Guida ai Principali Marchi di Pianoforti e Tastiere Digitali nel 2024

Quando si tratta di scegliere una tastiera, la moda non esiste. Le migliori marche di pianoforti digitali si concentrano sulla funzione, ovvero sull’eccellenza tecnologica attentamente controllata dalla qualità, in un prodotto che è stato perfezionato …

Quando si tratta di scegliere una tastiera, la moda non esiste.

Le migliori marche di pianoforti digitali si concentrano sulla funzione, ovvero sull’eccellenza tecnologica attentamente controllata dalla qualità, in un prodotto che è stato perfezionato attraverso anni di test e sviluppo.

Poiché cerchiamo l’autenticità del suono e della sensazione, sta diventando sempre più difficile e costoso per i marchi soddisfare le nostre aspettative di clienti, al punto che la scelta sbagliata può lasciarvi seriamente a corto di soldi, con un prodotto che non offre una sensazione naturale o un suono di alta qualità.

Naturalmente, si corre il rischio di sviluppare una cattiva tecnica delle dita per compensare una cattiva azione.

Ci sono certamente marche di pianoforti digitali da evitare, ma ne parleremo più avanti.

Ma oggi ci concentreremo sulla crema del raccolto: i marchi di pianoforti digitali più affidabili e fidati.

Diamo un’occhiata a ciò che offre il mercato.

Evoluzione del pianoforte digitale: allora e oggi

L’idea di rendere elettrici i pianoforti esiste fin dagli anni Venti, ma solo alla fine degli anni Cinquanta si è diffusa.

Artisti come Ray Charles iniziarono a modificare digitalmente i suoni e nacque il concetto di un’alternativa più leggera e diversificata al pianoforte verticale o a coda standard.

Da allora fino agli anni ’90, il pianoforte digitale era uno strumento diverso: un suono simulato riconoscibile, pronto per essere utilizzato per synth e funk.

Ma con l’evolversi della situazione, le aziende hanno iniziato a essere in grado di riprodurre il suono di uno strumento acustico in modo molto fedele e la domanda di imitazioni dirette del pianoforte è aumentata.

Oggi il realismo di un pianoforte digitale è eccezionale, dal suono alla sensazione dei tasti.

E poiché questa opzione si affianca ai modelli di sintetizzatori specializzati, nel 2017 sono stati venduti 161.000 pianoforti digitali solo negli Stati Uniti.

Ma i progressi della tecnologia ci hanno portato al punto in cui è ora possibile avere entrambe le cose: uno strumento che ha l’aspetto, il suono e la sensazione di un pianoforte, ma è programmato digitalmente per offrire un’ampia gamma di suoni, connettività e opzioni di registrazione, tutto in uno.

E naturalmente, con l’interesse di altre aziende, la concorrenza aumenta e fa scendere il prezzo dei modelli entry-level.

Esistono anche “veri” ibridi, veri e propri pianoforti acustici con corde e meccanismi come i pianoforti tradizionali, ma con funzioni digitali integrate.

Al momento sono costosi, ma è possibile trovarli presso i principali marchi di pianoforti digitali (a patto di sapere chi sono e cosa cercare!).

Le migliori marche di pianoforti digitali

Dopo aver fatto qualche ricerca di base sui pianoforti digitali e sulle loro caratteristiche, vi renderete subito conto che sul mercato esistono decine di marche diverse, alcune delle quali probabilmente non avete mai sentito nominare.

Tutte le marche di pianoforti digitali offrono lo stesso livello di qualità e affidabilità?

Certo che no. In effetti, ci sono alcuni marchi che dovreste evitare a tutti i costi.

Per comodità, cercheremo di coprire tutti i marchi di tastiere più popolari e di parlarvi dei loro punti di forza e di debolezza.

Inizieremo con i 7 marchi più affidabili e degni di fiducia che raccomandiamo in base alla nostra esperienza e a quella di altri, per poi passare ai marchi che è meglio evitare (con alcune eccezioni).

Per una panoramica di questi marchi e delle loro gamme di prodotti, date un’occhiata alla tabella di confronto qui sotto.

Yamaha

Non si può parlare dei migliori produttori di pianoforti digitali al mondo senza Yamaha.

Sono i più popolari, i più antichi e hanno la gamma più ampia e versatile. Infatti, bisogna risalire al 1887 per trovare il primo organo, costruito dallo stesso Torakusu Yamaha.

Azienda giapponese, i suoi pianoforti acustici e digitali sono prodotti in enormi stabilimenti in Giappone, Cina e Indonesia prima di essere esportati in tutto il mondo. Nel 2017, le vendite totali di tutti i prodotti dell’azienda hanno superato i 3 miliardi di dollari.

