I Migliori Simulatori di Amplificatori per Chitarra 2024

Nel caso in cui il titolo non vi avesse avvisato, un simulatore di amplificatore è esattamente ciò che sembra: un programma che simula un amplificatore (o, più spesso, degli amplificatori). Coprendo una gamma di suoni …

Nel caso in cui il titolo non vi avesse avvisato, un simulatore di amplificatore è esattamente ciò che sembra: un programma che simula un amplificatore (o, più spesso, degli amplificatori). Coprendo una gamma di suoni iconici e di amplificatori che non hanno ragione di esistere, i simulatori di amplificatori sono estremamente popolari tra i chitarristi e gli ingegneri, sia dilettanti che professionisti.

Come sapete se avete seguito la mia serie sugli effetti VST (se non l’avete fatto, va bene, ma sono molto deluso dalla vostra mancanza di impegno nei miei confronti), c’è un modo semplice per definire la differenza tra uno strumento virtuale e un effetto virtuale:

  • Uno strumento VSTi (Virtual Studio Technology) genera il suono
  • Un effetto VSTfx (Virtual Studio Technology) modifica il suono

I simulatori di amplificatori per chitarra rientrano in quest’ultima categoria, in quanto non creano il suono di una chitarra, ma manipolano l’uscita di un’altra registrazione/traccia per farla passare attraverso un amplificatore.

Non c’è molto di più: sebbene la maggior parte di questi simulatori di chitarra VST siano estremamente malleabili e in grado di modificare e trasformare vari suoni in modo irriconoscibile grazie a una serie di opzioni, pedali e cabinet, in definitiva sono solo simulatori di amplificatori.

Perché simulare un amplificatore?

Se siete un artista con una stanza nel vostro studio (sì, non il contrario) guardatevi intorno. A meno che non siate ricchi, professionisti o semplicemente più bravi di me a pianificare, dubito che abbiate più di 2 o 3 amplificatori e certamente non abbastanza spazio per sistemare comodamente e possibilmente registrare più di 5.

Ecco la giustificazione più semplice per la simulazione di un amplificatore. La maggior parte degli hobbisti non può permettersi di spendere migliaia di€ per ogni amplificatore classico per creare un esercito di amplificatori per il loro lavoro creativo, eppure questo è qualcosa che molte librerie di amplificatori offrono a una frazione del costo e dello spazio.

Gli amplificatori, soprattutto se si utilizza un cabinet e una testata invece di un amplificatore combo (in cui il diffusore e l’amplificatore sono contenuti in un’unica scatola) possono occupare molto spazio.

Aggiungete le aste per microfono, i cavi – avete appena rabbrividito? – può essere un campo minato di grovigli, inciampi e frustrazione generale e rompere le cose di propria iniziativa.

Detto questo, gli amplificatori simulati occupano comunque spazio, ma non è fisico.

Se iniziate a comprare librerie di amplificatori come dei veri e propri maniaci, questo può iniziare a rallentare il vostro computer e diventare ingannevolmente dannoso per il vostro processo di creazione di musica – ma se avete un PC potente e molto spazio sul disco rigido, è improbabile che si esacerbi in un problema grave.

Inoltre, non c’è bisogno di preoccuparsi dell’acustica della stanza, del posizionamento del microfono (o semplicemente di possedere un microfono) con la simulazione dell’amplificatore: tutto questo viene fatto, e spesso è facilmente regolabile, nel programma stesso.

Non è necessario armeggiare con le manopole dell’amplificatore, spostare l’asta del microfono di due centimetri a sinistra per cambiare drasticamente il tono di quel riff, per poi dover ricordare esattamente dove erano posizionate per la sezione ritmica precedente.

Amplificatore VST

La registrazione di un amplificatore reale può essere una vera seccatura e i simulatori di amplificatori aggirano piacevolmente questi problemi senza chiedere nulla in cambio. Tranne, ovviamente, il vostro denaro.

