I Migliori Pianoforti Digitali Portatili Economici 2024 (sotto i 150€)

Siamo sempre felici di vedere persone entusiaste di imparare la musica. Uno dei primi strumenti più popolari da imparare è il pianoforte, uno strumento versatile con un’ampia gamma dinamica e armonica. Questa flessibilità è il …

Siamo sempre felici di vedere persone entusiaste di imparare la musica. Uno dei primi strumenti più popolari da imparare è il pianoforte, uno strumento versatile con un’ampia gamma dinamica e armonica.

Questa flessibilità è il motivo per cui i pianoforti sono presenti in così tante composizioni, dalla classica al pop moderno. Come per ogni strumento, la pratica rende perfetti, e non è possibile esercitarsi senza il proprio strumento.

L’acquisto di un vero pianoforte acustico è probabilmente fuori questione per molti di noi, ma i pianoforti e le tastiere digitali sono alternative valide grazie ai progressi della tecnologia.

In ogni caso, il prezzo sarà sempre l’ostacolo principale. Anche se l’ampia gamma di opzioni significa che c’è quasi sempre un pianoforte digitale adatto alle vostre esigenze, il prezzo potrebbe non essere quello desiderato.

Essendo questo un sito incentrato sul pianoforte, abbiamo compilato guide e confronti di pianoforti e tastiere digitali per diverse fasce di prezzo, per aiutarvi a fare acquisti consapevoli. Il nostro precedente articolo sulla fascia di prezzo più bassa riguardava i pianoforti digitali con un prezzo inferiore a 300 euro. All’epoca, abbiamo trovato difficile scegliere tastiere eccellenti in questa fascia di prezzo a causa delle nostre aspettative.

Se il vostro obiettivo è quello di imparare il pianoforte (non necessariamente di padroneggiarlo), diremmo che il pianoforte digitale ideale deve :

  • Tasti pesati a grandezza naturale che riproducono l’aspetto e la sensazione di un vero pianoforte
  • Sensibilità alla pressione e alla velocità che risponde alla forza con cui si premono i tasti
  • Buoni suoni che permettono di sentire le sfumature più sottili
  • 88 tasti per gestire tutti i generi musicali

Queste caratteristiche sono ideali, in quanto forniscono una solida base per la costruzione di tecniche e abitudini esecutive corrette, a loro volta trasferibili ad altri pianoforti, acustici o digitali.

Se avete letto il nostro articolo sulle tastiere sotto i 300 euro, avrete notato che nessuna delle nostre selezioni include tutti questi “must-have” A questo livello di budget, i sacrifici sono una necessità e possono finire per rallentare il vostro processo di apprendimento.

Naturalmente, è ancora possibile imparare le basi del pianoforte su questi modelli.

Esistono persino corsi formali accreditati dedicati all’arrangiamento delle tastiere e alle loro possibilità solistiche (ad esempio Trinity Guildhall).

Ma Francesco, e se non volessi spendere così tanto?

Se vi state ponendo questa domanda, questo è l’articolo che fa per voi. Abbiamo dimezzato il nostro limite di prezzo e scelto alcune tastiere economiche sotto i 150 dollari che riteniamo accettabili.

Questa volta siamo stati un po’ più indulgenti con gli sforamenti di budget, ma queste sono le nostre scelte migliori per chi è attento al budget.

Dobbiamo chiarire che queste tastiere non sono l’ideale per imparare a suonare il pianoforte e raccomandiamo sempre un pianoforte digitale sotto le 500€ per un’esperienza di apprendimento ottimale.

Anche a 300€, si ottengono miglioramenti significativi nella qualità del suono e nella sensazione al tatto. Detto questo, la categoria inferiore a 150 euro è un’opzione valida per chi non è disposto a comprare tutto.

In fin dei conti, non si tratta di un’offesa, poiché per la maggior parte di noi la musica è un hobby piuttosto che una carriera, quindi è difficile giustificare una spesa eccessiva per un primo passo in un hobby.

Pertanto, queste scelte economiche funzionano a breve termine e consentono di comprendere i fondamenti del suonare il pianoforte, aiutandovi a decidere se il pianoforte è lo strumento musicale giusto per voi.

I bambini piccoli non hanno necessariamente bisogno di funzioni approfondite e di alto livello, e i genitori saranno felici di sapere che non pagheranno troppo in caso di rottura accidentale.

Il seguente elenco comprende i migliori pianoforti a tastiera economici che possono servire come trampolino di lancio per progetti futuri.

Queste tastiere arranger economiche sono ideali anche per imparare una varietà di suoni e generi. Dopotutto, un hobby dovrebbe essere divertente e non posso negare di essermi divertito con queste tastiere, per quanto essenziali.

Come dice il proverbio, “si ottiene ciò che si paga”. Discutiamo quindi dei compromessi che abbiamo scelto di accettare.

Cosa cerchiamo in una tastiera portatile

Per queste opzioni, abbiamo preferito tastiere con le seguenti caratteristiche:

  • Tasti a grandezza naturale
  • Risposta alla pressione o alla velocità
  • Suono di pianoforte decente
  • Almeno 61 tasti

Non si tratta di prerequisiti difficili, ma sono obbligatori se l’obiettivo finale è quello di acquisire competenze pianistiche trasferibili.

La recente tendenza delle tastiere mini è divertente per le configurazioni portatili, ma sembrano giocattoli. Così come la mancanza di sensibilità alla pressione, essendo il controllo dinamico una necessità per ogni pianista in erba.

Sebbene non si possa sostituire la sensazione dei tasti pesati e dell’azione del martello, è essenziale essere in grado di variare tra pianissimo e fortissimo. Con buoni campioni si potrà anche sentire la differenza di dinamica.

