Come scegliere il microfono giusto per il vostro studio (Guida 2024)

È arrivato il momento. Vi siete spaccati le nocche, avete cantato la vostra nuova composizione al pianoforte così tante volte che potete suonarla a occhi chiusi. Ieri sera avete trascorso ore e ore ad ascoltare …

È arrivato il momento. Vi siete spaccati le nocche, avete cantato la vostra nuova composizione al pianoforte così tante volte che potete suonarla a occhi chiusi.

Ieri sera avete trascorso ore e ore ad ascoltare i vostri artisti preferiti, a scrivere i loro testi migliori, a riflettere il loro talento nelle vostre liriche. Siete pronti a registrare.

L’unico microfono che avete, un vecchio pezzo di plastica masticato di Singstar, dovrebbe andare bene, giusto? Certo, non è un Neumann, ma la musica è fatta di sensazioni, non di apparecchiature. Giusto?

Naturalmente, tutto questo va benissimo, fino a quando, nel bel mezzo dell’ultimo ritornello, cantando la migliore performance della vostra vita, notate un enorme picco nel suono che state registrando.

In preda al panico, lo ascoltate e sentite quel KSHHH schiacciante che si mescola a tutte le vostre belle parole, rendendo la vostra voce inutilizzabile. Ogni volta che si osava respirare, il microfono di Singstar si arrabbiava, distorcendo il suono e distruggendo la ripresa.

Oh, cielo. Forse è il momento di pensare a un nuovo microfono.

Non perdetevi la seconda parte di questa serie di articoli, che presenta i migliori microfoni disponibili per il vostro studio (in diverse fasce di prezzo e per diverse applicazioni).

Che cos’è un microfono?

Storia del microfono

Le premesse per l’invenzione del microfono furono poste con l’avvento del telefono alla fine del XIX secolo, ma i tentativi di sviluppare uno strumento in grado di amplificare la voce erano già stati fatti secoli prima.

La filosofia del telefono – trasmettere un segnale audio da un punto A a un punto B – è essenzialmente lo stesso concetto del moderno microfono, con la differenza che l’obiettivo del progetto è l’amplificazione.

I resoconti del 500 a.C. circa suggeriscono che l’amplificazione è stata tentata attraverso la creazione di un “megafono acustico” che utilizzava maschere a forma di corno per proiettare la propria voce alle folle.

Nel 1665, Robert Hooke creò il famoso telefono “a tazza e filo”, uno dei primi esempi di amplificazione con mezzi diversi dall’aria.

C’è qualche controversia su chi abbia inventato il primo microfono, ma è stato effettivamente inventato alla fine del 1800 sotto forma di microfono a carbone, che permette di convertire il suono in un segnale elettrico.

Questo tipo di microfono è stato utilizzato all’inizio dell’era radiofonica, agli albori del XX secolo. Con il progredire della tecnologia, anche il microfono si è evoluto e poco dopo sono stati inventati i microfoni a condensatore e a nastro.

La progressione del microfono e delle sue funzioni ha avuto un interessante flusso e riflusso durante questo periodo. Con il miglioramento dei microfoni, migliorò anche la qualità delle trasmissioni, delle registrazioni musicali e, infine, della televisione. E man mano che queste forme di intrattenimento si sviluppavano, spesso con microfoni migliori, le loro nuove esigenze richiedevano, come avete intuito, microfoni migliori.

E così via, fino al mare di microfoni ad alta fedeltà oggi disponibili.

Ora, vi starete chiedendo come tutto questo possa aiutarmi a capire quale tipo di microfono dovrei usare per le mie esigenze uditive? La risposta è che non è così. È bello saperlo. Penso.

Come funzionano?

Come abbiamo discusso brevemente nell’articolo sulle schede audio, i microfoni sono essenzialmente dei trasduttori, cioè convertono l’energia da una forma all’altra.

Convertono il suono, cioè le vibrazioni dell’aria, in un segnale elettrico che può essere letto da un amplificatore o da un’apparecchiatura simile.