Il segreto del successo di Yamaha risiede nella sua base di pianoforti acustici.

I loro pianoforti verticali e a coda sono utilizzati ovunque, dalle scuole alle sale da concerto, ed è proprio questa attenzione alla meccanica di un pianoforte “vero” che è stata di grande aiuto nella creazione di un suono digitale.

L’elemento centrale è l’azione graduale del martello, simile a quella del pianoforte, presente in tutti i pianoforti digitali, anche se con livelli di qualità diversi.

Dal GHS nella gamma entry-level, al GH3X in alcuni Clavinova, fino all’azione in legno del GrandTouch, Yamaha attribuisce un grande valore al tocco, e si vede.

Con una così ampia gamma di opzioni e prezzi, non sorprende che nel 2016 abbiano raggiunto una quota di mercato del 32,6%.

La gamma PSR-E, accessibile e di base, è molto apprezzata dai bambini e dai principianti, con alcuni modelli disponibili a meno di 200€.

Fate un confronto con la famosissima gamma Clavinova: uno dei modelli CLP verticali può costare qualche migliaio di dollari, ma un pianoforte digitale a coda come l’incredibile CVP-709GP costa più di 15.000€.

Yamaha offre anche eccellenti pianoforti da palco e da studio grazie alla sua esperienza nella tecnologia musicale.

I modelli compatti della serie P, estremamente popolari, partono da 400€, ma ci sono modelli con più funzioni e migliore realismo disponibili in tutta la gamma di prezzi.

Come tutti i pianoforti digitali Yamaha, sono molto resistenti e affidabili, una delle caratteristiche migliori del marchio.

La garanzia Yamaha di 3 anni copre la maggior parte dei suoi marchi, ma la gamma Clavinova ha una garanzia di 5 anni, a dimostrazione della fiducia che Yamaha ripone in questa serie.

I modelli professionali PSR-S sono workstation arranger di fascia alta, ma completamente dedicate, piuttosto che tastiere entry-level.

La gamma Yamaha Montage, che compete con le famose tastiere Korg KRONOS e Nord Stage 3, è molto più popolare.

Le caratteristiche principali includono 6347 forme d’onda (il doppio rispetto alla serie MOXF), oltre 10.000 arpeggi, la tecnologia Seamless Switching Sound (SSS) e un sequencer MIDI a 16 tracce.

Se siete interessati principalmente al pianoforte, vi consigliamo di dare un’occhiata ai loro modelli molto popolari incentrati sul pianoforte (pianoforti digitali):

Serie P – pianoforti digitali portatili per principianti ed esperti

Serie YDP – pianoforti digitali domestici in stile console, simili alla serie P, ma meno portatili e meno adatti ai concerti.

Clavinova – i loro famosi pianoforti digitali di fascia alta offrono la migliore tecnologia dell’arsenale Yamaha.

Allo stesso tempo, sono anche all’avanguardia nell’era ibrida: i loro pianoforti TransAcoustic sono veri e propri modelli acustici con funzioni digitali come l’ingresso per le cuffie e il controllo del volume, oltre alla possibilità di suonare diversi modelli di pianoforte a coda tramite un’app.

In tutti gli stili e in tutte le gamme, i prodotti Yamaha sono utilizzati e approvati dai principali musicisti e studi di tutto il mondo.

Da Stevie Wonder e Justin Timberlake nel mondo mainstream ad Alberto Pizzo e HJ Lim nel mondo classico, gli strumenti sono ben rappresentati e molto apprezzati.

Vantaggi

  • Ampia gamma di prodotti per tutti i budget, livelli ed esigenze
  • Ampia esperienza nel settore
  • Il suono caratteristico di Yamaha
  • Riconosciuto in tutto il mondo
  • Forte servizio clienti

Svantaggi

  • Non l’azione più realistica (GHS) nei loro PD di fascia bassa
  • Il design (probabilmente) noioso di alcuni dei loro strumenti
  • Piuttosto conservatore quando si tratta di nuove tecnologie

Casio

Un’altra grande multinazionale giapponese, Casio è probabilmente più conosciuta per i suoi orologi, calcolatrici e macchine fotografiche che per i suoi pianoforti digitali.

Tuttavia, questa forte base numerica ha dato vita a uno dei migliori marchi sul mercato, soprattutto perché si è fatto conoscere sul mercato solo negli ultimi 15-20 anni.

Sebbene l’azienda esista dal 1946 e la prima tastiera commercializzabile – il Casitone 201 – sia stata rilasciata nel 1980, è stato il lancio della gamma Privia nel 2003 a far conoscere Casio.

Leggeri, compatti, ma accessibili, si sono rapidamente posizionati sul mercato in modo leggermente diverso dai giganti come Yamaha.