Anche il numero di chiavi è importante. 25 tasti forniscono 2 ottave complete, ma non sono sufficienti per esercitarsi sia per i mancini che per i destrimani. Più tasti ci sono meglio è, l’ideale è una tastiera completa con 88 tasti.

Il numero minimo assoluto di tasti accettati è di 61 tasti, che consente di esercitarsi con la maggior parte delle canzoni pop classiche e per principianti.

I migliori pianoforti digitali sotto le 150€

Casio Casiotone CT-S300: la migliore tastiera per i principianti

Vantaggi

  • Un’ampia gamma di suoni
  • I tasti sono buoni per il prezzo
  • Controlli ben studiati
  • Rotella Pitch Bend
  • Connettività USB
  • Compatibile con l’applicazione Chordana Play

Svantaggi

  • I suoni non sono molto buoni
  • Meno ritmi rispetto alle tastiere arranger classiche

Casio ha recentemente rilanciato la sua popolare vecchia gamma di Casiotone. La serie Casiotone è stata vista per l’ultima volta negli anni ’80, con il modello iniziale (il CT-201) commercializzato come “la prima tastiera elettronica con tasti a grandezza naturale che chiunque poteva permettersi”.

La gamma nuova e migliorata continua questa eredità offrendo la stessa promessa. I nuovi modelli includono CT-S100 (disponibile in alcuni Paesi), CT-S200, CT-S300 e LK-S250.

Questi prodotti sono chiaramente destinati ai principianti e il loro prezzo corrisponde ai nostri listini.

Casio ha ottenuto buoni risultati nel nostro precedente articolo sui pianoforti digitali economici sotto i 300 euro con le sue tastiere arranger, in particolare il CTX-700. Ha perso contro Yamaha, con un suono leggermente inferiore a quello dei suoi concorrenti.

Tuttavia, la nuova serie Casiotone, in particolare il CT-S300, è abbastanza adatta ai principianti. Ecco un breve confronto.

Il nostro preferito è il modello CT-S300. I modelli inferiori non sono sensibili alla pressione, il che li rende meno interessanti per la pratica. Se siete interessati alla gamma Casiotone, scegliete il CT-S300.

L’LK-S250 è un modello che non abbiamo scelto per diversi motivi. Il più importante è che si tratta essenzialmente di un CT-S300 con tasti luminosi, il che potrebbe non piacere a tutti.

20 per l’apprendimento basato su stimoli visivi potrebbe essere appropriato per gli studenti visivi.

Il CT-S300 è leggero e costruito interamente in plastica. È portatile e sorprendentemente solido per il suo prezzo. Graffi e urti sono inevitabili, ma credo che resisterà alla prova del tempo.

I controlli sono semplificati, il che è un vantaggio per i principianti. Mi piace l’uso di un pulsante encoder per la selezione dei suoni, che spero di vedere nelle future tastiere economiche di Casio.

Come si sente il CT-S300? I 61 tasti sensibili alla velocità sono passabili e si avvicinano abbastanza alle tastiere arranger CTX di fascia alta da risultare piacevoli una volta che ci si abitua al contorno della pressione.

Anche la polifonia di 48 note è più che sufficiente (ricordiamo che abbiamo solo 61 tasti in totale).

I suoni inclusi non sono straordinari, ma reagiscono all’intensità del suono, consentendo di esercitare un controllo dinamico.

I suoni includono pianoforti, ottoni, chitarre e alcuni suoni di sintetizzatore dalle tastiere CTX.

Trattandosi principalmente di una tastiera per esercitarsi per i principianti, la presenza di 400 suoni è impressionante. Il suono del pianoforte sarà il vostro cavallo di battaglia, ed è funzionale.

Dopo essermi abituato ai tasti non pesati, sono riuscito a scrivere alcune progressioni di accordi e pezzi classici, ma la pressione dei tasti richiede un po’ di tempo per abituarsi se si ha esperienza con un vero pianoforte.

Si noti che suonare sui tasti di un sintetizzatore non pesato è molto diverso dal suonare sui tasti di un vero pianoforte, soprattutto per quanto riguarda il punto di rotazione e i punti di attuazione.

Oltre a un discreto banco di suoni, ci sono anche 77 ritmi di accompagnamento con una variante a pulsante. Questo sistema non è completo come la gamma CTX, ma è un’alternativa ai metronomi.

Inoltre, offre ai neofiti un assaggio di stili ritmici più esotici, come i ritmi latini come la Bossa Nova.

La sezione ritmica non è adatta ai corsi di arrangiamento per tastiera, ma è piuttosto divertente se usata per esercitarsi.

I due altoparlanti da 2,5 W non sono il massimo, ma sono stereo e relativamente chiari, il che è davvero tutto ciò che voglio da una tastiera per esercitarmi.

Se si desidera utilizzare il CT-S300 (o qualsiasi altro modello della gamma Casiotone) come strumento da concerto, si utilizza la presa di uscita mini TRS. Si collega ad amplificatori esterni e funge anche da uscita per le cuffie per la pratica privata.

Inoltre, il CT-S300 può essere alimentato con 6 batterie AA e ha un’ottima autonomia di 20 ore. Naturalmente, è possibile utilizzare anche l’adattatore di rete in dotazione.

L’inclusione di una presa per il pedale sustain può essere data per scontata. A seconda di dove si acquista la tastiera Casiotone, il pedale sustain può essere un acquisto separato, quindi è bene tenerlo in considerazione nel budget.

Per la connettività MIDI, ci si affida alla porta micro USB. Consente di collegarsi a una DAW per utilizzare il CT-S300 come controller MIDI, oppure di collegarsi all’applicazione Chordana Play di Casio.