Un diaframma – una sottile lastra di un materiale particolare – è responsabile della lettura iniziale di queste onde sonore e quasi tutti i microfoni ne hanno uno.

Le vibrazioni del diaframma che capta il suono vengono inviate lungo il microfono e l’energia viene convertita in un segnale elettrico.

I segnali microfonici hanno spesso un volume estremamente basso e richiedono quasi sempre una sorta di amplificazione aggiuntiva prima di poter essere fisicamente uditi.

Questi metodi di amplificazione comprendono: amplificatori esterni, piccoli amplificatori attivi all’interno del microfono, preamplificatori e amplificatori di linea.

Gli aspetti tecnici del funzionamento di un microfono possono essere piuttosto complicati e coinvolgono… la matematica e la fisica… (avete rabbrividito anche voi?), quindi per ora eviteremo questo aspetto e manterremo le cose semplici.

Se volete davvero saperne di più, una visita a questo sito vi fornirà tutte le informazioni che desiderate, e anche di più.

Per il consumatore medio, la parte più importante dell’operazione microfonica da comprendere è il tipo di conversione utilizzato. I metodi comunemente utilizzati sono tre: dinamico, a condensatore e a nastro.

Tipi di microfoni

Dinamica

Il microfono magnetodinamico è un microfono estremamente popolare con un’ampia gamma di potenziali applicazioni. Come suggerisce il nome, questo microfono utilizza un campo magnetico per produrre la sua corrente elettrica audio, poiché il movimento di una bobina fissa provoca il passaggio di questa corrente.

Questo metodo di conversione del segnale non richiede di solito un’alimentazione esterna (phantom) e i microfoni dinamici possono talvolta essere utilizzati senza una scheda audio, anche se la qualità e il volume del suono possono risentirne.

Noti per la loro versatilità e durata, i microfoni dinamici non sono sensibili come altri tipi di microfoni e sono ideali per la registrazione di strumenti rumorosi come chitarre e batterie elettriche e bassi.

I microfoni dinamici sono spesso utilizzati per le esibizioni dal vivo. È molto meno probabile che si rompano o si distorcano in presenza di segnali estremamente forti, e alcuni modelli possono spesso essere gettati nel retro di furgoni da musicisti ubriachi e sopravvivere per raccontarlo. Ti sto guardando, Shure SM58.

Condensatore

I microfoni a condensatore si differenziano dai microfoni dinamici per il modo in cui convertono il segnale. Creano una corrente elettrica facendo vibrare il loro diaframma, spesso in mylar o alluminio sinterizzato in oro. Il funzionamento è sostanzialmente analogo a quello di un condensatore.

Grazie alla sua struttura, un microfono a condensatore non produce praticamente alcuna corrente durante questo processo, quindi è necessaria una fonte di alimentazione esterna per ottenere un segnale.

I microfoni a condensatore sono considerati quelli con la migliore qualità sonora tra tutti i tipi di microfono disponibili. Offrono una risposta in frequenza più ampia, un rumore di fondo più basso e una sensibilità più elevata rispetto alle loro controparti.

Questo li rende ideali per il podcasting, il canto, lo streaming e la maggior parte delle altre applicazioni di studio dettagliate.

Sebbene la loro qualità sonora sia considerata superiore, i microfoni a condensatore possono soffrire di una certa fragilità in relazione alla dinamica. Non gestiscono molto bene la distorsione (segnali ad alti decibel) e l’uso improprio e ripetuto anche di un microfono da 5000 dollari può portare a guasti o alla perdita di precisione.

Sale di registrazione di scarsa qualità, rumori di fondo e ronzii elettrici possono causare problemi quando si registra con un microfono a condensatore, in quanto la loro maggiore sensibilità può causare rumori indesiderati nelle registrazioni.

Nastro

I nastri hanno perso un po’ di popolarità nel corso degli anni, ma restano un tipo di microfono importante da considerare.

Simili ai microfoni dinamici, i microfoni a nastro utilizzano un campo magnetico per produrre una corrente elettrica, ma non hanno una bobina e utilizzano un sottile foglio di metallo.

In un senso molto, molto, molto elementare, sono un bizzarro ibrido tra il microfono a condensatore e quello dinamico.