I loro pianoforti sono noti per essere molto economici e destinati a principianti e amatori.

Tuttavia, non sono rimasti indietro nella tecnologia e alcune funzioni dei loro pianoforti sono disponibili solo su modelli molto più costosi della concorrenza.

La gamma Celviano, ad esempio, è un concorrente diretto del Clavinova Yamaha, con l’AiR Grand Sound Source e la simulazione del suono acustico con più altoparlanti, ma a un prezzo inferiore di oltre mille dollari su tutta la gamma.

Certo, non si ottiene la stessa qualità di azione di un Clavinova, poiché nella gamma Celviano viene utilizzata la stessa azione del Privia, ma è una buona scelta se si ha un budget limitato.

Anche la serie Grand Hybrid di Casio fa parte della famiglia Celviano, ma si tratta di modelli completamente diversi.

I modelli GP-310 e GP-510 sono caratterizzati da un’azione dei tasti ibrida meticolosamente progettata che ricorda da vicino quella di un pianoforte a coda acustico.

Casio Grand Hybrid Azione dei tasti

I tasti sono in vero legno e l’impianto audio di bordo a 6 altoparlanti è davvero notevole.

Questi sono i pianoforti digitali più avanzati dell’arsenale Casio. Sono in concorrenza con la serie AvantGrand di Yamaha e la serie ibrida NV di Kawai.

In generale, non c’è molto al di fuori della gamma di Celviano che possa interessare un professionista.

Ciò significa che i modelli Casio non vengono rappresentati sul palco o in studio, e quindi non hanno molto spazio.

Tuttavia, nell’ambito del loro sostegno ai programmi per giovani musicisti attraverso la Grammy Foundation, collaborano con diversi artisti contemporanei, tra cui Larry Dunn degli Earth Wind & Fire e la cantautrice Rachel Sage.

Naturalmente, il rovescio della medaglia è che i loro prezzi rimangono tra i più competitivi del mercato.

Anche le garanzie sono competitive, con 3 anni per la gamma Privia e 5 anni per i Celvianos (la garanzia normale è di 12 mesi).

Poiché Casio si rivolge ai giovani e ai principianti, le modalità di suono e le interfacce sono tutte eccezionalmente facili da usare.

Sebbene non sia disponibile un’ampia gamma di opzioni e modulazioni, si tratta di pianoforti immediatamente accessibili, perfetti per sviluppare la fiducia e la conoscenza della tecnologia del pianoforte digitale.

E mentre la serie PX, compatta e capace di riempire la stanza, costa tra le 400€ di un PX-160 e le 1.200€ di un PX-560 di qualità da studio, i pianoforti CDP, che si rivolgono ai principianti, sono molto più economici, anche se hanno un’azione ponderata di base e ottimi diffusori.

La gamma Privia rimane senza dubbio la più popolare dell’arsenale Casio. È molto versatile e comprende pianoforti digitali di diversi tipi (console, portatili) e fasce di prezzo.

Vantaggi

  • Conveniente
  • Per i principianti
  • Ottimo rapporto qualità/prezzo
  • Non ci sono limitazioni per quanto riguarda i pianoforti acustici che possono essere campionati (altri marchi importanti come Yamaha o Kawai tendono a utilizzare i propri pianoforti).
  • Molte caratteristiche dei PD Casio sono disponibili solo su modelli molto più costosi di altre marche

Svantaggi

  • Gamma limitata di prodotti
  • Non ci sono molte tastiere per i professionisti
  • Il sistema tri-sensore Scaled Hammer Action II, utilizzato da Casio nella maggior parte dei suoi modelli Privia, tende a essere un po’ più “rumoroso” rispetto ai suoi concorrenti.

Roland

A differenza di Yamaha e Casio, Roland si concentra sulla musica.

Fondata a Osaka nel 1972, l’azienda opera ancora in Giappone e le sue tastiere sono considerate uno dei più importanti prodotti di musica digitale mai rilasciati in termini di sviluppo del mercato.

Quello che potete aspettarvi da Roland sono 40 anni di esperienza nel campo dei pianoforti digitali.

I loro prodotti sono di qualità eccezionale in tutte le gamme e, poiché si concentrano esclusivamente sui modelli digitali, sono probabilmente in una posizione migliore rispetto a qualsiasi altra azienda di questo elenco per essere pionieri nel settore.

Nel video qui sotto potete vedere tutti gli strumenti musicali che Roland ha creato e migliorato nel corso degli anni.

Come ci si può aspettare, la loro gamma di strumenti è vasta: dai pianoforti da palco alle console digitali e ai modelli portatili, il loro marchio è riconoscibile e i loro prodotti sono costruiti per durare.