L’applicazione Chordana Play consente di controllare le impostazioni e i suoni selezionati del CT-S300, ma la sua vera potenza entra in gioco quando viene integrata con l’LK-S250. È possibile caricare i propri file MIDI per sincronizzare i brani con i tasti luminosi.

Infine, il CT-S300 è dotato di una rotella per il pitch bend, un bel vantaggio per esercitarsi con le tracce di sintetizzatore.

Inoltre, rende il CT-S300 un controller MIDI USB valido e conveniente. Si noti che i modelli CT-S100 e CT-S200 non dispongono di una rotella di inclinazione.

Nel complesso, il CT-S300 è un ottimo acquisto a meno di 150 euro. C’è un ampio margine di miglioramento, ma ciò richiederebbe un aumento dei prezzi.

Se volete una buona tastiera economica che suoni bene, prendete la CT-S300 o la LK-S250 se volete tasti luminosi.

Yamaha PSR-E273 – La tastiera portatile con il miglior rapporto prezzo/prestazioni

Vantaggi

  • 401 suoni di buona qualità
  • Caratteristiche e ritmi dell’accompagnamento
  • Interfaccia utente di facile comprensione
  • 112 brani incorporati
  • Registratore MIDI incorporato

Svantaggi

  • Nessuna sensibilità alla pressione
  • Nessun connettore USB

Nel nostro elenco di tastiere sotto le 300€, la Yamaha PSR-E363 è stata offerta come opzione, e la Yamaha PSR-E273 entra nella lista come miglior arrangiatore di tastiere economico per principianti.

La serie PSR è una delle linee di tastiere arranger a basso costo di Yamaha e lo Yamaha PSR-E273 è uno dei modelli più economici che si possano trovare in questa linea di prodotti.

Per molti versi, è molto simile al PSR-E363, ma con alcuni svantaggi.

Il cabinet del PSR-E273 è realizzato in plastica nera, ma sembra più economico del Casiotone CT-S300. È anche leggermente più grande, con dimensioni di 94 cm x 31 cm x 10 cm e un peso di 4 kg.

La sensibilità alla pressione è la grande mancanza, e questo è un duro colpo, perché i tasti suonano allo stesso modo, indipendentemente dalla forza o dalla delicatezza della pressione.

In pratica, ciò significa che non si otterrà il feedback uditivo del controllo dinamico, il che è dannoso per una tastiera per esercitarsi.

Normalmente questo significherebbe una rimozione immediata dalla nostra lista, ma il motore sonoro AWM di Yamaha salva il PSR-E273. Il fatto che il PSR-E273 non sia commercializzato come una tastiera per esercitarsi per i principianti è un altro punto a favore.

Il PSR-E273 è un arranger end-to-end, quindi a questo scopo i tasti a velocità costante sono perfetti.

Quando si tratta di esercitarsi al pianoforte, il PSR-E273 è molto valido, una volta superata la mancanza di dinamica. I 61 tasti sono a grandezza naturale e simili a quelli del PSR-E363. Come per il suo fratello maggiore, li abbiamo trovati funzionali, ma niente di più.

I tasti in plastica economica sono la norma per questa fascia di prezzo e sono molto simili a quelli delle tastiere Casiotone di cui abbiamo già parlato.

Il Casiotone, tuttavia, sembra essere più piacevole al tatto e il limite di polifonia a 32 note del PSR-E273 lascia molto a desiderare.

Sebbene i tasti non siano molto potenti, i suoni sono abbastanza buoni e provengono dal motore sonoro a memoria d’onda di Yamaha, presente anche sul PSR-E363. La mancanza di dinamica influisce sui suoni, ma sono comunque piacevoli se riprodotti attraverso i due diffusori da 2,5W.

Ci sono anche 401 suoni in offerta, e direi che alcuni sono migliori di quelli del Casiotone. Yamaha ha sempre eccelso nel suono, quindi non sorprende che il PSR-E273 faccia lo stesso.

I suoni includono la maggior parte degli strumenti consueti, come pianoforti, archi, sintetizzatori, bassi e chitarre. Sono apparentemente identici a quelli del PSR-E363, anche se meno espressivi a causa della mancanza di sensibilità alla pressione.

La demo qui sotto si riferisce al PSR-263 (il suo predecessore), ma i suoni non sono cambiati molto, quindi si applica anche al PSR-273.

YouTube video

Come tastiera arrangiatrice, il vantaggio principale è l’incorporazione di stili e ritmi di accompagnamento. I ritmi includono pulsanti di introduzione, riempimento, variazione e outro, rendendo il PSR-E273 una one-man band.

La funzione arranger consente anche di esercitarsi sui contenuti delle lezioni per tastiera dell’arranger. Come già accennato, questi ritmi sono molto utili anche per rendere più vivaci le sessioni di pratica.

La funzione di accompagnamento automatico riproduce le parti di basso per mancini in base alla pressione dei tasti e, a questo prezzo, è l’unico strumento che offre questa funzione a questo livello.

La selezione del suono avviene tramite lo schermo LCD di base e un tastierino numerico accanto all’elenco stampato sul pannello frontale consente una facile navigazione.

Come tastiera arranger, il PSR-E273 soddisfa tutti i requisiti.

L’unica spiacevole dimenticanza è la mancanza di una porta USB, il che significa che non è possibile registrare dati MIDI direttamente sul computer, una mancanza di comodità che dimostra la relativa età del PSR-E273.

Nel complesso, lo Yamaha PSR-E273 è una buona scelta per i principianti. L’unico problema evidente è la mancanza di sensibilità alla velocità, che ostacola l’esperienza di apprendimento.

In termini di suono e funzionalità, questa tastiera è difficile da battere e merita di essere scoperta.

