I Migliori Cuffie da Studio 2024: Tutto quello che c’è da sapere

Che cos’è? Vuoi che parli più forte? No! Se non mi senti, togliti quelle dannate cuffie Bose e presta attenzione. Sono qui per dirvi qual è la differenza tra le vostre Beats preferite, dalla luminosità …

Che cos’è? Vuoi che parli più forte? No! Se non mi senti, togliti quelle dannate cuffie Bose e presta attenzione.

Sono qui per dirvi qual è la differenza tra le vostre Beats preferite, dalla luminosità stucchevole, e le cuffie tradizionali che si trovano in molte case e studi professionali.

Tenete presente che se utilizzate le Beats di consumo come uniche cuffie da studio, il vostro mix farà schifo. Tra poco vi spiegherò perché.

Per capire la distinzione tra questi due tipi di cuffie, è necessario pensare alle applicazioni a cui questi dispositivi sono destinati.

Le migliori cuffie da studio

Cuffie di monitoraggio chiuse

Sennheiser HD280 PRO

Risposta in frequenza: da 8Hz a 25kHz

Impedenza: 64 ohm

Non so perché, ma il Sennheiser HD280 PRO sembra essere un punto fermo per i produttori elettronici emergenti che mixano dalla camera da letto.

Poiché la maggior parte delle loro composizioni è prodotta in digitale, non hanno bisogno dell’isolamento di una cuffia chiusa, ma sono cuffie ergonomiche e di bell’aspetto, adatte a un uso prolungato (purché siano chiuse).

Sennheiser è un marchio affidabile, noto per i suoi prodotti affidabili, durevoli e ad alta fedeltà. L’HD280 non fa eccezione.

In termini di qualità del suono, queste cuffie non sarebbero la prima scelta per un ascolto casuale, ma l’obiettivo delle cuffie da monitoraggio è l’ascolto neutrale, un’area in cui le HD280 sono abbastanza competenti per il loro prezzo.

L’isolamento acustico (dispersione) delle HD280 non è fantastico rispetto alle sue controparti (questo potrebbe essere il motivo della mia domanda precedente), ma sarà sempre un passo avanti rispetto alle cuffie mainstream come le Bose QC II o le Beats.

Inoltre, l’isolamento acustico è molto buono: l’HD280 blocca quasi tutto ciò che accade intorno a voi. Un altro vantaggio delle HD280 è che sono dotate di un cavo staccabile, che dovrebbe essere un must per le cuffie moderne.

Sony MDR

Risposta in frequenza: da 10Hz a 20kHz

Impedenza: 63 ohm

Due parole: lo standard del settore.

Gli MDR di Sony sono stati utilizzati negli studi professionali fin dalla loro nascita e continueranno a essere utilizzati per decenni.

Il prezzo, la versatilità e la facilità d’uso sono tutti fattori che contribuiscono alla loro popolarità, ma c’è un motivo particolare che spiega la duratura storia d’amore del settore con le cuffie.

Emorragia debole.

Come ho sottolineato in precedenza nell’articolo, l’importanza di un basso rumore di fondo è fondamentale. Tanto che gli ingegneri hanno chiuso un occhio sulla produzione piuttosto scadente degli MDR (principalmente in plastica) e sulle loro proprietà di cancellazione del rumore piuttosto scarse.

Tutto questo non ha importanza di fronte a una riproduzione del suono accurata e a un isolamento acustico fantastico.

Purtroppo, il cavo non è staccabile, il che potrebbe compromettere la longevità e la portabilità delle MDR-7506. Forse sono anche un po’ meno confortevoli delle HD280, ma i commenti sul comfort, se non in senso generale, non sono molto affidabili perché le orecchie di ognuno sono diverse.

Audio Technica ATH-M50x

Risposta in frequenza: da 15Hz a 28kHz

Impedenza: 38 ohm

L’ATH-M50x è un potente sistema di cuffie da studio chiuse, apprezzato da musicisti professionisti e dilettanti.

Sono leggermente più costosi dei già citati MDR e HD280, ma a fronte di questo aumento di prezzo si ottiene una riproduzione del suono superiore e più dettagliata.

Il punto debole delle M50x è l’isolamento acustico. Tendono ad essere un po’ deboli e, secondo la mia esperienza e quella di molti altri recensori, le fastidiose tracce di click possono insinuarsi nelle registrazioni con un set di M50x.