La serie Stage RD è probabilmente l’opzione più robusta e durevole disponibile.

Infatti, Roland è così sicura dei suoi prodotti che i modelli HP, LX, HPi, DP, KF e GP godono tutti di un’incredibile garanzia di 10 anni, la migliore del settore.

Anche l’assistenza al prodotto è eccellente, con aggiornamenti regolari del sistema e ottime condizioni di riparazione.

I loro siti web ufficiali sono pieni di tutorial per aiutarvi a familiarizzare con il vostro nuovo strumento.

Roland ha inoltre compiuto progressi sostanziali nelle sue azioni chiave.

L’attuatore a chiave di punta di Roland – PHA-50

L’azione PHA-4 Concert è caratterizzata da tasti che simulano l’avorio, impedendo alle dita di scivolare dai tasti, mentre l’azione ibrida in legno PHA-50, fiore all’occhiello dell’azienda, è disponibile per le serie DP e HP, oltre che per l’FP-90 (fiore all’occhiello della serie portatile FP) e per il pianoforte da palco RD-2000.

I centri dei tasti sono in vero legno, con la sensazione di avorio del PHA-4 intatta all’esterno.

Inoltre, il sistema di pedali consente di riprogrammare i pedali morbido e sostenuto su pesi e funzioni diverse.

Sebbene non ci siano dubbi sulla qualità del marchio Roland, i suoi prodotti sono costosi.

Nella gamma dei portatili, l’FP-90 costa circa 1900 euro; l’equivalente Yamaha serie P costa solo 1499 euro.

Il pianoforte a coda top di gamma V-Piano costa poco meno di 20.000 dollari. Considerando che si tratta del top di gamma, non è una sorpresa.

Ma se siete interessati alle serie RP (domestica) e FP (portatile), accessibili e popolari, potrete beneficiare della tecnologia SuperNATURAL, che si concentra sull’alterazione naturale dei toni in base alla velocità e al decadimento delle note, per un suono più reale, nonché della tastiera PHA-4 Standard con tasti a sfioramento in avorio e funzione Escapement, considerata una delle migliori azioni dei tasti della sua categoria.

Vantaggi

  • Conoscenze tecnologiche (supporto Bluetooth integrato sulla maggior parte dei loro PD, modellazione fisica, ecc.)
  • Fiducia in tutto il mondo
  • Le azioni chiave PHA-4/PHA-50 sono tra le migliori della categoria
  • Grande app Piano Partner 2 (utilizzabile via Bluetooth)
  • Non si limita a scegliere i pianoforti acustici da campionare

Svantaggi

  • Selezione limitata di tastiere per principianti
  • Alcuni ritengono che i toni del pianoforte siano un po’ troppo brillanti.
  • Sul fronte dei prezzi

Kawai

Se volete andare oltre il Roland, Kawai è lo specialista dei pianoforti, sia acustici che digitali.

L’azienda è stata fondata nel 1927 con sede ad Hamamatsu, in Giappone, la stessa città in cui si trova la sede centrale di Roland.

Sebbene siano meno conosciuti nel mondo rispetto a Yamaha o Roland, negli ultimi anni si sono sviluppati in modo massiccio in Russia, America e Cina.

Anche i loro prodotti sono davvero validi: la serie verticale CN ha vinto il MMR Dealers’ Choice “Home Digital Piano Line of the Year” nel 2014 e i prodotti successivi si sono distinti agli stessi premi ogni anno da allora.

Kawai è un marchio costoso, ma lo sa e si presenta come produttore di strumenti professionali per musicisti professionisti.

Il pianoforte da palco MP11SE offre una serie di funzioni di personalizzazione digitale senza compromettere il suono reale, ma dovrete sborsare circa tremila dollari per averlo.

Al contrario, i portatili di livello inferiore – l’ES110 e l’ES8 di livello professionale (un concorrente dello Yamaha P-515 e del Roland FP-90) sono molto più accessibili.

Se state per acquistare un Kawai – e ci sono diversi motivi convincenti per farlo – è sensato optare per uno dei modelli top di gamma.

Il CN-39 è il loro migliore digitale di fascia media, con una polifonia di 256 note, 352 suoni e una finitura straordinaria, a poco meno di 3000€.

Per quanto riguarda la serie CP (Concert Piano), si concentra sulla potenza senza compromettere la qualità del suono e la sua edizione grande è probabilmente il pianoforte digitale a coda più ricco oggi sul mercato, ma vi costerà ben oltre 20.000€.

All’estremità inferiore della scala, Kawai ha preparato anche una serie di eccellenti strumenti molto competitivi e popolari nella loro fascia di prezzo, tra cui i già citati ES110 (portatile) e KDP110 (console).