Se desiderate i vantaggi della sensibilità alla pressione, potete scegliere il modello Yamaha YPT360, dotato di una tastiera migliorata, di una polifonia più elevata e di una porta MIDI USB.

Il prezzo di vendita è leggermente superiore al nostro budget, ma i miglioramenti apportati ne valgono la pena, secondo noi.

È inoltre possibile trovare la YPT-270, che è fondamentalmente la stessa tastiera della PSR-E273 con una finitura leggermente modificata e destinata a mercati diversi. Lo stesso vale per l’YPT-360 e il PSR-E363.

Casio CTK-3500

Vantaggi

  • Una tastiera arranger più completa del PSR-E273
  • Tasti sensibili al tocco
  • Una rotella per il pitch bend
  • Connettività USB
  • Applicazione Chordana Play

Svantaggi

  • I suoni sono deboli
  • Non i migliori altoparlanti

Casio colpisce ancora, questa volta con una tastiera più incentrata sulle funzionalità di arranger. È simile alla CTX-700 di cui abbiamo scritto nella nostra recensione della tastiera da meno di 300 dollari, e la maggior parte dei nostri commenti sono validi.

Si tratta di una tastiera arranger economica a 61 tasti (sensibile al tocco) con funzioni di accompagnamento, 400 toni incorporati, 100 ritmi e una polifonia a 48 tasti.

Sembra un buon affare rispetto alla CT-S300, che costa un po’ di più, quindi perché?

Tutto si riduce al suono. Il PSR-E273 di Yamaha vince grazie al suo chip sonoro AWM, mentre il motore AHL di Casio resta indietro.

Anche i diffusori stereo da 2W non aiutano molto, poiché, sebbene siano alimentati quasi con la stessa potenza del CT-S300, si avverte una certa sensazione che rende il CTK-3500 un po’ meno valido.

I tasti sono simili a quelli precedenti, ma sono sensibili alla velocità, con 2 livelli preimpostati. Non è molto, ma le impostazioni predefinite sono sufficienti per l’allenamento al controllo dinamico, il che è un vantaggio.

Il problema, ancora una volta, è rappresentato dai suoni. La versione leggermente più vecchia del motore sonoro di Casio impedisce al CTK-3500 di occupare più spazio.

I pianoforti non suonano in modo impressionante e i diffusori sembrano comprimere troppo il suono in uscita, riducendo al minimo il lato positivo della sensibilità alla pressione.

I suoni sono vari e piuttosto piacevoli se ascoltati attraverso il jack di uscita delle cuffie. Ci sono pianoforti, tasti, archi e sintetizzatori decenti. È un peccato che lo Yamaha PSR-E273 suoni meglio.

Sono un po’ deluso perché il Casio ha il vantaggio della funzionalità di arranger, che lo rende la macchina migliore per una one-man band, con lo svantaggio di una qualità sonora inferiore.

La polifonia a 48 note consente di mantenere le note per lunghi periodi di tempo senza preoccuparsi che il suono si interrompa (soprattutto quando si utilizzano ritmi e accompagnamenti).

I ritmi inclusi sono piuttosto buoni e comprendono 2 versioni, una variazione, una sincronizzazione e un’opzione di fine, più di quanto si possa ottenere con il PSR-E273.

Anche le parti di basso di accompagnamento sono più flessibili e varie. Chi ha letto la nostra recensione del CTX-700 dovrebbe avere familiarità con questa sensazione.

Infine, sono presenti una rotella per il pitch bend e la connettività USB. Non è molto, ma apre opzioni come la possibilità di registrare su computer e di utilizzare l’app Chordana Play per le lezioni e il monitoraggio.

In termini di portabilità, il CTK-3500 è abbastanza vicino al CT-S300. La tastiera misura 94 cm x 30 cm x 9 cm e pesa 3,4 kg.

In termini di numeri grezzi, batte il PSR-E273 se lo si vuole usare in movimento. Si può anche scegliere di utilizzare l’adattatore CA o le batterie in dotazione.

Se state pensando di acquistare il CTK-3500, date un’occhiata al modello Casio LK-265, simile al CTK-3500 ma con tasti illuminati.

Ecco le principali differenze tra i due modelli.

Concludo questa sezione dicendo che il CTK-3500 è una buona scelta per i piccoli budget, ma è frenato dal motore sonoro e dai diffusori. Tuttavia, direi che è a pari merito per il secondo posto con lo Yamaha PSR-E273 piuttosto che essere un gradino sotto.

La qualità del suono è essenziale per le tastiere e i pianoforti digitali, ma una buona tastiera per esercitarsi deve essere sensibile al tocco. Non siamo quindi d’accordo nel confrontare gli arrangiatori Yamaha e Casio.

In definitiva, tutto dipende dalle vostre esigenze.

Nektar GX61 + VST

Vantaggi

  • Personalizzabile
  • La migliore sensazione e il miglior suono
  • Libreria sonora espandibile
  • Ideale per i sound designer/produttori alle prime armi

Svantaggi

  • Complicato
  • Non è possibile esercitarsi senza un computer
  • Il suono proviene dal computer, non dalla tastiera stessa.

Dato che stiamo parlando di misure di risparmio, abbiamo deciso di includere un’opzione più “esotica” nel mix. Tenete presente che questa opzione richiede un computer e un minimo di conoscenze tecniche, ma i risultati valgono la pena.

In pratica, utilizzeremo una combinazione di controller MIDI, VSTi e software host in esecuzione sul nostro computer.

La tastiera MIDI

La Nektar GX61 è una tastiera MIDI USB a 61 tasti, piuttosto buona per il suo prezzo. Ha un’elasticità che le altre tastiere ad azione sintetica di questo elenco non possono eguagliare e direi che è la mia tastiera preferita di questo elenco.