Detto questo, se vi regolerete di conseguenza, abbassando il metronomo, non rimarrete delusi dalla qualità di queste cuffie.

Un altro vantaggio dell’acquisto di un ATH-M50x è il suo cavo staccabile. Non sono le cuffie più portatili, in quanto sono un po’ grandi e ingombranti, e il loro utilizzo in attività quotidiane come lo sport e i trasporti pubblici può essere non ottimale.

Beyerdynamic DT770 Pro

Risposta in frequenza: da 5Hz a 35kHz

Impedenza: 80 o 250 ohm

Date un’occhiata. Cento persone diverse potrebbero indossare cento cuffie diverse e, alla domanda su quale sia la migliore, darebbero cento risposte diverse.

La verità è che la musica è soggettiva, così come ciò che suona bene (anche se forse in misura minore). Quindi prendete quello che sto per dire con un grano di sale, ma… :

La DT770 è la migliore cuffia chiusa di questo elenco. Certo, sono un po’ sgraziati e ingombranti (sembrano pesare 3 chili) e il loro isolamento acustico non è buono come quello delle MDR-7506.

Anche il cavo non è staccabile.

Ma per la qualità del suono che offrono, se riuscite a superare l’idea di indossare un paio di cuffie di dimensioni quasi ridicole, ma ben aderenti, sarete felici di poter andare in banca.

La risposta ai bassi della DT 770 è più accurata rispetto a qualsiasi altra cuffia della sua fascia di prezzo, ha un dettaglio lussuoso nella gamma media e farà suonare molto bene le vostre backing track quando registrate altri strumenti.

Beyerdynamic è un marchio di lunga data noto per i suoi prodotti di lusso, e il DT770 fa ben poco per offuscare questa reputazione.

Cuffie di monitoraggio open face

Philips SHP9500

Cuffie Philips SHP9500

Risposta in frequenza: da 12Hz a 35kHz

Impedenza: 32 ohm

Si tratta di un’entrata in grande stile. L’SHP9500 è stato lanciato quattro anni fa con una frenesia di pubblicità, recensioni entusiastiche ed entusiasmo. La gente era entusiasta del suo prezzo, della qualità del suono e persino del comfort.

Quando c’è un tale fermento, è bene essere cauti e non farsi prendere dall’entusiasmo. Aspettate un po’ che l’entusiasmo e l’eccitazione si plachino e poi vedete se le opinioni sono ancora così positive come prima.

Ci sono casi di campagne di marketing subdole, di trovate pubblicitarie esagerate, di avvisi a pagamento, ecc. che hanno portato in passato a presentare come “must-have” prodotti che in realtà non erano altro che prodotti mediocri.

Ma questo non è il caso degli SHP9500. Non erano un miracolo di un mese. L’amore per queste cuffie da studio è durato ben oltre la data di uscita.

Ancora oggi, a distanza di cinque anni, si ritiene che sia il Santo Graal del monitoraggio dei caschi a basso costo.

La qualità del suono è semplicemente magnifica. Queste cuffie sono estremamente precise, con una forte risposta dei bassi, un’ampia gamma di medi e un’equa rappresentazione delle alte frequenze di un brano – è comune, anche per le cuffie da studio, fare rumore sulle alte frequenze per dare alle canzoni un’impressione artificiale di chiarezza.

Naturalmente, a un prezzo così basso, bisogna fare delle concessioni. Non sono le cuffie da studio più belle e, come la maggior parte delle altre di questo elenco, non sono adatte a viaggiare in giro per il mondo con voi. Anzi, sono una pessima compagnia per l’attività fisica.

Le Philips presentano un leggero rumore di fondo e lasciano entrare nell’esperienza di ascolto molti rumori ambientali, ma se state acquistando delle cuffie open-frame e vi aspettate che questo non sia il caso… vi sbagliate.

Non voglio essere una di quelle persone, ma il Philips SHP9500 è un acquisto assoluto.

Grado SR60

Cuffie di monitoraggio Grado SR60

Risposta in frequenza: da 20Hz a 20kHz

Impedenza: 32 ohm

Grado è probabilmente il marchio meno conosciuto di questo elenco di cuffie, ma ha da tempo la reputazione di essere molto bravo nel suo campo.

La particolarità dell’SR60 è che, a differenza di tutti gli altri concorrenti di questo elenco, si tratta di cuffie over-ear, come quelle dei vecchi Walkman Sony.