I principali gioielli della corona Kawai sono il suono e il tocco, probabilmente le due aree più importanti.

Il registro inferiore di tutte le gamme è eccellente, con un’emissione potente e un suono di pianoforte ricco di armonici.

I tasti Grand Feel (GF) sono in legno e funzionano con lo stesso sistema a perno dei montanti Kawai, mentre l’azione RHIII in plastica ripiegata funziona con un’azione dei tasti a triplo sensore.

Qualunque pianoforte Kawai scegliate, l’azione e il suono saranno vicini o al top della gamma disponibile.

Sul versante ibrido, Kawai offre il bellissimo pianoforte digitale ibrido NOVUS NV10.

L’NV10 pesa ogni tasto singolarmente e ricrea completamente la meccanica di un pianoforte acustico, utilizzando sensori ottici di precisione e un meccanismo di smorzamento ibrido unico sul mercato.

Per meno di 10.000 euro, questo è uno dei pianoforti high-end più convenienti che Kawai offre.

Vantaggi

  • Interamente incentrato su pianoforti acustici e digitali (nessun’altra attività)
  • Strumenti popolari (per il loro realismo) in tutte le fasce di prezzo
  • Conosciuti per il loro suono realistico e i tasti naturali
  • Grande app Piano Partner 2 (utilizzabile via Bluetooth)
  • Ampia scelta di pianoforti digitali per il soggiorno

Svantaggi

  • Scarsa presenza nel reparto sintetizzatori, arrangiatori e workstation
  • Poche (se non nessuna) tastiere per principianti
  • Non sono conosciuti in tutto il mondo come Yamaha o Roland (ma la situazione sta cambiando).
  • Prezzo elevato

Korg

Fondata a Tokyo nel 1962, Korg – precedentemente nota come Keio Electronic Laboratories – è un produttore di pianoforti solo digitali, pedali, apparecchiature di registrazione, sintetizzatori e chitarre.

Il loro obiettivo principale è la tecnologia digitale, che si riflette nella loro gamma di prodotti, fortemente incentrata su workstation e sintetizzatori.

In effetti, è uno dei marchi di workstation da studio più utilizzati al mondo e il più riconoscibile, insieme a Nord.

Il loro ingresso nel mercato dei pianoforti digitali è relativamente recente e sicuramente competitivo, anche se manca una serie di fascia alta.

Il G1 Air, ad esempio, la colonna digitale di punta, viene venduto a circa 1.600 euro.

Sebbene non sia ricco di funzioni come i modelli più costosi di Yamaha, Roland o Kawai, l’azione del martello dell’RH3 è molto competitiva con altri marchi e il know-how digitale affinato nel corso degli anni grazie all’attenzione alla tecnologia è molto evidente.

L’attrazione principale della gamma di pianoforti digitali Korg è il suono.

I modelli più recenti, come il B2SP, sono dotati di altoparlanti da 30 watt e della tecnologia Motional Feedback, che mira a eliminare la distorsione delle basse frequenze della tastiera.

Nel frattempo, il G1 Air suona in modo sorprendente per le sue dimensioni, tentando persino di ricreare i grandi concerti nonostante il prezzo relativamente basso e la compattezza rispetto ai suoi concorrenti.

Essendo così orientati al suono, hanno anche una gamma di ingressi e uscite che si adattano a quasi tutte le situazioni. Anche il design è molto innovativo.

I bordi dei montanti sono nettamente curvati e, invece di avere pannelli laterali come supporto, hanno gambe anteriori separate, cosa che non avviene con i concorrenti.

In questo modo si ottiene un prodotto più leggero, ma non per questo meno resistente.

In effetti, Korg concentra gran parte del suo sviluppo sulle conchiglie in cui conserva la sua preziosa tecnologia, semplicemente perché sono spesso più complesse della concorrenza quando si inizia a guardare la loro serie di workstation.

Passando al mondo dei pianoforti da palco, troviamo Korg nel suo elemento.

Il Kronos LS è utilizzato in tutto il mondo. I tastieristi di band superstar come i Queen eseguono il marchio in stadi enormi.

Il joystick e i touchscreen offrono un’ampia gamma di opzioni live e registrate, ma la qualità della tastiera non viene sacrificata.

Non è nemmeno molto costoso, poiché si tratta di uno studio portatile.

La Kronos costerà tra i 3.000 e i 4.000 euro a seconda della configurazione, mentre le tastiere Krome sono ancora più accessibili.

Un’altra area in cui Korg eccelle è quella delle workstation di arrangiamento di qualità professionale, in particolare la serie Pa, che potrebbe diventare il vostro partner preferito per la scrittura e l’esecuzione di canzoni, fornendovi suoni e stili di altissima qualità per praticamente qualsiasi genere.