Tuttavia, questo confronto non è molto accurato, perché i microfoni a nastro non rispondono al livello di pressione sonora (SPL), ma alle variazioni di velocità dell’aria. Sì, la fisica sembra non fermarsi mai.

I nastri danno una sensazione di calore e oscurità alle registrazioni grazie al modo in cui interagiscono con il suono. In parole povere, ciò significa che le frequenze basse vengono captate più di quelle alte.

Sono abbastanza sensibili, ma meno di un condensatore, il che rappresenta un buon compromesso tra gli altri tipi di microfono più diffusi.

I microfoni a nastro sono sempre bidirezionali, il che significa che captano i segnali audio davanti e dietro al microfono.

Sono ideali per la registrazione di strumenti orchestrali, tra cui archi, ottoni e tamburi. Ciò è dovuto in parte alla loro risposta in frequenza, che sopprime le fastidiose sibilanti e fa risaltare il calore di questi strumenti tipicamente a media frequenza.

La caduta dei microfoni a nastro – dopo aver dominato la scena microfonica nei primi anni del 1900 – è stata dovuta alla loro estrema fragilità.

Il nastro responsabile della conversione dell’audio in segnale elettrico è così sottile che si vede a malapena (pensate all’affettatrice di Kramer), il che lo rende suscettibile di essere danneggiato dal minimo urto.

Tuttavia, i nastri di oggi sono più robusti e dovrebbero presentare meno difficoltà nel mantenere la loro funzionalità.

Modelli polari

La direttività di un microfono è una parte importante di ciò che lo rende adatto a una particolare funzione. In sostanza, questo diagramma descrive la direzione in cui il microfono elabora l’audio.

Sono quattro gli schemi polari principali (anche se ce ne sono molti altri) che si incontrano quando si guarda un microfono. Un modo semplice per confrontarli è quello visivo: i grafici polari mostrano semplicemente i punti in cui un microfono capta meglio l’audio.

Cardioide

I microfoni cardioidi sono un punto fermo in quasi tutti i settori che utilizzano un microfono. Si tratta essenzialmente di segnali a 180 gradi, che captano il suono dalla parte anteriore e respingono il rumore dalla parte posteriore.

L’applicazione di questo modello è fondamentale per usi quali il podcasting, le performance dal vivo e le trasmissioni, dove è necessario evitare i suoni provenienti da dietro il microfono (come lo strumento di un altro membro della band).

Sono utili anche per sopprimere i rumori fastidiosi, come i ventilatori della stanza o il ronzio del computer. È sufficiente allontanare il microfono dalle fonti sonore per ottenere una registrazione pulita.

Supercardioide

I microfoni a supercardiodi funzionano come i microfoni a cardiodi, con una differenza: respingono più segnali audio dai lati, ma ne raccolgono alcuni dal retro.

Il vantaggio di questa configurazione è che è più direzionale, il che significa che l’asse del suono è più stretto. Questo può essere più efficace per l’isolamento acustico rispetto a un generico microfono cardioide, a condizione che non vi siano suoni provenienti da dietro.

Il grafico di questi modelli polari assomiglia un po’ a una medusa. Non ha nulla a che fare con nulla, è solo una cosa che ho notato. Comunque… andiamo avanti.

Ipercardioide

Il diagramma polare ipercardioide è estremamente simile a quello supercardioide: respinge la maggior parte del suono dalla parte posteriore, una parte da quella laterale e la maggior parte da quella anteriore.

L’unica differenza sostanziale tra i due è che il supercardiod è un po’ più direzionale.

Omnidirezionale

I microfoni omnidirezionali si spiegano da soli. Il loro schema polare è, beh, omnidirezionale. Il suono viene elaborato su un asse di 360 gradi, il che significa che raccoglie tutto.

L’uso di un microfono omnidirezionale ha molti vantaggi: ha la risposta in frequenza più ampia e piatta e può riprendere diversi strumenti contemporaneamente in registrazioni di alta qualità, il che lo rende perfetto per un’orchestra.