Lo so, sembra orribile. Scomodo, cigolante e come se perdesse qualità del suono perché non avvolge correttamente le orecchie.

Permettetemi di dirvi il contrario.

Le cuffie Grade SR60 sono le più comode che abbia mai usato. Sì!

Naturalmente, la vostra opinione può variare, ma il design aperto e spazioso (c’è molto rumore ambientale quando si usano queste cuffie) consente lunghe sessioni di mixaggio con un affaticamento minimo.

In termini di qualità, il marchio Grado è di prima classe. Si sono sempre concentrati sulla qualità del suono, mantenendolo il più preciso possibile.

Sebbene ciò consenta un’esperienza d’ascolto rilassata, gli SR60 hanno un design piuttosto brutto, quindi è meglio evitare di metterli in testa in pubblico.

Ma, ehi, chi rinuncerebbe a un po’ di divertimento a favore della moda? Siamo musicisti, non modelli.

Tornando al design dell’SR60, ciò che manca in estetica manca anche in robustezza. Il nastro è piuttosto fragile e si regola premendo su strane antenne.

Come se non bastasse, gli SR60 hanno non uno ma ben due cavi non staccabili, perfetti per aggrovigliarsi sotto i piedi e farvi cadere di faccia sul vostro pianoforte digitale.

Ma se si possono ignorare questi difetti, il Grado SR60 è un ottimo monitor per il suo prezzo.

Il loro comfort estremo e inaspettato le rende tra le migliori di questo elenco per le sessioni prolungate, mentre la qualità del suono le rende una scelta versatile per esercitarsi con gli strumenti o lavorare sui mix.

Solo… sai. Lasciateli a casa.

Beyerdynamic DT990 Pro

Risposta in frequenza: da 5Hz a 35kHz

Impedenza: 600, 250 o 32 ohm

Sapete cos’è strano? Quando il numero di modelli aumenta, di solito ci aspettiamo un corrispondente aumento del loro valore.

Ad esempio, si potrebbe pensare che un Beyerdynamic DT3000 MK ULTRA edition sia più costoso di un Beyerdynamic DT10. A quanto pare non è così che si fa in Germania, visto che la DT990 è più economica della DT770.

Ho già detto che le cuffie Beyerdynamic sono di alta qualità. Credo che se questa azienda fosse stata ingaggiata per produrre cuffie di scarsa qualità, non avrebbe potuto farlo.

La DT990 è un fantastico set di cuffie open monitor in grado di far emergere dettagli nitidi, bassi accurati e profondità dei medi durante l’ascolto di mix e master.

Gli alti di queste cuffie sono un po’ sovradimensionati, il che le fa suonare benissimo ma può anche essere un po’ fuorviante quando si mixa la musica. Ecco perché è sempre bene fare riferimento alla propria musica con il maggior numero possibile di fonti sonore.

Naturalmente, come abbiamo appurato con le cuffie open-air, sono super comode, molto piacevoli da usare per lunghi periodi di tempo e consentono di creare un senso di atmosfera e di spazio durante l’ascolto della musica. Ciò comporta naturalmente una notevole dispersione sonora.

La qualità costruttiva del DT990 è eccellente. Anche se è ingombrante e non molto adatto alle attività fisiche, si sa che la struttura metallica non si romperà facilmente. Purtroppo non c’è un cavo staccabile.

Sennheiser HD600

Risposta in frequenza: da 12Hz a 40kHz

Impedenza: 300 ohm

Andate su un qualsiasi forum di musica su Internet e chiedete quali cuffie dovreste usare per il mixaggio. Riceverete una miriade di risposte, molte delle quali vi urleranno contro per esservi degnati di menzionare “cuffie” e “mixaggio” nella stessa frase, ma è probabile che il nome più citato sia quello delle Sennheiser HD600.

Le Sennheiser HD600, o Sennys come le chiamano i fan, sono standard del settore, famose e semplicemente buone. Sebbene rappresentino un forte sovrapprezzo rispetto al resto dell’elenco, c’è una solida ragione per questo.

Naturalmente, queste cuffie potrebbero non essere le più piacevoli per l’ascolto del suono in questo elenco. Non lo consiglierei per un ascolto piacevole in treno, a causa del suo design ingombrante, per non parlare del fatto che entrambi gli auricolari sono cablati. Almeno il cavo è staccabile.

Ma per un ascolto critico e una rappresentazione accurata dei piccoli ma importanti dettagli della musica, non c’è niente di più collaudato del Sennheiser HD600.