Vantaggi

  • Alcuni strumenti sono ancora prodotti in Giappone
  • Esperti in sintetizzatori, tastiere e workstation di qualità professionale
  • Non limitate la vostra scelta a pianoforti acustici campionati
  • Sottolineare l’importanza di un sistema di altoparlanti di bordo di alta qualità.
  • L’azione dei tasti RH3 utilizzata nelle tastiere di fascia alta è molto competitiva.

Svantaggi

  • Gamma relativamente piccola di pianoforti digitali consumer
  • Alcuni dei loro pianoforti digitali entry-level mancano di alcune delle caratteristiche più popolari dei loro concorrenti
  • Selezione limitata di tastiere per principianti

Nord

Per quanto riguarda questo elenco, si può pensare a Nord come all’opposto di Casio.

Unica azienda non giapponese in questo elenco, la società svedese si concentra su modelli di fascia alta e costosi per professionisti o studi, con caratteristiche e qualità all’altezza.

L’azienda esiste dal 1983 con il nome di Clavia Digital Musical Instruments e ha la gamma di prodotti più piccola di questo elenco, concentrandosi esclusivamente su sintetizzatori e pianoforti da palco.

La caratteristica finitura rossa dei gusci dei loro prodotti li rende forse il marchio di tastiere da palco più riconoscibile sul mercato.

Quando si pensa al Nord, si pensa alla tecnologia. Anche nei modelli di pianoforte da palco, la quantità di opzioni è da capogiro.

Il Nord Piano 4, ad esempio, ha tasti con meccanismo a martello graduato, ma si tratta di un meccanismo progettato da terzi – Fatar – e non sviluppato internamente, come nel caso dei suoi concorrenti.

Questo non vuol dire che non sia eccellente – lo è, ma parte del motivo per cui non si vedono molti Nord al di fuori del palcoscenico e dello studio è che non sono stati progettati per attrarre il pianista classico che ha fatto il salto verso il palcoscenico digitale.

Si tratta di strumenti per chi ha una mentalità tecnica, cioè per chi ha una buona conoscenza dei sintetizzatori e un genuino interesse per le performance digitali dal vivo.

In effetti, la gamma di manopole e controlli della loro linea copre quasi ogni eventualità live: loop, campionamenti, ecc.

Gli altri modelli di palcoscenico – l’Electro e lo Stage – sono equipaggiati in modo simile e altrettanto costosi.

In termini di sintetizzatori, il Nord Lead 4 è certamente un leader di mercato, in quanto offre sintesi wavetable, stacking multiplo e sintesi hard/soft. Tuttavia, è uno dei più costosi sul mercato.

La garanzia sui prodotti Nord varia da distributore a distributore, ma l’azienda si è guadagnata la reputazione di essere il numero uno nel controllo della qualità.

Il loro roster di artisti è apparentemente infinito, anche se in gran parte popolato da musicisti di sessione e da tournée, a dimostrazione della loro attenzione alle moderne esigenze del lavoro in tournée e in studio.

Data la relativa novità del marchio e la sua specializzazione in pianoforti da palco, Nord ha fatto un lavoro eccezionale per diventare un vero concorrente dei pesi massimi Roland e Yamaha.

Vantaggi

  • Realizzato a mano in Svezia
  • Alta qualità
  • Molto apprezzato dai professionisti (concerti, lavori in studio)
  • Altamente specializzati (approfondire piuttosto che ampliare)
  • L’azione dei tasti RH3 utilizzata nelle tastiere di fascia alta è molto competitiva.

Svantaggi

  • Prezzo elevato
  • Gamma molto limitata (solo tastiere di qualità professionale)
  • Potrebbe non essere la scelta migliore per i pianisti con una formazione classica.

Dexibell

Dexibell è un nome relativamente nuovo nel settore, ma questa azienda italiana si è fatta un nome con prodotti sempre ben progettati che seguono i principi di design collaudati di altre aziende affermate.

La maggior parte dei progettisti di Dexibell sono infatti ex dipendenti Roland, e questo è un pedigree solido con cui lavorare. Abbiamo già parlato in precedenza dell’occhio di Roland per il design e l’innovazione attraverso i suoi 40 anni di storia, e Dexibell mira a ricreare quella magia.

Dexibell ha fatto il suo ingresso sul mercato con i pianoforti da palco Vivo, conosciuti anche come Vivo S-line. Questi pianoforti sono ancora relativamente sconosciuti, ma le recensioni e gli utenti sono generalmente molto soddisfatti di ciò che offrono.