Detto questo, il fatto che sia omnidirezionale lo mette a rischio di fallimento se si registra in una stanza poco trattata. Il suono fuoriesce facilmente da questo microfono e voi implorerete gli aerei che continuano a volare sopra di voi di fermarsi per un’ora.

Bi-direzionale (Figura 8)

È davvero bello quando il nome di qualcosa è pratico. Il diagramma della figura polare di 8 ha l’aspetto, non sorprendente, di una figura di 8.

Come abbiamo visto nella sezione sui microfoni a nastro, questo significa che registra il suono dalla parte anteriore e posteriore della faccia del microfono, respingendo il rumore dagli assi laterali.

Questo tipo di configurazione è fantastica per le interviste o le trasmissioni in cui due persone sono posizionate alle estremità opposte del microfono, riducendo la quantità di cavi e attrezzature necessarie.

È ideale anche per le applicazioni di registrazione stereo (come la tecnica Blumlein) e offre una risposta in frequenza unica rispetto ad altri modelli polari.

Esistono altri due modelli polari, anche se meno comuni di quelli citati:

La configurazione polar shotgun assomiglia a un fucile da caccia, come suggerisce il nome. Si tratta di un tipo di microfono altamente direzionale che viene spesso utilizzato per le riprese, dove è necessario che suoni specifici provengano da luoghi specifici.

Il diagramma polare del subcardiod è essenzialmente lo stesso del cardiod, con l’eccezione che i microfoni del subcardiod captano maggiormente il suono dalla parte posteriore e dai lati.

Connettori

Praticamente tutti i microfoni utilizzano porte XLR per inviare il segnale elettrico al ricevitore desiderato. I cavi XLR sono facilmente reperibili, prodotti in serie e di alta qualità, perfetti per quasi tutte le applicazioni.

Tuttavia, i microfoni che utilizzano questi cavi richiedono un’amplificazione esterna, come una scheda audio o un mixer, che potrebbe essere poco pratica o al di là delle proprie possibilità, soprattutto se si utilizza il microfono per un’applicazione non musicale.

Scarlett Solo – una delle interfacce audio più popolari per i principianti

Scheda audio esterna Scarlett Solo

Le alternative includono:

Cavi da XLR a USB. Questi cavi sono piuttosto scadenti. Non offrono l’alimentazione phantom, hanno problemi di firmware e, tranne in rare circostanze, non consiglierei a nessuno di usarli.

Microfoni USB. Sebbene i microfoni USB siano talvolta derisi dagli snob delle apparecchiature, il progresso della tecnologia, dei social media e di YouTube ha avuto un’influenza positiva sull’accessibilità dei microfoni USB di alta qualità.

Modelli come l’AT2020 offrono a podcaster e streamer fedeltà e convenienza a un prezzo ragionevole che i microfoni tradizionali non potevano offrire vent’anni fa.

Microfoni wireless. Utilizzando il Bluetooth o i trasmettitori, i microfoni senza fili sono spesso utilizzati per le esibizioni dal vivo, i seminari e le comunicazioni nel backstage.

Immaginate se i walkie-talkie potessero riprodurre segnali audio precisi e di alta qualità che possono essere registrati o amplificati.

Ora smettete di immaginarlo, perché i microfoni wireless esistono. Sono versatili e offrono un’ampia gamma di applicazioni al di là del mondo della musica.

Amplificazione

Come accennato in precedenza nell’articolo, i microfoni richiedono un’amplificazione per poter leggere i loro segnali.

Sebbene i loro circuiti convertano l’audio in un segnale elettrico, questo segnale è solitamente estremamente silenzioso, da -60 dBV a -40 dBV.

A titolo di confronto, un tipico segnale di linea – ingresso diretto da un sintetizzatore o da una chitarra – sarà pari a 0 dbV.

Per contrastare il silenzio dei microfoni, esistono alcuni metodi di amplificazione che consentono di ascoltare (o leggere digitalmente) il loro segnale.

I preamplificatori, disponibili come hardware stand-alone o integrati in mixer e interfacce audio, svolgono un compito molto semplice. Aumentano il livello del segnale di un microfono fino a raggiungere quasi il “livello di linea”, rendendo effettivamente udibile ciò che viene captato.