Se il vostro scopo principale è quello di mixare brani (vostri o di altri) e volete una coppia di cabinet di riferimento, le HD600 sono la scelta migliore.

A cosa servono le cuffie?

Le cuffie normali sono progettate per far suonare bene la musica. Manipolano la risposta in frequenza della musica che passa attraverso i loro piccoli altoparlanti per enfatizzare alcuni toni.

Le Beats e le WHM di Sony sono note per la loro potente (al limite dell’esagerazione) risposta ai bassi, mentre altre cuffie di consumo hanno cali di gamma media, che conferiscono chiarezza alle voci ma sopprimono la grana delle chitarre.

Le cuffie da studio, invece, hanno quattro applicazioni predominanti:

  • per mixare/masterizzare una traccia
  • per registrare una traccia
  • per fare riferimento a un mix/master
  • in modo che i vicini non vi sgridino perché fate troppo rumore.

Analizziamo questi obiettivi singolarmente.

Missaggio e masterizzazione

Come un monitor, l’obiettivo delle cuffie da studio è quello di riprodurre un mix il più possibile piatto e preciso.

Come spiegato nell’articolo precedente, è impossibile per i produttori creare una rappresentazione completamente imparziale del suono, ma le cuffie da studio mirano a colmare il più possibile questa lacuna.

A differenza delle loro controparti casual, è improbabile che le cuffie da studio accentuino determinati spettri di frequenza e non vi invoglieranno – spero – ad abbassare di 5dB un brano di basso essenziale perché il vostro amico con le Beats ha detto “quel basso era davvero forte, amico”.

Tracce di registrazione

Una volta ho registrato – molto pigramente – una canzone per il mio corso universitario usando una cuffia da dieci euro.

Questo brano voleva essere uno scherzo e non ha ottenuto molta attenzione, ma anche la sua sciatteria mi ha insegnato una lezione preziosa.

Le tracce di metronomo rovinano le canzoni.

Sei alla ripresa numero 45. Le vostre corde vocali sono crude come il pollo che vi ha fatto ammalare qualche sera fa. Finalmente si ottiene la registrazione perfetta: la voce era fluida, il produttore era contento, tutto è perfetto.

Poi si sente. Lo sentite. Quel suono. Quel “tic” acuto, in agguato nell’angolo superiore del mix. Ridere di te.

Vi assicuro che non c’è niente di peggio di un metronomo maligno che si infiltra nelle pareti stagne del vostro capolavoro. Come si fa a evitare un destino così oscuro?

È qui che entrano in gioco le cuffie da studio.

Le cuffie da studio chiuse sono progettate per isolare il suono all’interno delle cuffie, impedendo così l’emorragia che normalmente si verificherebbe con un paio di auricolari/cuffie più economici nelle registrazioni microfoniche.

Tecnicamente, l’idea di una cuffia chiusa è quella di non avere emorragie. Tuttavia, le cuffie da studio chiuse sono progettate per fornire un isolamento totale, mentre i normali auricolari e le cuffie chiuse sono progettati per eliminare la maggior parte, ma non tutto, il sanguinamento.

Referenziazione di mix e master

Sebbene sia comodo avere a portata di mano un set di cuffie da studio per il mixaggio e il mastering di riferimento, la realtà è che la maggior parte dei dilettanti non può permettersele.

Lo scopo delle cuffie di riferimento è quello di ascoltare il mix sul maggior numero possibile di sistemi audio diversi per avere una visione d’insieme del master.

La realtà è che i consumatori non ascolteranno il vostro brano su un paio di monitor da studio da 1000€. Utilizzeranno cuffie da cinque dollari, Beats by Dr. Dre o sistemi per auto con l’altoparlante sinistro rotto.

Il sogno sarebbe quello di possedere cinque o sei diverse cuffie da studio a prezzi variabili, ognuna con i propri punti di forza e di debolezza, e di usarle tutte per avere una buona padronanza delle sottigliezze del vostro master. Ma questo non è generalmente fattibile ed è in gran parte inutile.

Qualsiasi tipo di sistema audio sarà efficace per questa fase del processo di missaggio e masterizzazione.

Per non fare troppo rumore

Sono sicuro che state pensando: sì, il mio pianoforte digitale è rumoroso e non posso suonarlo di notte. Le cuffie aumentano assolutamente la qualità della mia vita, ma cosa fanno le cuffie da studio per me?

