiera GHS del DGX-660.

A proposito di suono, il CGP-700 non utilizza la famosa sorgente sonora AiR con morphing multidimensionale che siamo abituati a vedere sulla maggior parte dei pianoforti digitali Casio.

È invece dotato del processore sonoro MXi (Multi-Expressive Integrated), che fornisce anche un suono di pianoforte molto ricco e naturale, campionato da uno Steinway Grand, che, diffuso attraverso i diffusori da 40 W, è quasi imbattibile in questa fascia di prezzo.

Tuttavia, ascoltando in cuffia, ho preferito il suono del pianoforte del DGX-660.

In termini di suoni e funzioni aggiuntive, il CGP-700 offre 550 suoni incorporati (DGX-660: 554 suoni), 200 stili di accompagnamento (DGX-660: 205 stili), polifonia a 128 note (DGX-660: 192 note), funzioni layer/separate, modalità duetto (non disponibile sul DGX-660), 17 tipi di riverbero, 16 tipi di chorus e 6 tipi di delay (DGX-660: 41 riverberi, 44 chorus).

Il CGP-700 ha un registratore MIDI a 17 tracce con una capacità di memoria di 100 brani (il DGX-660 ha una memoria per soli 5 brani). Sulla tastiera è disponibile anche la registrazione audio.

A differenza del DGX-660, il CGP-700 non dispone di un ingresso per il microfono. Dispone di jack di uscita di linea dedicati.

In conclusione, il DGX-660 offre alcuni suoni, stili ed effetti in più, oltre a un numero maggiore di polifonie e, probabilmente, un suono di pianoforte migliore.

Il CGP-700, invece, offre un sistema di altoparlanti molto più potente, un touch screen da 5,3 pollici più comodo e, probabilmente, una tastiera più realistica.

Yamaha DGX-660 vs Casio PX-360

Il Casio PX-360 è un altro forte concorrente del DGX-660.

Il pianoforte digitale Casio PX-360

Il PX-360 è quasi identico al CGP-700, quindi sarò breve.

Il motivo principale per cui si potrebbe preferire il PX-360 al CGP-700 è che viene fornito con la sorgente sonora AiR, che fornisce un suono di pianoforte più realistico aggiungendo la risonanza delle corde, lo spegnimento simulato dei tasti e la risposta del martelletto.

Per me la differenza è sottile, ma si sente, soprattutto quando si ascolta in cuffia.

Inoltre, il PX-360 dispone di jack di ingresso/uscita line-in e MIDI, che il CGP-700 non possiede.

È importante notare che il PX-360 non viene fornito con un supporto e ha solo diffusori integrati da 8W e 8W, mentre il CGP-700 ha diffusori da 6W e 6W E un supporto con 2 diffusori a bassa frequenza integrati da 14W.

Per il resto, il PX-360 e il CGP-700 sono identici e, considerando che il PX-360 è leggermente più costoso del CGP-700, non sono del tutto convinto che ne valga la pena.

Cosa ne pensate?

Lascia un commento