Il vantaggio degli amplificatori simulati, tuttavia, va oltre la comodità. Molte librerie di programmi contengono una collezione così varia di suoni e pedali modellati, posizioni microfoniche e amplificatori che è possibile creare effetti unici e paesaggi sonori altrimenti impossibili da ottenere con un amplificatore reale.

Vi siete mai chiesti che tipo di timbro di chitarra si può ottenere combinando un Fender Reverb con un Orange Crush e usando un pedale RAT, tutto al contrario?

Sì, nemmeno io, ma è comunque qualcosa che si può (ma non necessariamente si vuole) fare usando un simulatore di amplificatore. Le possibilità non sono del tutto infinite, ma sono certamente vaste.

Perché usare amplificatori veri?

Sembra tutto fantastico, ma quasi troppo bello per essere vero. Quali sono gli svantaggi?

Le simulazioni degli amplificatori sono esattamente questo: simulazioni. La qualità con cui emulano i veri amplificatori per chitarra è molto buona, ma è ancora molto lontana dalla realtà: come per qualsiasi altro VST, modellare e sostituire lo strumento reale è un’impresa quasi impossibile.

Tuttavia, questo non ha un impatto significativo sul modo in cui dovreste affrontare il vostro processo creativo. Il fatto che qualcosa non suoni esattamente come l’oggetto reale non significa che non suoni bene o che non sia complementare alle vostre registrazioni.

La maggior parte dei chitarristi professionisti continuerà a utilizzare amplificatori reali per tenere il passo con le prime registrazioni, ma quando si tratta di mixare, questa dinamica potrebbe non essere così semplice.

Utilizzando la registrazione dell’amplificatore microfonico, è poi possibile aggiungere un amplificatore per chitarra VST, sia come traccia ausiliaria (consentendo di controllare la proporzione dei segnali ‘dry’ e ‘wet’) sia come ingresso diretto, permettendo di cambiare completamente il tono utilizzando pedali o persino un altro amplificatore senza dover registrare nuovamente nulla.

In questo modo si preserva anche il suono “reale” di una chitarra registrata da un amplificatore microfonico.

A cos’altro servono?

Un altro uso potenziale dei simulatori di chitarra, che evita il “gap” tra tecnologia di emulazione e realtà, è quello di utilizzarli come forma di saturazione.

Su voce, batteria, synth o qualsiasi altro strumento, i simulatori di amplificatori per chitarra offrono un’ampia gamma di suoni emozionanti che possono dare alle tracce un livello di “oomph” che non si può ottenere con il plugin saturatore nativo della DAW.

Questo è molto utile perché aggiunge valore all’acquisto di un simulatore di amplificatore per chitarra: anche se non sopportate la modellazione delle chitarre registrate in D.I. nel vostro programma DAW, il plugin può essere utilizzato per una moltitudine di altri scopi.

So che quando la maggior parte delle persone sente la parola “chitarra” pensa a Eddie Van Halen che suona un ridicolo assolo su una chitarra Kramer, dimenticando di solito la seconda parola, troppo spesso ignorata, che accompagna “basso”. Non è solo un basso, signore e signori. È un basso.

Quindi, ci sono anche molti ottimi amplificatori per basso che saranno disponibili in alcuni dei più grandi pacchetti di simulatori di amplificatori, così come alcuni plugin dedicati alla modellazione di una serie specifica di amplificatori per basso.

Inoltre, come saprete se vi siete presi la briga di leggere i miei articoli precedenti (scusate, ignorate la mia aggressività passiva), i simulatori di amplificatore sono un’aggiunta fondamentale quando si utilizza un qualsiasi strumento virtuale nel campo della chitarra – che si tratti di un basso o di una chitarra elettrica – per aggiungere un ulteriore strato di dinamica ad alcune registrazioni MIDI asciutte che potrebbero aver bisogno di un po’ di magia per scivolare senza problemi in un mix.

Cosa cercare in un simulatore di amplificatore

Plugin all’interno dei plugin

Una caratteristica di alcune librerie di amplificatori virtuali è la possibilità di scaricare e aggiungere nuovi pacchetti, o preset della comunità. Alcune di queste costeranno un po’ di soldi, perché comportano nuovi contenuti – magari un nuovo amplificatore, un set di pedali o qualcosa di simile – e sono create dall’originale o da uno sviluppatore indipendente.