Sacrificare un’ottava o due non è un problema per me, ma chi vuole una formazione classica potrebbe rimanere deluso.

(A titolo informativo, gli stessi tasti si trovano nella serie Nektar SE, con un modello a 49 tasti, ancora più conveniente, anche se il numero di tasti non è molto elevato).

La tastiera si collega direttamente al laptop o al desktop tramite USB ed è alimentata tramite bus, il che significa che non sono necessarie batterie o adattatori di alimentazione.

Il problema delle tastiere MIDI dedicate è che non possono produrre suoni da sole. Devono essere collegati a un modulo sonoro, i cui campioni saranno attivati dalla pressione dei tasti.

La sorgente sonora

La nostra fonte sonora sarà un plugin Virtual Studio Technology Instrument (VSTi), che viene eseguito sul nostro computer portatile in un programma host.

In questo caso, consigliamo Addictive Keys per il suo basso costo, anche se esiste un’opzione gratuita (e probabilmente migliore) se non vi dispiace un po’ di configurazione in più.

In particolare, ci rivolgiamo all’Addictive Keys Studio Grand, che è il suono standard del pianoforte a coda presente nella maggior parte dei pianoforti digitali.

Addictive Keys è un plugin che abbiamo trattato nella nostra panoramica sui VST per pianoforte, ed è stata la scelta migliore con un budget limitato.

L’interfaccia è semplice, ma l’editing e il mixaggio approfondito sono disponibili nella vista avanzata del software. Anche dal punto di vista sonoro non c’è molto di cui lamentarsi, visto che si tratta di campioni e preset pronti per la radio.

Con il riverbero e gli strumenti di mixaggio integrati è possibile adattare il suono a qualsiasi scena. Provate a giocare con i cursori e le preimpostazioni per vedere cosa riuscite a creare.

Se il prezzo vi sembra un po’ eccessivo, provate a cercare nel forum di KVR.

XLN Audio ha offerto copie gratuite di Addictive Keys con qualsiasi prodotto Focusrite e, dato che i preamplificatori e le interfacce Focusrite sono lo standard del settore, ci sono molte copie vaganti in giro in cerca di proprietari.

Abbiamo trovato chiavi a partire da 15 euro, quindi andate a colpo sicuro!

Plugin VST gratuiti (bonus)

Se preferite un’opzione gratuita, la libreria Piano in 162 di Ivy Audio è una delle migliori librerie di pianoforte in circolazione. È disponibile gratuitamente in formato SFZ! Ricordate che si tratta di un download massiccio.

Per caricare i file SFZ, è necessario un lettore di campioni compatibile con SFZ. Il mio consiglio è il freeware sforzando di Plogue.

Si carica il lettore nello stesso modo in cui si carica Addictive Keys, ma poi si deve caricare il file SFZ ‘Piano in 162’.

L’enorme dimensione del file comporta la necessità di dedicare molto tempo al caricamento della libreria di pianoforti, ma ne vale la pena.

Il suono di “Piano in 162” è bellissimo e direi che è migliore delle librerie di pianoforte a pagamento, come Grandeur di Native Instrument e alcuni strumenti di Keyscape.

Il software host

Quindi abbiamo il nostro controller e il nostro modulo audio. Il problema ora è farli comunicare tra loro. Di solito è necessario un host, che nella maggior parte dei casi è una workstation audio digitale (DAW).

Fortunatamente, Addictive Keys è un programma autonomo pronto all’uso. È sufficiente avviare Addictive Keys come un qualsiasi gioco per PC per iniziare a giocare.

Il lettore di sforzando di Plogue è disponibile anche come applicazione indipendente.

Tuttavia, questo vi limita in termini di effetti, quindi potreste prendere in considerazione una workstation digitale come Cakewalk di Bandlab (noto ad alcuni come Sonar), disponibile gratuitamente. È dotato di alcuni ottimi effetti incorporati e può valere la pena di configurarlo.

In alternativa, se volete lavorare con qualcosa di più elementare, la maggior parte delle tastiere MIDI viene fornita con un software. Il GX61 viene fornito con Bitwig 8-track, una semplice DAW basata sulle prestazioni che può essere interessante.

Per ulteriori informazioni sull’uso degli strumenti virtuali con una tastiera MIDI/pianoforte digitale, consultare la nostra guida dettagliata.

Sembra troppo complicato?

Non hai torto. Un buon pianoforte digitale avrà sempre la meglio su questa opzione grazie alla sua semplicità. Si preme l’interruttore e si parte.

Tuttavia, il nostro obiettivo è ottenere il miglior rapporto qualità-prezzo. Questa opzione, giudicata esclusivamente in base alla suonabilità e al suono del pianoforte, è migliore delle altre tastiere di questo elenco.

Le altre tastiere di questo elenco non mirano a una buona sensazione al tatto e i tasti sembrano di plastica economica. Anche il GX61 può essere in plastica, ma punta a una qualità superiore, con tasti reattivi e resistenti e una migliore qualità costruttiva.

(Il GX61 potrebbe essere la nostra scelta, ma anche altri controller MIDI sono opzioni migliori. Dopotutto, stiamo lavorando con un budget limitato).

Sebbene i suoni di pianoforte Casiotone e Yamaha siano passabili, nessuno li scambierà per veri pianoforti. Con i plugin VST si ottengono suoni molto migliori allo stesso prezzo.

Si potrebbe trovare un po’ restrittiva la concentrazione sui suoni di pianoforte, ma nessuno ha detto che si è limitati a un solo suono di pianoforte.