Molte interfacce audio, preamplificatori e mixer sono dotati di alimentazione phantom, che in alcuni casi si presenta come un interruttore a 48V.

In sostanza, l’alimentazione phantom è fondamentale per il suddetto processo di conversione dei microfoni a condensatore, in quanto fornisce una corrente elettrica al microfono. Senza questa corrente, il microfono non sarebbe in grado di amplificare e registrare alcun suono, anche se collegato a una fonte di amplificazione esterna.

I microfoni dinamici e la maggior parte dei microfoni a nastro, grazie ai loro diversi metodi di conversione del segnale, non richiedono l’alimentazione phantom.

Come per le chitarre e i pianoforti, è possibile utilizzare anche un amplificatore per pianoforte digitale, a patto che si disponga dei cavi adatti, ma in genere funziona solo con microfoni a nastro e dinamici, poiché la maggior parte delle amplificazioni e dei sistemi audio non fornisce l’alimentazione phantom.

Come scegliere un microfono

PFIOU. Finalmente, il mumbo-jumbo tecnico è finito. Il mumbo jumbo tecnico è finito. Spero che abbiate assimilato la maggior parte delle informazioni che abbiamo presentato sopra, ma se così non fosse, tutto è perdonato.

Probabilmente non si otterrà una standing ovation alle feste se si dice: “Sapevate che un sottile foglio di mylar sinterizzato in oro è essenziale per creare una risposta in frequenza dettagliata nei microfoni a condensatore”. Tuttavia, andiamo avanti.

Qualità della costruzione

I microfoni cinesi economici (e i prodotti in generale) sono spesso lamentati per la loro scarsa lavorazione, che può portare a distorsione, attenuazione o semplicemente malfunzionamento dei segnali del microfono dopo un uso minimo.

Con la dovuta cura e considerazione, la maggior parte dei microfoni contemporanei che non siano economici prodotti cinesi – e molti di essi sono oggi piuttosto robusti – dovrebbero essere costruiti abbastanza bene per la maggior parte delle piccole applicazioni.

Se la qualità costruttiva non è il criterio più importante per l’home studio amatoriale, gli artisti itineranti che devono costantemente trasferire un microfono dal punto A al punto B, e talvolta al punto C, devono pensare alla durata del microfono al momento della scelta.

Sebbene i microfoni dinamici siano spesso i migliori da questo punto di vista, un microfono dinamico mal costruito può comunque essere più suscettibile di danni rispetto a un microfono a nastro ben costruito, quindi la qualità costruttiva è sempre da tenere in considerazione.

Bilancio

Beh, sì. Certo che lo è. Tuttavia, va detto che l’adagio “si ottiene ciò che si paga” è semplicemente vero per la maggior parte delle apparecchiature musicali.

Detto questo, se il vostro budget è davvero basso, potrebbe valere la pena di prendere in considerazione un microfono di marca cinese meno resistente ma molto rispettato, come un iSK o un MXL – la cui qualità di registrazione è ormai a livelli fantastici – piuttosto che un Neumann, per esempio.

Una coppia di Shure SM57 o CAD M179 costerà solo poche centinaia di dollari, ma vi darà tutta la versatilità necessaria per i vostri microfoni.

Naturalmente, per uno studio professionale, un microfono veramente buono costerà almeno mezzo milione di euro.

Se è in buone condizioni, è una strategia molto diffusa quella di puntare sui microfoni usati, con un potenziale risparmio di centinaia di dollari a fronte di una diminuzione quasi invisibile delle prestazioni rispetto a un microfono già pronto.

Risorse disponibili

Avete una scheda audio? Avete un microfono da XLR a USB? Avete una workstation digitale? Sono tutti elementi a cui bisogna pensare prima di acquistare un microfono.

Non si può andare a spendere 1.000€ per un microfono e poi dire: “Oh, e ora come faccio a far registrare davvero questa cosa?