Tuttavia, i pacchetti comunitari, spesso realizzati da dilettanti entusiasti, possono essere ottenuti gratuitamente e sono molto utili. Sebbene la maggior parte di questi suoni e configurazioni creati dall’utente possano essere realizzati da soli utilizzando la combinazione desiderata di amplificatori ed effetti, per i meno esperti e inesperti (o semplicemente per i più pigri), disporre di un preset già pronto può essere molto utile.

Questo è particolarmente prudente quando si lavora in generi musicali che hanno suoni di chitarra molto specifici, come il post-rock o il black metal, poiché questi pacchetti sono dotati di un’ampia varietà di suoni diversi da utilizzare in un determinato stile musicale.

Pedali

Molti simulatori di amplificatori sono solo simulatori di amplificatori e non sono dotati di pedali aggiuntivi o di opzioni di effetti sostanziali.

Questo non significa che manchino di varietà o che abbiano necessariamente una gamma inferiore di suoni con cui giocare, poiché è perfettamente ragionevole dare più valore alla qualità del suono che alla sua malleabilità. Ma devo ammettere che è divertente avere un mucchio di pedali con cui giocare.

Trattandosi di un segnale virtuale di chitarra, il vantaggio logico dei pedali non è così ovvio: si possono trovare time-stretchers, loopers ed echoes (sì, lo so, sono tutti delay, è uno scherzo) nella DAW e aggiungerli alla traccia, eliminando la necessità di avere l’equivalente nella stompbox.

Tuttavia, avere tutti questi elementi pronti all’uso in un’unica scatola è molto comodo, consente di risparmiare CPU (elaborazione) e facilita la navigazione tra le preimpostazioni e l’inventario creati dall’utente.

pedale per chitarra

Sebbene non si tratti tecnicamente di un amplificatore, è anche possibile ottenere pedaliere individuali o effetti a pedale come VSTfx stand-alone, separati da quelli che si possono trovare in una suite.

Questi possono essere molto potenti perché, sebbene non offrano la stessa flessibilità di una libreria di simulatori di amplificatori, la loro concentrazione su un singolo elemento spesso significa che la qualità del suono e l’attenzione ai dettagli sono di prima classe.

Un esempio di eccellente pedale VST gratuito è il TSE R47, un’emulazione del famoso pedale utilizzato praticamente da tutte le band che hanno usato la distorsione dagli anni ’80.

YouTube video

Buon suono

Probabilmente non c’è bisogno di dirlo, ma nel caso in cui vi lasciaste trasportare dalla follia di un milione di preset diversi, 4000 potenziali combinazioni cabinet/testa e 750 pedali, è importante ricordare che il software VST non si limita al solo divertimento.

Il fatto è che ciò che si dovrebbe cercare più di ogni altra cosa non è nemmeno il “buon suono” – e chi può definire una linea così arbitraria che distingue i VST buoni da quelli cattivi. È vero. Opinioni come la mia, ma “un buon suono per la vostra musica”.

pedale per chitarra

Se una particolare simulazione di amplificatore per chitarra funziona terribilmente bene con lo stile sonoro della vostra canzone attuale, sarebbe strano sceglierla solo perché un cosiddetto “esperto” vi ha detto che è buona, mentre un altro plugin “meno realistico”, che si adatta perfettamente al vostro genere, è sprecato.

Quindi, tenendo presente quanto sopra, accendiamo (capite? Perché devi accendere un amplificatore per chitarra? Ahh, forse un po’ troppo intellettuale…) e passiamo alle mie raccomandazioni.

I migliori amplificatori per chitarra VST

iK Multimedia AmpliTube 5

iK Multimedia AmpliTube 5 amplificatore per chitarra VST

Esiste anche una versione gratuita di AmpliTube, che offre molte meno funzionalità ma è un buon punto di partenza.