Sebbene sia necessario cercare altre librerie di suoni o sintetizzatori, la tavolozza dei suoni è limitata solo dal software installato.

Se volete chitarre e bassi, date un’occhiata a AGML e ABPL di Ample Sound per ottenere i suoni più realistici. Volete dei sintetizzatori? Synth1 è un’opzione potente che rivaleggia con i plugin a pagamento.

Le possibilità sono infinite, anche se il noioso download e l’installazione potrebbero scoraggiare alcuni.

Non diremo che questa opzione è adatta a tutti, ma se vi sentite avventurosi (e parsimoniosi), potrebbe valere la pena di provarla.

Se volete saperne di più sulle possibilità offerte dagli strumenti software, potete leggere il nostro articolo Come scrivere una canzone, in cui utilizziamo diverse librerie di strumenti per creare un arrangiamento di una canzone.

Il mercato dell’usato: un’altra opzione

Se avete mai provato a cercare occasioni su Internet, sapete che i prodotti di seconda mano sono una miniera d’oro non sfruttata. Thomann, Leboncoin o anche Facebook Marketplace. Questi sono tutti siti web su cui dovreste fare acquisti.

Una rapida ricerca su Leboncoin al momento in cui scriviamo mostra alcuni pianoforti digitali Casio a 88 tasti (con tasti pesati) in vendita per meno di 150€, un prezzo conveniente se si considera che superano le altre opzioni della nostra lista.

Detto questo, sono possibili restituzioni a causa di cattive condizioni estetiche, chiavi allentate o che tintinnano e altri difetti.

Non possiamo fornire raccomandazioni dirette, perché in teoria si potrebbe trovare qualsiasi cosa in vendita.

Se vedete una bella tastiera o un pianoforte digitale di una marca di cui vi fidate (Roland, Kawai, Yamaha, Casio, ecc.), provate a cercare nel nostro sito per vedere se abbiamo un test con delle recensioni.

Come promemoria, cercate le seguenti caratteristiche per ottenere il massimo dal vostro denaro.

  • 88 tasti per una suonabilità completa, come richiesto per le composizioni classiche
  • Tasti a martello appesantiti per una risposta acustica simile a quella di un pianoforte
  • Suoni di pianoforte ben campionati
  • Nessun difetto evidente, come tasti e pulsanti non funzionanti.

Il mercato online è volubile e imprevedibile, quindi fate attenzione. Tuttavia, l’usura non dovrebbe essere un grosso problema.

A differenza delle parti meccaniche dei pianoforti acustici, i chip e i circuiti stampati non sono soggetti al degrado e alla ruggine. Anche uno strumento che ha più di 5 anni dovrebbe essere in buone condizioni.

Non possiamo darvi suggerimenti a causa della costante evoluzione del mercato online, ma vi daremo qualche consiglio.

  1. Evitare le tastiere etichettate come “organi”. Si tratta probabilmente di vecchie tastiere con chip sonori di tipo sintetizzatore. Non hanno un suono realistico e la sensibilità al tocco è spesso assente.
  2. Assicuratevi di evitare le offerte “troppo belle per essere vere”. Se vedete uno Yamaha Clavinova (il loro fiore all’occhiello) a meno di 1000 euro, c’è qualcosa che non va.
  3. Se possibile, controllate le recensioni dei venditori, in modo da lavorare solo con utenti con una buona reputazione.
  4. Se possibile, pagare solo dopo la conferma della consegna. Amazon lo fa di default, ma non Leboncoin.
  5. Testate il prodotto prima di acquistarlo. I siti di annunci come Leboncoin sono ottimi per questo scopo, e anche andare nei negozi di musica per testare prodotti simili o identici funziona.

Questa opzione può sembrare una scappatoia, ma anche in questo caso stiamo lavorando con un budget limitato. Se riusciamo a risparmiare un po’ di soldi e a ottenere comunque una buona tastiera, per noi è una vittoria.

Pedale di sostegno

La maggior parte dei pianoforti al di sotto delle 300€ non era dotata di pedali sustain e non sorprende che le stesse sviste si riscontrino anche nei modelli a metà prezzo.

Se volete davvero suonare il pianoforte, un pedale sustain/damper è indispensabile. Imparare a controllare le note sostenute con i piedi è un’abilità essenziale per i brani classici e moderni.

Trattandosi di un acquisto aggiuntivo, potrebbe essere necessario tenerne conto nel budget.

I nostri pedali sustain preferiti sono il Nektar NP-2 e l’M-Audio SP-2.

Nektar è stata raccomandata per la qualità costruttiva della sua tastiera MIDI GX61, e la stessa qualità si ritrova in questo pedale. Non è costoso, ma è bello e resistente.

È possibile utilizzarlo anche su altre tastiere o pianoforti digitali.

Se volete spendere il meno possibile, potete prendere in considerazione le marche non note che si trovano spesso nei negozi di musica e nei negozi online.

Onestamente, la qualità costruttiva è l’unica preoccupazione principale, poiché i pedali economici si guastano facilmente a causa della polvere e dei punti di contatto difettosi.

Pedale di controllo

Se scegliete questa opzione, evitate i pedali “a blocco”, che prendono il nome dalla loro forma quadrata. Sono funzionali, ma non ideali per i pianisti di lungo corso, poiché allenano un diverso tipo di memoria muscolare.

Scegliere la migliore tastiera economica per principianti – Guida all’acquisto

Lo so, scegliere il vostro primo pianoforte a tastiera non è un compito facile, soprattutto considerando la varietà di opzioni disponibili sul mercato.

Ciò che può rendere il tutto ancora più difficile è l’enorme numero di termini che non avete mai sentito prima.

Per comodità, ecco un rapido elenco di termini e frasi utilizzati per descrivere tastiere e pianoforti digitali.