È vero che possono non essere così importanti quando si fa solo pratica. L’aumento della qualità del suono e dei dettagli non influisce tecnicamente sulla qualità dell’esecuzione, ma, soprattutto nel caso di ensemble/composizioni con tracce di accompagnamento, migliore è il suono, maggiore sarà la motivazione.

Non è molto divertente arrancare per settimane su un pezzo complicato, avvicinandosi sempre di più all’ottava nota centrale che ti blocca, mentre suoni da schifo a causa delle tue piccole cuffie.

Volete raccogliere i frutti del vostro duro lavoro e ascoltare la vostra abilità alla tastiera in tutta la sua gloria? Se è così, le cuffie da studio fanno al caso vostro.

I due tipi di cuffie di monitoraggio

Cuffie di monitoraggio chiuse

Molti non lo sanno, ma in realtà esistono due tipi diversi di caschi.

La maggior parte degli utenti occasionali è esposta solo a cuffie chiuse, perché sono più efficaci nell’isolare il suono (lo so, lo so, i vostri viaggi nei trasporti pubblici suggeriscono il contrario).

Ciò significa che le cuffie chiuse sono essenziali nel mondo degli studi musicali, in quanto impediscono a quelle fastidiose tracce di click di infiltrarsi nelle registrazioni.

Anche se lo scopo di queste cuffie è principalmente quello di registrare, si vuole comunque avere una rappresentazione relativamente accurata del mix e della riproduzione della traccia su cui si sta lavorando, in modo da sapere quando passare oltre o quando è necessaria un’altra ripresa.

Tuttavia, non è sempre facile raggiungere questo livello di dettaglio, poiché l’isolamento acustico fornito da queste cuffie ha un costo: la qualità e un fattore che molti non prendono in considerazione, l’affaticamento.

Ascoltare con le cuffie chiuse, per quanto comode, è faticoso.

Le orecchie iniziano a far male, la capacità di concentrarsi sui dettagli della musica diminuisce e la motivazione a continuare diminuisce.

Come riuscite a trascorrere quelle lunghe notti in studio, dove passate ore a mixare e masterizzare?

Cuffie di monitoraggio open face

Rimuovere l’isolamento! Le cuffie open-face funzionano in modo da consentire il passaggio dell’aria attraverso i padiglioni auricolari fino ai mini altoparlanti. Questo ha una moltitudine di effetti, tra cui

  • Soppressione dell’accumulo di pressione nelle cuffie e nelle orecchie
  • Soppressione dell’eco del suono che rimbalza sulle tazze
  • Hanno un suono più naturale e chiaro.

In sostanza, tutto ciò porta a una semplice conclusione: i caschi aperti sono superiori a quelli chiusi.

Non solo l’ambiente naturale e privo di pressione consente un uso intensivo senza affaticarsi, ma i dorsi aperti sono molto più adatti al missaggio e al mastering delle tracce grazie al dettaglio e alla precisione del suono che offrono.

La formula è molto semplice: utilizzare una cuffia chiusa con forti elementi di isolamento per il monitoraggio con il microfono e una cuffia aperta per tutte le esigenze di ascolto.

Perché non un semplice monitor da studio?

È vero. I monitor da studio sono il gold standard per il mixaggio e il mastering. Sono meno “ipersensibili” (si intende meno dettagli inutili) delle cuffie, più precisi delle cuffie e traducono meglio delle cuffie.

Questi sono solo alcuni dei motivi per cui si dovrebbe sempre mixare con monitor da studio piuttosto che con le cuffie.

Quindi, ci si chiede. Perché un casco?

Nonostante la superiorità dei monitor per il mixaggio, la masterizzazione e l’uso generale dell’home studio, le cuffie rimangono un elemento chiave dell’apparecchiatura.

Come già detto, il loro posto nel monitoraggio è semplicemente non negoziabile. Per registrare la musica è necessario disporre di buone cuffie a cancellazione di rumore, altrimenti accadranno brutte cose. Fidatevi di me.

In termini di mixaggio, ci sono molte ragioni per avere cuffie open monitor.

Forse il più ovvio è lavorare fino a tarda sera. Se siete come me, non vi fermate finché non avete messo insieme tutte le vostre idee. Questo può spesso significare lavorare fino alle prime ore del mattino cercando di perfezionare uno specifico effetto di riverbero per una traccia di 10 secondi che nessuno sentirà mai.