La “salsa segreta” degli strumenti Dexibell è l’uso del processore CORTEX-Quadcore, che utilizza un’architettura simile a quella dei personal computer e dei laptop.

È poi accoppiato con motori sonori ottimizzati per utilizzare la natura multithread, in particolare il motore True To Life (T2L) incentrato sul pianoforte.

Questo motore audio utilizza una profondità di campionamento di 24 bit, che consente una maggiore gamma dinamica. Il veloce processore reagisce ai sensori integrati, aggiungendo rumore e altri dettagli in modo reattivo.

Il motore sonoro del T2L funziona in modo simile al motore SuperNATURAL di Roland e permette di modificare i parametri su richiesta. Ad esempio, l’utente può modificare i suoni cambiando alcuni parametri predefiniti.

In generale, Dexibell utilizza tastiere di Fatar, che è anche responsabile della linea North di Clavia. Anche se non sono male (il top di gamma TP/40 è persino abbastanza buono), non vinceranno alcun premio per la giocabilità.

Il Dexibell Vivo S-line forse non è così noto come la sua controparte settentrionale, ma presenta alcuni degli stessi elementi di design, come le ruote angolate per il pitch e la modulazione e le singole sezioni.

Dexibell produce anche pianoforti per console domestiche, noti come Vivo H-line.

L’aspetto interessante è che questi modelli di console utilizzano essenzialmente la stessa tecnologia dei pianoforti da palco Dexibell, rendendoli strumenti costosi ma potenti.

Le caratteristiche ereditate dai pianoforti da palco Dexibell includono una libreria sonora espandibile con 1,5 GB di memoria wave, un’ampia selezione di effetti di riverbero e DSP e il supporto per la riproduzione audio .wav, .aiff, .mp3.

La linea H mette splendidamente in mostra le tecniche di campionamento e modellazione di Dexibell e rivaleggia con i veterani più esperti del settore.

Campioni di quindici secondi e risonanze modellate, uniti a driver ben sintonizzati, fanno di Dexibell un marchio che vale la pena di prendere in considerazione se si ha l’opportunità di provarlo.

Infine, Dexibell produce anche organi, tra cui il Classico L3 e il Combo J7, che imitano rispettivamente un organo da chiesa elettrico e un organo jazz.

Sebbene Nord abbia probabilmente ancora una posizione dominante nel mercato degli organi digitali, il Combo J7 è il primo organo digitale dotato di fader e drawbar motorizzati, il che potrebbe interessare i musicisti che desiderano un suono in evoluzione.

Pianoforti e tastiere da evitare

Williams

A prima vista, potreste essere sedotti da Williams, che produce strumenti bellissimi con statistiche sulla carta simili a quelle dei suoi concorrenti, ma a una frazione del prezzo.

Il Legato III, il modello per principianti, viene venduto a meno di 500€, mentre il modello digitale verticale, l’Overture 2, costa circa 700€; ma il costo si ferma qui.

Il punto è che questi pianoforti non hanno una meccanica in grado di sostenere la loro estetica.

La gamma e la qualità della campionatura sono piuttosto deludenti e gli altoparlanti sono abbastanza potenti ma la qualità del suono non è eccellente. I problemi principali riguardano il gameplay.

I tasti sensibili al tocco sembrano appartenere all’era oscura rispetto alle offerte a martello dei grandi nomi, e la mancanza di controllo dinamico è molto preoccupante. Sembra di giocare su un vecchio tavolo da gioco di 30 anni fa, per quanto sia buona la loro gamma di prodotti.

Il marchio stesso è di proprietà di Guitar Center, ma gli strumenti sono prodotti da un subappaltatore in Cina.

Non sorprende che i pianoforti Williams siano fortemente promossi dalla catena di negozi Guitar Center e dalle sue filiali (Musician’s Friend, Woodwind & Brasswind, ecc.).

Artesia

In termini di prezzo, Artesia è un marchio simile a Williams e si rivolge chiaramente ai principianti piuttosto che ai professionisti esperti.

Se siete appassionati di Yamaha o Kawai, sarete sorpresi di scoprire che potete acquistare il loro pianoforte digitale a coda – l’AG-30 – per circa 1500€.

La conclusione è che non vale la pena di risparmiare.

La qualità costruttiva degli strumenti Artesia è a dir poco mediocre: si risparmia sui componenti a destra e a manca.

La serie di tavoli PA, progettata per i principianti, dà l’impressione di non poter sopportare alcun tipo di impatto.

E dal punto di vista meccanico, tutto è anni luce avanti rispetto ai grandi. L’azione è elastica e meccanica, il suono è sottile e pixelato e le opzioni di programmazione sono troppo poche.

Questi ragazzi sono la dimostrazione del vecchio adagio secondo cui si ottiene ciò che si paga.