Chiavi

I pianoforti acustici moderni hanno 88 tasti. La maggior parte delle tastiere e dei pianoforti digitali ha 88, 76, 73 o 61 tasti. 73 tasti sono sufficienti per suonare la maggior parte (99%) dei brani moderni. Alcuni brani avanzati (musica classica) richiedono un set completo di 88 tasti.

Meccanica

Esistono tre tipi principali di meccanica:

  • Non pesati: la maggior parte degli organi, dei sintetizzatori e delle tastiere entry-level non sono pesati.
  • Semi-pesata: azione comune per i pianoforti digitali portatili economici (di solito il costo è inferiore a 300€). L’azione a molla aggiunge una maggiore resistenza ai tasti rispetto all’azione non pesata.
  • Completamente ponderato (azione del martello) è progettato per replicare l’azione di un vero pianoforte. Utilizza piccoli martelli (anziché molle) collegati a ciascun tasto per ricreare i movimenti meccanici di un vero pianoforte.

Se il vostro scopo principale è quello di suonare il pianoforte, probabilmente vorrete una tastiera con tasti ad azione martellante.

Questa è l’azione dei tasti più simile a quella dei tasti di un vero pianoforte e vi aiuterà a sviluppare la forza e la tecnica delle dita, rendendo più facile il passaggio a uno strumento acustico in futuro (se deciderete di farlo).

Sensibilità

La sensibilità al tocco (nota anche come sensibilità alla velocità o risposta al tocco) è una caratteristica molto importante di qualsiasi tastiera o pianoforte digitale, in quanto garantisce che il volume prodotto dallo strumento cambi a seconda della forza o della morbidezza con cui si suonano i tasti.

Questo non è un grosso problema al giorno d’oggi, dato che quasi tutte le tastiere con un prezzo superiore a 150 euro sono dotate di tasti sensibili al tocco, indipendentemente dal tipo di azione.

È molto più importante sapere se la tastiera è pesata o meno. Le tastiere con azione completamente pesata sono spesso dotate di sensibilità al tocco regolabile, in modo da poterla adattare al proprio stile di gioco.

Polifonia

La polifonia è il numero di note che un pianoforte digitale può produrre contemporaneamente.

Oggi la maggior parte dei pianoforti digitali è dotata di una polifonia di 64, 128, 192 o 256 note.

Vi chiederete come sia possibile avere 32, 64 o addirittura 128 note suonate contemporaneamente, se ci sono solo 88 tasti e non li suoniamo mai tutti insieme.

Innanzitutto, molti pianoforti digitali moderni utilizzano campioni stereo, che talvolta richiedono due note per ogni tasto suonato.

Inoltre, l’uso del pedale sustain, gli effetti sonori (riverbero, chorus), la modalità duale (layering) e persino il ticchettio del metronomo occupano ulteriori note di polifonia.

Ad esempio, quando si preme il pedale sustain, le prime note suonate continuano a suonare mentre se ne aggiungono altre e il pianoforte ha bisogno di più memoria per far suonare tutte le note.

Un altro esempio di polifonia si ha quando viene riprodotto un brano (che può anche essere una propria esecuzione registrata) o quando l’accompagnamento è automatico.

In questo caso, il pianoforte avrà bisogno di polifonia non solo per le note suonate, ma anche per la traccia di accompagnamento.

Quando si raggiunge il limite massimo di polifonia, il pianoforte inizia ad abbandonare le prime note suonate per liberare memoria per le nuove note, il che influisce sulla qualità e sulla fluidità del suono.

Raramente avrete bisogno di tutte le 192 o 256 voci di polifonia contemporaneamente, ma ci sono casi in cui si possono raggiungere i limiti di 64 o addirittura 128 note, soprattutto se vi piace stratificare più suoni e creare registrazioni multitraccia.

Per un esecutore intermedio è auspicabile una polifonia di 128 note o più.

Modalità

Oltre alla modalità standard “tastiera singola”, i pianoforti digitali offrono spesso modalità aggiuntive che consentono di utilizzare due suoni di strumenti contemporaneamente o di suonare a quattro mani.

Ecco le modalità più popolari disponibili sui pianoforti digitali:

  • Modalità Split: divide la tastiera in due parti, consentendo di suonare uno strumento diverso in ciascuna parte. Ad esempio, è possibile suonare la chitarra con la mano sinistra e il pianoforte con la mano destra allo stesso tempo.
  • Modalità Dual (Layering): consente di stratificare due suoni diversi in modo che suonino contemporaneamente quando si preme un tasto. Ad esempio, è possibile sovrapporre gli archi al suono del pianoforte o combinare qualsiasi suono per ottenere combinazioni nuove e interessanti.
  • Duet Mode (anche Duet Play, Partner Mode, Twin Piano): divide la tastiera in due metà con intervalli di note identici (due do centrali), consentendo a due persone di suonare le stesse note contemporaneamente. Duet Play è particolarmente utile se utilizzato con l’insegnante, che suonerà brani per voi da un lato della tastiera e voi potrete seguirlo dall’altro lato, suonando esattamente le stesse note nello stesso momento.

Funzione di apprendimento

Alcuni pianoforti digitali consentono di disattivare la parte sinistra o destra (traccia) di un brano (preimpostato o scaricato da Internet) e di esercitarsi con l’altra parte.

Registratore MIDI

I pianoforti che dispongono di questa funzione sono solitamente dotati di un registratore MIDI multitraccia.

Un registratore MIDI consente di registrare e riprodurre le proprie esecuzioni senza l’utilizzo di apparecchiature aggiuntive.