Per qualsiasi registrazione seria con un microfono, è necessaria una buona scheda audio prima dell’acquisto. Queste interfacce sono essenziali per amplificare il segnale del microfono a un livello udibile.

L’alternativa è utilizzare un microfono che non richiede una conversione analogica-digitale aggiuntiva, ad esempio un microfono USB.

I microfoni USB stanno recuperando terreno in termini di qualità e rappresentano un’alternativa più economica per i musicisti occasionali e gli streamer che non vogliono acquistare un’interfaccia audio, una workstation digitale e cavi XLR.

Alcuni microfoni, soprattutto i condensatori, sono così sensibili che il minimo tocco può rovinare completamente la registrazione. Spesso si trascura l’esigenza di supporti per ammortizzatori e di aste microfoniche robuste.

Prima di acquistare il primo microfono, verificate quanto spazio avete a disposizione. Avete bisogno di un’asta microfonica da tavolo o un’asta più grande può soddisfare le vostre esigenze?

L’ideale sarebbe avere entrambi per la registrazione degli strumenti, un supporto da pavimento per le voci e un supporto da tavolo per lo streaming/la riproduzione.

Perché avete bisogno di un microfono?

Forse la cosa più importante da considerare è questa: Per cosa si usa il microfono? Grazie a Internet, i microfoni hanno una tale varietà di funzioni potenziali che quello che si acquista per la musica può diventare il miglior strumento di comunicazione per i giochi.

Musica

Strumenti di registrazione

La registrazione di strumenti con un microfono è un dibattito interessante e piuttosto attuale nell’industria musicale.

Il continuo sviluppo di plugin per pianoforte VST, strumenti digitali integrati e convertitori analogico-digitali ha teoricamente eliminato la necessità di registrare qualsiasi strumento diverso dalla voce.

È facile chiedersi: perché preoccuparsi di registrare gli strumenti? Posso procurarmi un VST per il violoncello e la tromba, oppure posso emulare un amplificatore per chitarra e collegare la chitarra direttamente al jack di ingresso della mia interfaccia audio, quindi che senso ha?

Per alcuni, questo non ha senso. L’emulazione digitale degli strumenti ha raggiunto una fedeltà impressionante fin dagli albori dell’era di Internet e il costo di questi plug-in è in calo.

Detto questo, molti musicisti e produttori (me compreso) ritengono che non ci sia niente di meglio del suono di strumenti e amplificatori reali. C’è una certa dinamica, un certo feeling musicale, un certo fascino analogico che non può essere modellato, per quanto siano impressionanti i moderni strumenti virtuali.

In realtà, non esiste una risposta ovvia alla domanda: perché registrare gli strumenti? Dipende interamente dal genere a cui l’artista aspira, dal suo budget e dalla sua attrezzatura attuale. Ma posso dirvi una cosa.

Gli studi musicali di alto livello si concentrano quasi sempre sulla registrazione degli strumenti, non sulla loro modellazione. Anche se questo dipende naturalmente dallo stile musicale e dalla disponibilità di un determinato artista – non ha senso acquistare un microfono per registrare un pianoforte se non lo si possiede! – la musicalità, la versatilità e il suono grezzo delle registrazioni analogiche dal vivo superano di nove volte la comodità degli strumenti virtuali.

Per registrare diversi tipi di strumenti si utilizzano diversi tipi di microfoni. Gli archi sono riprodotti al meglio con microfoni a nastro o dinamici, mentre i condensatori sono adatti per gli overhead di batteria o chitarra.

È importante consultare le specifiche del microfono e le recensioni degli utenti per capire meglio il suo utilizzo ottimale prima di prendere una decisione.

Registrazione/interpretazione delle voci

La reazione immediata della maggior parte delle persone alle parole “musica” e “microfoni” è… il canto. Il mercato dei microfoni progettati interamente per il canto è enorme e le differenze tra queste apparecchiature e altri microfoni non progettati possono essere molto confuse.

In realtà, i “microfoni vocali” sono spesso più versatili di quanto si creda, e lo stesso vale per il contrario.