AmpliTube è uno dei nomi più importanti nel campo delle simulazioni di amplificatori per chitarra, e per una buona ragione. Con innumerevoli opzioni anche per i tecnici del suono più esigenti, questo programma offre varietà e varietà e varietà.

Se avete bisogno di pedali per effetti indirizzati in modo specifico per emulare un suono, non cercate oltre. Se si desidera modificare la dinamica della stanza, il posizionamento del microfono o le dimensioni del cabinet in una particolare configurazione dell’amplificatore, AmpliTube può farlo in modo intuitivo e senza soluzione di continuità.

iK Multimedia è rinomata per il suo suono e il suo realismo piuttosto che per la sperimentazione di effetti (anche se questa ipotesi potrebbe essere superata vista la flessibilità di AmpliTube). Se siete alla ricerca di emulazioni specifiche di amplificatori di marche famose, questo è il programma che fa per voi.

Detto questo, l’unico inconveniente di questo VST è che gli amplificatori modellati da sviluppatori come Orange e Fender non sono inclusi nell’acquisto iniziale e sono “add-on”, di cui ho parlato nei capitoli precedenti.

Tuttavia, non sono essenziali per ottenere il massimo da AmpliTube 5, poiché i preset incorporati sono all’altezza della loro fama di realismo, spessore e buon comportamento di registrazione in un mix di strumenti microfonati.

Scuffham S-Gear 2.9

Scuffham S Gear 2.9 Amplificatore per chitarra VST

Lo Scuffham S-Gear è un’offerta popolare tra i chitarristi e i tecnici di studio, poiché il suo suono di amplificatore valvolare è apprezzato nel settore.

Basato su amplificatori boutique, unito a un’accurata emulazione di cabinet di altoparlanti basata sulla convoluzione, ha portato a una delle simulazioni di amplificatori per chitarra più coerenti, facili da usare e dettagliate disponibili sul mercato.

Come altri programmi per amplificatori per chitarra di alto livello, S-Gear permette all’utente di manipolare il trucco acustico in cui vengono registrati gli amplificatori, il posizionamento dei microfoni e persino i microfoni che vengono modellati. Anche in questo caso, ciò consente di controllare i toni senza compromettere la qualità.

Gli amplificatori virtuali sono stati progettati da Mike Scuffham, ex dipendente e progettista di Marshall Amplification.

YouTube video

Sebbene lo Scuffham non abbia la versatilità di altre unità della sua fascia di prezzo, ha una serie impressionante di modelli hardware da inserire in un rack di effetti, come riverberi e delay analogici.

Il grido di battaglia di S-Gear è il seguente: non abbiamo un milione di effetti e di preimpostazioni tra cui navigare per trovare qualcosa che vi piaccia. Basta collegare la chitarra, suonare e sperimentare la qualità superiore dei nostri amplificatori.

Devo ammettere che è difficile da discutere.

UAD Fender 55 Tweed

Amplificatore per chitarra UAD Fender 55 Tweed VST

Se avete mai usato uno dei loro prodotti, conoscete la loro “roba”. UAD è leader nel settore della modellazione hardware. Esistono moltissimi programmi e VST che emulano con successo i famosi effetti analogici della vecchia scuola, ma nessun sviluppatore è così realistico e fedele come UAD. La loro versione della Fender 55 Tweed non fa eccezione.

Ovviamente questo amplificatore si differenzia dai precedenti perché non è un bookshelf, ma è basato su un amplificatore, ma il costo è comunque simile. Questo può portare a una conclusione fuorviante: se qualcosa è più costoso ma meno versatile, allora deve fare meglio quell’unica cosa.

Questo è un errore e certamente non è sempre così nel mondo dei VST. Ma in questo caso? Sì, probabilmente non siamo troppo lontani dalla verità.

YouTube video

Per puntare su questo plugin, dovete essere sicuri di cercare il suono di un Fender 55 Tweed, in quanto offre un cambiamento tonale minimo al di fuori di quello che ci si potrebbe aspettare dall’acquisto di un amplificatore Fender (che, a dire il vero, è abbastanza significativo, ma non rispetto a una libreria VST come AmpliTube). Ma se è questo il suono che cercate, non troverete una rappresentazione migliore e più mirata del classico suono twang Fender.