La registrazione multitraccia (2 o più tracce) consente di registrare diverse parti musicali su tracce separate e di riprodurle come un unico brano. È anche possibile sperimentare la registrazione disattivando alcune delle tracce registrate.

Ad esempio, è possibile registrare la parte destra del brano sulla traccia 1 e la parte sinistra sulla traccia 2 (mentre si ascolta la prima traccia).

È anche possibile creare registrazioni complesse e multistrumentali registrando diverse parti di strumenti su tracce separate e riproducendole insieme in seguito.

La registrazione MIDI non è la registrazione del suono effettivo dello strumento. Si tratta di registrare dati MIDI (una sequenza di note, la loro lunghezza, la velocità e altri parametri).

Registratore audio

Un registratore audio integrato consente di registrare il suono effettivo dello strumento (campioni nativi) e di salvarlo su un’unità flash, solitamente in formato WAV (PCM lineare, 16 bit, 44,1 kHz, stereo).

È quindi possibile condividere la registrazione sui social network, caricarla su SoundCloud, masterizzarla su CD, ecc.

Le registrazioni audio sono più universali delle registrazioni MIDI perché forniscono un file audio di qualità CD che può essere riprodotto sulla maggior parte dei dispositivi moderni e non richiedono software o librerie di campioni (VST) aggiuntivi per convertire una registrazione MIDI in audio.

Funzione di accompagnamento

La funzione di accompagnamento arricchirà la vostra performance, fornendo un accompagnamento completo (ritmo, basso, armonia) che seguirà la vostra esecuzione e vi farà suonare come una band completa.

L’accompagnamento cambia in base alle note che si suonano con la mano sinistra (accordi o anche singole note se non si conoscono gli accordi completi).

In altre parole, si gestisce il “gruppo” con la mano sinistra (specificando gli accordi) e si suona la melodia principale con la mano destra.

Alcuni strumenti offrono diverse modalità di accompagnamento e consentono di specificare gli accordi utilizzando l’intera gamma della tastiera.

Trasposizione e accordatura

  1. La funzione di trasposizione consente di spostare l’intonazione complessiva della tastiera in passi di semitono. Questo è particolarmente utile quando si vuole suonare una canzone in una tonalità diversa, ma non si vuole cambiare la diteggiatura e impararla in una nuova tonalità: ad esempio, se si sa suonare una canzone in Fa maggiore, si può trasporre la tonalità e suonarla in Do maggiore senza doverla imparare nella nuova tonalità. Si può anche trasporre una canzone scritta in una tonalità difficile (ad esempio, molti tasti neri) in una tonalità diversa con accordi più facili, ascoltandola come se si stesse suonando nella tonalità originale.
  2. La funzione di accordatura consente di spostare l’intonazione dall’accordatura standard A440 a passi di 0,1Hz o 0,2Hz. È possibile utilizzare questa funzione per abbinare con precisione l’intonazione del pianoforte a quella di un altro strumento o musica (vecchio pianoforte, registrazione).

USB Tipo-A

Questa porta è nota anche come porta USB to Device o porta per unità USB. Questa porta può essere utilizzata per collegare un’unità flash al pianoforte e scambiare file in modo rapido e semplice.

Ad esempio, è possibile caricare brani MIDI nella memoria interna del pianoforte per la riproduzione o la ripetizione (se il pianoforte offre questa possibilità).

È inoltre possibile riprodurre file WAV e MIDI (a seconda del modello di pianoforte) direttamente dalla chiavetta USB senza caricarli nella memoria interna del pianoforte.

Infine, è possibile salvare le proprie esecuzioni registrate con lo strumento sulla chiavetta USB e caricarle nuovamente nello strumento, se necessario.

USB Tipo-B

Questa porta viene spesso indicata come terminale USB-to-host o porta USB-computer. Questa porta viene utilizzata per collegare il pianoforte digitale a un computer o a un dispositivo intelligente (utilizzando un adattatore speciale) per scambiare brani/file e dati MIDI.

Questa porta consente di utilizzare il pianoforte come controller MIDI per controllare varie applicazioni musicali come GarageBand, FlowKey, Playground Sessions, ecc.

Esistono infatti moltissime altre applicazioni che possono estendere le funzionalità del pianoforte digitale in termini di apprendimento, composizione, registrazione ed editing musicale.

Alcuni marchi offrono applicazioni gratuite progettate per determinati modelli di pianoforte. Queste applicazioni consentono solitamente di controllare tutte le impostazioni e le funzioni dello strumento mediante un’interfaccia grafica intuitiva.

L’ultima parola

Non è stato facile compilare questo elenco, ma lavorare con un budget limitato significa dover ricorrere a misure estreme per ottenere un buon affare, e noi siamo qui per assicurarci che i principianti ottengano la migliore configurazione di base.

Infine, il segreto per padroneggiare il pianoforte è l’impegno, che si ottiene con la pratica. Potreste avere uno strumento come il Nord Grand a casa, ma non arriverete da nessuna parte se non siete disposti a dedicarvi alle ore di lavoro.

Per facilitare la pratica, consigliamo vivamente di leggere il nostro articolo sui pianoforti digitali sotto i 500 euro (o il nostro articolo sulle tastiere sotto i 300 euro) per trovare opzioni migliori e più realistiche. Tuttavia, è possibile lavorare con queste tastiere economiche per principianti, anche se richiedono un po’ di tempo per abituarsi.

In ogni caso, speriamo che questo articolo vi abbia fornito una panoramica del mercato delle tastiere a basso costo. I principianti devono avere un’idea di cosa cercare e delle limitazioni che esistono a questo prezzo.

Vi auguriamo buona fortuna nella vostra avventura pianistica e speriamo di avervi dato un buon punto di partenza da cui lavorare!

Lascia un commento