Quando si è il prossimo Jeff Buckley (e sono sicuro che molti di voi che stanno leggendo questo articolo aspirano ad esserlo), si prende molto sul serio la trasmissione della propria voce al resto del mondo, che sia su un MP3 o in uno stadio pieno di migliaia di persone.

Ma non esiste un “microfono migliore” ovvio per una data persona in una data situazione.

Oggi i musicisti e i cantanti hanno a disposizione così tante opzioni che la scelta migliore (come per la maggior parte delle apparecchiature) è quella di provarle personalmente.

In caso contrario, su YouTube e sui siti musicali vengono pubblicati test di microfoni per ogni tipo di budget e applicazione, rendendo la decisione meno stressante.

Un microfono che potrebbe funzionare per il vostro migliore amico potrebbe essere pessimo nel rilevare la vostra voce. Alcuni microfoni hanno risposte chiare, altri sono più caldi: alcuni sono migliori per le voci femminili e le esibizioni dal vivo, altri per i cantanti baritoni.

Ad esempio, Sufjan Stevens ha utilizzato efficacemente un AT4033 per molte delle sue registrazioni vocali, ma una voce maschile più profonda e potente potrebbe non essere riflessa altrettanto bene con questo microfono.

Trasmissione

YouTube/Podcasting/Gaming/Streaming

È incredibile quanto sia diventato redditizio il settore di YouTube e dei podcast negli ultimi anni. Superstar come Pewdipie hanno accumulato un patrimonio netto di oltre 20 milioni di dollari e il settore continua a crescere in modo significativo.

Mentre professioni come il podcasting e YouTubing iniziano a soppiantare il broadcasting, molte persone si cimentano in questo tipo di lavoro comodamente da casa.

In passato, semplici microfoni di fascia bassa erano sufficienti per i bambini, gli adolescenti e gli hobbisti adulti che volevano entrare nel settore, ma il successo globale dell’industria è tale che gli investitori seri in YouTube e podcasting hanno bisogno di apparecchiature di qualità migliore per soddisfare le esigenze del settore.

Per esempio, il già citato Pewdiepie usa un AKG Pro C414, un microfono da migliaia di dollari usato per registrare voci, chitarre acustiche e ora la voce della più famosa star di YouTube di tutti i tempi.

Molti microfoni sono stati sviluppati e commercializzati come microfoni da gioco o per podcast, come il Rode Procaster, ma è evidente che qualsiasi microfono in grado di ottenere registrazioni di alta qualità della voce darà risultati simili con il parlato.

Un buon microfono per strumenti o per voce è più che sufficiente per le esigenze di base del podcasting e dello streaming. A questo scopo, molti utenti non hanno accesso a un’interfaccia audio o alla possibilità di convertire un microfono tradizionale “XLR” in un segnale audio proiettabile.

I microfoni USB sono un’eccellente opzione di fascia media per coloro che desiderano trasmettere a casa ma non hanno i fondi, lo spazio o il tempo per investire nell’attrezzatura aggiuntiva richiesta dai microfoni non USB.

Per quanto riguarda lo streaming, alcuni microfoni per cuffie offrono un’amplificazione della voce estremamente nitida, chiara e di qualità professionale e sono molto comodi per questo scopo.

Detto questo, i microfoni stand-alone, siano essi USB o meno, offrono una qualità molto migliore man mano che si sale nella scala.

L’ultima parola

Il mondo dei microfoni è complicato: che si tratti della fisica, della trasmissione di correnti elettriche o della gamma di opzioni disponibili, nessun articolo può coprire completamente le sfumature del funzionamento di un microfono e di come sceglierne uno. Un libro potrebbe farlo, ma chi ha tempo per farlo? (Scherzo: un libro è un’ottima opzione per arrivare al cuore della questione con i microfoni).

Ci auguriamo che questo articolo e il suo seguito (che esamineranno microfoni specifici, fornendo recensioni, prezzi e sintesi delle loro applicazioni) vi permettano almeno di immergervi nel glorioso spettro della registrazione audio e di acquisire una conoscenza sufficiente per scegliere con sicurezza un microfono per ogni possibile desiderio.

Lascia un commento