Non posso farlo con i monitor alle 4 del mattino! La mia famiglia, i miei animali domestici e il mio partner non me lo perdonerebbero mai. Così, per necessità, tiro fuori un paio di cuffie e mi metto al lavoro. Una volta che il tempo è più ragionevole, passo di nuovo ai monitor e regolo le modifiche “imprecise” apportate durante il lavoro in cuffia.

Un altro motivo è che ci si trova in una stanza con un’acustica davvero pessima. La maggior parte dei musicisti da camera dovrebbe investire nel trattamento acustico, ma è costoso, lungo e confuso, motivo per cui molti non lo fanno.

Ciò rende la stanza vulnerabile all’eco, alle riflessioni, all’accumulo di bassi e, in generale, a una rappresentazione imprecisa della musica e delle registrazioni da parte dei diffusori.

Le cuffie eliminano immediatamente questi problemi.

Sopprimono le variabili dell’ambiente posizionando i diffusori direttamente nelle vostre orecchie, invece di inviare la musica dietro di voi, davanti a voi, intorno a voi, sopra di voi e sotto di voi… come fanno i monitor (è interessante notare che proprio questo spettro sonoro è il motivo principale per cui i monitor sono migliori delle cuffie in un ambiente acustico ben bilanciato).

Un altro motivo è quello di comprendere meglio il campo sonoro di un brano. Come molti, se utilizzate il panning nei vostri mix, a volte è più difficile sapere dove si trova ogni elemento su una coppia di monitor.

Le cuffie forniscono un’immagine diversa della profondità del brano e di come è stratificato orizzontalmente o verticalmente, che può essere utile se combinata con le informazioni provenienti dai monitor.

Infine, forse il motivo più importante per avere le cuffie:

In riferimento.

Ho chiarito sufficientemente questo punto sopra, quindi sarò breve.

Sebbene sia importante utilizzare una sola coppia di monitor/cuffie per la maggior parte del vostro lavoro musicale (per conoscerne a fondo i punti di forza e di debolezza), avere a disposizione il maggior numero possibile di sistemi di altoparlanti e sorgenti sonore diverse per avere un breve riferimento ai vostri mix sarà di grande aiuto.

Impedenza

Più si guarda all’aspetto tecnico del suono, più diventa chiaro che i Boards of Canada avevano ragione: la musica è matematica.

L’impedenza si riferisce alla quantità di resistenza che qualcosa offre al passaggio di una corrente attraverso un circuito o un sistema elettrico a una frequenza specifica. Ha senso per te? Sì, nemmeno io.

L’impedenza è uno di quei bei termini musicali che hanno molto senso per un fisico e assolutamente nessun senso per chiunque altro.

In realtà, a parte una definizione estremamente semplificata, non è necessario conoscere i dettagli tecnici dell’impedenza per scegliere le cuffie da studio.

Inoltre, è necessario conoscere l’impedenza nominale della cuffia specifica e la sua corrispondenza con gli amplificatori per cuffie disponibili.

Come regola generale, maggiore è l’impedenza, maggiore è la tensione necessaria per alimentare le cuffie.

Questo non si traduce in una migliore qualità, ma significa semplicemente che le cuffie richiedono una maggiore potenza elettrica per fornire livelli audio più elevati.

È importante tenere presente che le cuffie monitor da 32 ohm hanno prestazioni paragonabili a quelle delle cuffie monitor da 100 ohm. Per ottenere un suono di alta qualità, non bastano l’impedenza e la potenza di un sistema elettrico.

Quando utilizzare cuffie di monitoraggio ad alta o bassa impedenza?

Le cuffie ad alta impedenza sono state tradizionalmente progettate per l’uso in studi professionali.

Senza entrare nei dettagli tecnici, per un tecnico era spesso essenziale collegare cinque o più cuffie alla stessa sorgente di uscita, sia per il mixaggio, sia per il monitoraggio o per qualsiasi altra attività musicale che coinvolgesse più persone.

Affinché questo circuito funzioni a pieno regime, è preferibile utilizzare cuffie da studio ad alta impedenza, in quanto la tensione di uscita della sorgente musicale rimane stabile anche quando si alimentano più cuffie.

Inoltre, le cuffie ad alta impedenza sono indispensabili se si utilizza un amplificatore potente e di livello professionale per pilotare le cuffie, ad esempio un amplificatore per cuffie dedicato.