Altro

Ma non si tratta solo di questi tre. Ci sono molte altre marche minori che non valgono i vostri soldi. Omega e Galileo sono due esempi.

Suzuki, tuttavia, è una potenziale buccia di banana. Sono diventati un marchio di pianoforti di fama mondiale in Estremo Oriente, con i loro metodi e tastiere presenti in migliaia di scuole.

Il risultato finale è che i loro prodotti non sono all’altezza.

Marchi semi-consigliati

Ci sono due marchi che non ho potuto includere in nessuna delle categorie precedenti. Non li “sconsiglio” necessariamente, ma in molti casi esistono opzioni migliori di altre marche.

Kurzweil

Tornando agli anni ’80, il marchio Kurtzweil era leader di mercato.

Un’improbabile collaborazione tra Stevie Wonder e l’inventore Raymond Kurtzweil – che ha sviluppato macchine per la lettura per i non vedenti – li ha visti salire al vertice con la migliore riproduzione del suono del pianoforte acustico sul mercato, di gran lunga.

Il suono prodotto da queste macchine è buono come sempre e stanno indubbiamente vincendo la guerra dei prezzi con i loro concorrenti (il principale concorrente del Clavinova, l’M110, costa solo circa 1200 euro).

Tuttavia, sono delusi dall’azione delle loro tastiere, che sono goffe, pesanti e ricordano le tastiere di plastica di una volta.

Questo deve essere in parte dovuto alla decisione di vendere il marchio a Young Chang, che poi è stato acquistato da Hyundai: non credo che ci sia lo stesso livello di attenzione e innovazione.

In effetti, per prendere in considerazione l’acquisto di uno degli strumenti Kurzweil, è necessario essere interessati al loro top di gamma.

Il CUP1, il cui prezzo supera i 2.000 euro, ha una potenza di 100 watt, un design verticale e numerose opzioni di personalizzazione.

Per il loro pianoforte da palco di punta – Kurzweil Forte con 16 GB di suoni e 23 controller programmabili – pagherete ancora di più.

Il problema del touch è meno accentuato con questi modelli, ma se dovessi spendere più di 2000€, ne vorrei comunque di più.

Alesis

Alesis è un altro marchio consolidato che produce strumenti musicali elettronici e apparecchiature audio da oltre 30 anni.

Oggi sono specializzati soprattutto in drum kit, multipad, tastiere MIDI e apparecchiature di registrazione, e sono davvero molto bravi in quello che fanno.

Tuttavia, se siete alla ricerca di un pianoforte digitale di alta qualità, vi consiglio di iniziare con le grandi marche (quelle sopra citate).

Alesis semplicemente non ha la stessa esperienza e competenza nei pianoforti.

Sono destinati principalmente ai musicisti (uso in studio) piuttosto che ai pianisti che cercano un suono di pianoforte naturale e ricco di sfumature e un’azione dei tasti realistica.

Tuttavia, se siete alle prime armi, una tastiera Alesis potrebbe essere una buona opzione economica per iniziare a suonare il pianoforte.

Uno dei migliori modelli del loro arsenale che posso consigliare è l’Alesis Recital Pro che, a differenza di molte altre tastiere Alesis, ha 88 tasti completamente pesati e offre toni di pianoforte piuttosto decenti.

L’ultima parola

Il mercato è vasto, ma questo non significa che dobbiate finire con qualcosa che non volete.

I marchi che abbiamo recensito sopra offrono gamme eccellenti che si rivolgono a tutti, dai principianti ai professionisti di livello mondiale, a tutti i livelli di abilità e a tutte le fasce di prezzo.

In definitiva, si vuole scegliere un pianoforte che corrisponda al proprio livello di abilità, ma la durata, l’affidabilità e la garanzia sono tutti elementi importanti, indipendentemente da chi si è o dal motivo dell’acquisto.

Per quanto riguarda la tecnologia, il tatto è fondamentale se si proviene da un background acustico.

Una buona azienda dovrebbe prestare attenzione alla sensazione di un pianoforte e alla sua integrazione con la tecnologia moderna.

Da questo punto di vista, è importante assicurarsi che il pianoforte sia a prova di futuro; dovrebbe avere molte opzioni di connettività per evitare che diventi obsoleto con il naturale progresso della tecnologia globale.

Quindi, dipende da voi. Avete esperienze con uno di questi marchi, positive o negative, che volete condividere?

Quali sono le marche e i modelli più adatti a voi?

Fatecelo sapere nei commenti e iniziamo la conversazione. E naturalmente, se questo articolo vi è stato utile, condividetelo in modo che altri possano trarne beneficio! Grazie per aver letto!

Lascia un commento