Questo è un ottimo plugin.

Native Instruments Guitar Rig 6

Native Instruments Guitar Rig 6 VST

È disponibile una demo. Dura 30 minuti per sessione e non è possibile salvare o richiamare le preimpostazioni.

Tornando alle librerie di simulatori di amplificatori, Guitar Rig 6 è un altro dei VST più popolari tra i chitarristi grazie alla sua vasta gamma di effetti e all’enfasi posta sulla sperimentazione e sulla diversità tonale.

Sebbene alcuni puristi della chitarra sostengano che la qualità tonale di Guitar Rig manchi di dettaglio e realismo rispetto ai suoi concorrenti, questo non è solo un pensiero soggettivo, ma può anche essere perdonato quando ci si rende conto dei punti di forza di Guitar Rig.

L’obiettivo di NI con Guitar Rig 6 è quello di consegnare le chiavi degli amplificatori per chitarra all’utente, sia che si tratti di un veterano o di qualcuno che si è appena reso conto che Smoke on the Water potrebbe essere padroneggiata da un bambino di due mesi. Il numero di effetti disponibili potrebbe far girare la testa a chiunque.

YouTube video

Guitar Rig 6 si sta facendo un nome in generi musicali specifici e di nicchia. Questo non vuol dire che non sia competitivo quando si tratta di toni di chitarra per il pop, il rock e simili, ma se si entra nel mondo del post-rock, del dream pop, dell’ambient e di altri stili più sperimentali e ricchi di effetti, l’enfasi di NI sulla creatività dell’utente viene a galla.

Guitar Rig 6 è anche aperto alle librerie di utenti, il che significa che membri a caso della comunità possono creare preset da utilizzare, il che significa che la selezione quasi golosa di potenziali effetti analogico-modellati e combinazioni cab-amp non diventa schiacciante.

Simulatore di amplificatore per basso Kuassa Cerberus

Kuassa Cerberus Bass Amp Simulator VST

Kuassa offre anche un potente e dettagliato simulatore di amplificatore per chitarra, ma nella mia esperienza la vera potenza della loro linea di prodotti è Cerberus, la loro emulazione di amplificatore per basso.

Il plugin di Kuassa, dal prezzo contenuto per la sua qualità, offre agli utenti tre amplificatori tra cui scegliere: Valve, FET e Drive, oltre a un compressore e un equalizzatore integrati e alla possibilità di cambiare i microfoni e il loro posizionamento.

L’interfaccia grafica intuitiva e facile da usare lo rende una scelta ovvia per tutte le esigenze di basso.

YouTube video

Possiedo, uso e consiglio vivamente Cerberus – lo uso spesso sui synth/falsi bassi per dare loro un senso di realismo o per aiutarli a integrarsi perfettamente in un mix.

A volte, nei miei momenti più bui (cioè quando il mio vero basso era troppo lontano per poterlo usare), ho registrato la mia chitarra elettrica, l’ho accordata 12 semitoni più bassa e ho nascosto la mia vergogna con questo programma – con un effetto sorprendentemente buono.

DSP neurale

Amplificatore per chitarra DSP neurale VST

Neural DSP presenta probabilmente il software di modellazione di amplificatori più accurato che si possa acquistare. Sebbene non sia un grande pacchetto/libreria e quindi non abbia la comodità di alcuni degli altri simulatori di amplificatori per chitarra che abbiamo trattato in questo elenco, Neural DSP crea plugin specifici basati su amplificatori specifici con uno standard estremamente elevato.

Sebbene se si dovesse mettere insieme una collezione di grandi dimensioni, il conto in banca ne risentirebbe pesantemente, un singolo amplificatore valvolare offre un ottimo valore se si considera la versatilità – ad esempio, l’Archetype Plini è dotato di un EQ e di effetti a pedale, di 6 pickup che possono essere selezionati e posizionati lungo una cabina, nonché della possibilità di scegliere tra suoni puliti, croccanti e di chitarra solista.