I convertitori a bassa impedenza sono inclini a esplodere quando si confrontano con un’impedenza d’uscita così elevata: non esplodono in fiamme, ma può succedere qualcosa se i convertitori vengono sovraccaricati (quindi tenete d’occhio il volume, gente).

Conosciuto come “fattore di smorzamento”, in genere si desidera che l’impedenza dell’uscita della sorgente sia molto più bassa (da 8 a 10 volte o più) dell’impedenza delle cuffie.

Ricordate che l’impedenza di uscita, l’impedenza delle cuffie, la tensione di uscita e l’intervallo di impedenza consigliato per le cuffie (per la sorgente) sono tutte cose diverse.

Lo svantaggio è che le cuffie ad alta impedenza possono essere estremamente difficili da pilotare con sistemi di amplificazione meno capaci (come una presa telefonica), con conseguente mancanza di chiarezza e di volume.

Le cuffie a bassa impedenza richiedono meno tensione ma più corrente per produrre il loro suono. In genere sono un po’ più flessibili delle cuffie ad alta impedenza, che sono progettate per funzionare con apparecchiature portatili, e sono quindi una scelta migliore se si intende acquistare cuffie da studio che possano essere utilizzate anche al di fuori dello studio.

Amplificatore per cuffie da studio

Oggi, la maggior parte delle cuffie di consumo ha un’impedenza di circa 32 ohm. Questo perché la forma più comune di ascolto della musica in cuffia è quella tramite telefoni e tablet.

Questi dispositivi non sono progettati per alimentare le cuffie e forniscono solo una certa quantità di tensione, spesso insufficiente per alimentare un set di cuffie ad alta impedenza.

Alcune schede audio per computer hanno un’impedenza massima consigliata per le cuffie di oltre 32 ohm, mentre altre non la hanno, quindi è necessario verificare le specifiche del computer.

È probabile che la scheda audio nativa del computer non fornisca una tensione sufficiente per alimentare le cuffie ad alta impedenza.

Combinare questi dispositivi con cuffie ad alta impedenza significa perdere tutto il loro potenziale. È qui che entrano in gioco gli amplificatori per cuffie.

La maggior parte delle schede audio e le schede audio esterne di alta qualità dovrebbero avere un’impedenza sufficientemente alta da fornire una potenza molto maggiore rispetto al jack per cuffie medio del telefono o del computer.

Ad esempio, anche se non riesco a tenere traccia dei calcoli, gli Audient iD14 e iD22 dichiarano di supportare cuffie con un’impedenza fino a 600 ohm o più.

Per chi non ha bisogno della versatilità di un’interfaccia audio, un amplificatore per cuffie dedicato è una scelta eccellente.

Gli amplificatori per cuffie di alta qualità non solo supportano tutte le cuffie che si possono sognare, ma offrono anche una migliore fedeltà del suono rispetto a quasi tutte le altre forme di amplificazione per cuffie non dedicate.

In breve, non limitatevi a comprare la coppia di pistole più costosa e ad alta impedenza che i vostri occhi eccitati ma impulsivi vedono.

Prima di procedere all’acquisto, assicuratevi di disporre di un’apparecchiatura supplementare, che si tratti di un’interfaccia audio di qualità superiore o di un amplificatore per cuffie di livello medio o superiore, in grado di supportare le vostre cuffie da 600 ohm.

Altrimenti rimarrete molto, molto delusi.

Conclusione

Nel mondo delle cuffie da studio sono disponibili molte altre opzioni che non sono state menzionate in questo articolo. Le Sennheiser HD650, le AKG K702 e le Beyerdynamic DT880 sono solo alcuni degli eccellenti prodotti che vale la pena prendere in considerazione per l’acquisto di un set di cuffie resistenti.

Lo dico in ogni articolo, quindi non vi tratterrò troppo a lungo. Ma leggere le recensioni, guardare i video su YouTube o ascoltare ciò che dico non sostituirà mai la fiducia nella vostra decisione che otterrete provando le cuffie prima di acquistarle.

Ognuno reagisce in modo diverso alla musica, al suono, alla qualità. Alcune costruzioni possono affogare le orecchie e lasciarle arrossate, mentre i bassi fragorosi possono essere perfetti per il vostro stile musicale.

Se volete evitare il rimorso dell’acquirente, andate nel vostro negozio di musica di fiducia e tormentate i dipendenti chiedendo demo.

Ricordate solo di non usare mai le Beats come unico paio di cuffie e sarete a posto.

Lascia un commento