La filosofia della modellazione accurata è simile a quella che UAD cerca di raggiungere e la qualità dei pacchetti Neural DSP non fa eccezione a questo standard molto elevato.

È importante considerare che la maggior parte degli amplificatori di questa linea di plug-in VST è rivolta ai musicisti metal (anche se alcuni dei pacchetti più recenti mirano a estendersi). Questo non vuol dire che non possano essere utilizzati per altri stili e applicazioni, ma non mi aspetterei di fare del twee pop con la Fortin Cali Suite fin da subito.

Plugin LePou

Plugin VST per amplificatori per chitarra LePou

Prezzo: Gratuito! Proprio così! GRATUITAMENTE!

L’amp pack di LePou, che comprende 8 plugin gratuiti tra cui simulatori di amplificatori e preamplificatori a modellazione analogica, è un ottimo modo per avvicinarsi al mondo degli emulatori di amplificatori.

Sebbene la maggior parte delle librerie di amplificatori più diffuse offra versioni gratuite o dimostrative, queste possono purtroppo essere piuttosto restrittive per quanto riguarda l’offerta. Al contrario, il pacchetto di plugin di LePou è completamente scompattato e disponibile per l’uso sulla pista.

Non c’è niente di peggio che registrare un’ottima traccia di chitarra e vedersi comparire un messaggio a metà strada che informa – in modo sgarbato – che i 30 minuti sono finiti e che è ora di andare.

Non solo ci sono le ovvie implicazioni di un programma gratuito (cioè non si deve pagare), ma questa suite VST ha un tono abbastanza competitivo.

Non manca nemmeno la varietà: la qualità e il dettaglio del suono prodotto possono essere regolati in base ai propri gusti con i classici controlli di equalizzazione, riverbero e compressione.

Molti acquistano una copia di questo pacchetto di plug-in come introduzione all’uso dei simulatori di amplificatori, per poi scoprire che rimane una parte essenziale del loro kit di strumenti DAW anni dopo.

Altre opzioni principali

  • Bias AMP FX 2
  • Onde GTR
  • Sala amplificatori vintage Softube
  • Una voce alta THU
  • ReValver di Audio Media Research

Conclusione

Mi piacciono i simulatori di amplificatori per chitarra. Sono un produttore musicale particolarmente sperimentale: giocare con la mia “arte” mi permette di nascondere, con il pretesto della “creatività”, qualsiasi decisione terribile, tracce registrate male e, in generale, strumenti scadenti. Ciò significa che tutto ciò che posso utilizzare per più funzioni è per me entusiasmante.

I simulatori di amplificatori per chitarra possono fornire eccellenti regolazioni di tono alle chitarre, sia in ingresso diretto che registrate con un microfono, ma personalmente ho trovato maggiore utilizzo di questi simulatori come saturatori di tracce vocali, sintetizzatori e persino pianoforti.

La possibilità di disporre di un’ampia gamma di applicazioni potenziali è solo uno degli aspetti interessanti dell’uso di un emulatore di amplificatore: la comodità, la quantità di suoni a portata di mano o la semplice possibilità di ottenere un suono di chitarra nella DAW (capisco che non tutti hanno un amplificatore o un microfono) sono tutti motivi per investire in uno dei VST sopra menzionati.

Come sempre DYOR (fate le vostre ricerche) – perché ciò che può essere spazzatura per una persona può essere oro per un’altra. I suoni, le opzioni e gli effetti unici disponibili su qualsiasi amplificatore per chitarra VST fanno sì che sia davvero una questione di gusti.

Il fatto che non abbia citato il vostro amplificatore per chitarra preferito non significa che possa essere il migliore in assoluto.

Ho cercato di concentrarmi su una gamma diversificata di opzioni, tenendo conto della popolarità e della facilità d’uso, poiché non può esistere un simulatore di amplificatore “migliore”.

Quale vi piace di più?

Sì, questo è il migliore.

Lascia un commento