I Migliori Accessori per Chitarra 2024 : La Guida Completa per i Principianti

È emozionante, vero? L’acquisto di un nuovo strumento è un’esperienza stimolante. Tutte le possibilità, il divertimento e i brani che suonerete possono farvi venire le vertigini. Ma aspetta… Se avete letto qualcuno dei miei articoli …

I migliori accessori per chitarra

Finalmente ce l’avete fatta. Dopo aver consultato le mie guide su come scegliere la chitarra perfetta per le vostre esigenze, vi siete recati al negozio (o forse avete fatto un click lungo la strada) e l’avete messa in grembo.

È emozionante, vero?

L’acquisto di un nuovo strumento è un’esperienza stimolante. Tutte le possibilità, il divertimento e i brani che suonerete possono farvi venire le vertigini.

Ma aspetta… Se avete letto qualcuno dei miei articoli precedenti, probabilmente sapete che opero un po’ come la polizia del divertimento. Vi fornisco avvertimenti, avvertimenti irritanti e informazioni noiose basate sulla fisica che non hanno nulla a che fare con il ROCK’N’ROLL.

Ebbene, sono tornato a parlare della parte meno sexy dell’acquisto della prima chitarra: gli accessori.

Perché ho bisogno di accessori per chitarra?

Se tecnicamente non avete bisogno di nient’altro che lo strumento per iniziare a suonare, probabilmente non andrete molto lontano da soli. Soprattutto con una chitarra nuova, bastano una o due ore di gioco per farla stonare, o qualche esecuzione particolarmente vigorosa di “Wonderwall” per rompere una corda.

Ci sono alcuni accessori ovvi che probabilmente conoscete già, oltre ad altre scelte opzionali che potrebbero essere utili in futuro, che verranno discusse in questo articolo.

Gli accessori indispensabili per il viaggio dipendono da alcuni fattori, come ad esempio :

  • Sia che abbiate acquistato una chitarra elettrica, acustica o elettroacustica.
  • Il vostro livello di esperienza, sia con la chitarra che con altri strumenti e la teoria musicale.
  • Sia che abbiate intenzione di esibirvi, suonare in una band o registrare
  • Il vostro budget
  • Il tipo di musica che suonate principalmente

Ad esempio, un chitarrista country o americano può trovare conforto in uno slide, mentre un fanatico del metal sarà disgustato dalla sola prospettiva. Una band shoegaze avrà probabilmente più pedali che calzini, ma un principiante che impara con un’acustica non ne avrà nemmeno uno. È bene tenere presente che non tutto ciò che è presente in questo elenco sarà adatto alle vostre esigenze.

Ricordate di non lasciarvi prendere dall’acquisto di piccoli pezzi invece di giocare. Sebbene alcuni siano necessari, l’eccesso può diventare una distrazione, come scaricare strani VST nella DAW invece di fare musica.

Nessun accessorio potrà mai sostituire il lavoro, la creatività e il divertimento.

Accessori per chitarra

Accordatore per chitarra

Un accordatore per chitarra acustica

Se non possedete un accordatore per chitarra, la vostra esperienza di principianti sarà molto, molto dolorosa. Non c’è niente di più frustrante che cercare di imparare un nuovo schema di accordatura o di innovare con una canzone, per poi vederla suonare malissimo perché non si riesce ad accordare lo strumento.

Sebbene alcuni di voi geni siano già in grado di suonare una melodia perfetta a orecchio (un’abilità che probabilmente vale la pena esercitare come chitarrista in erba), per il resto di noi, un accordatore è uno strumento essenziale da avere nella borsa.

Gli accordatori per chitarra sono disponibili in tutte le forme e dimensioni, a seconda delle esigenze e delle competenze musicali. L’unica costante è che vi aiuterà ad accordare la chitarra.

Per chi è un po’ più inesperto, un sintonizzatore con microfono può essere la soluzione.

Questi dispositivi registrano l’esecuzione di una corda e poi dicono se è necessario accordarla di più o di meno per ottenere l’intonazione corretta. Possono presentarsi sotto forma di display elettronici autonomi, piccole clip di gomma o persino applicazioni per telefono, anche se queste ultime tendono a essere meno precise.

I musicisti che sono un po’ più sicuri nell’accordare una chitarra possono essere un po’ più flessibili nell’uso dell’accordatore. Un pianoforte digitale con altoparlanti è spesso una buona opzione, in quanto si può semplicemente confrontare la corda della chitarra con l’intonazione perfetta del pianoforte.

Si può anche utilizzare un video di YouTube o una serie di siti web che offrono ogni tipo di accordatura diversa che si può suonare e confrontare. Il mio preferito è il Fender Acoustic Guitar Online Tuner per la sua impressionante libreria di suoni e opzioni di accordatura.

Si può anche usare un diapason sbattendolo contro un oggetto e confrontando le sue vibrazioni con un “La” aperto della chitarra. Si tratta di un metodo di accordatura un po’ oscuro, che probabilmente suona più bello di quanto sia funzionale. Ma lei è un chitarrista. Quindi è ovvio che la figaggine ha una priorità molto più alta rispetto a concetti inutili come la logica e la funzionalità!

Se avete intenzione di esibirvi regolarmente, avrete sempre bisogno di un accordatore, ma è nel vostro interesse imparare ad accordare a orecchio. L’accordatura a orecchio consiste essenzialmente nell’ottenere l’intonazione più vicina possibile alla perfezione di uno strumento senza utilizzare un accordatore.

Può essere difficile ricordare l’esatta intonazione delle note, soprattutto dopo aver suonato per un po’ di tempo canzoni forti ed eloquenti. Probabilmente la vostra mente sarà un po’ desensibilizzata alle sottigliezze dell’accordatura.

Fortunatamente, è sufficiente accordare una corda (il Mi basso), utilizzando un accordatore, un altro strumento o a memoria.

Ciascuna corda di una chitarra ha un punto di riferimento rispetto all’altra: nell’accordatura standard questo è solitamente il 5° tasto. Quindi, se si tiene premuto il 5° tasto della corda di Mi inferiore, la nota risultante dovrebbe avere la stessa altezza della corda superiore (La).

Fa eccezione la corda di Sol, che ha una nota di riferimento al 4° tasto.

Il vantaggio di questo metodo è che, man mano che si diventa più esperti, si è in grado di sentire quando una corda è stonata e di correggerla rapidamente confrontandola con il punto di riferimento corretto.

Spero che non vi sentiate troppo traditi dalla mia discussione sull’accordatura della chitarra, che in realtà non riguardava alcun accessorio per chitarra. A mia discolpa, propongo che l’orecchio umano sia un accessorio potente quanto qualsiasi altro che si possa acquistare. Comunque, andiamo avanti…

Cinghie per chitarra

Una tracolla per chitarra

Accessorio abbastanza intuitivo, le cinghie per chitarra sono una sorta di cintura di sicurezza per la chitarra che permette di suonarla in piedi.

Tecnicamente non è necessario se ci si esercita solo su una sedia da scrivania, ma è un acquisto che vale la pena fare. Non si sa mai quando potrebbero servire: non sono solo per i concerti.

Ad esempio, quando si registra una chitarra per un disco, molti artisti preferiscono stare in piedi, sia per il riverbero del suono (con una chitarra acustica) sia per dare energia alla performance.

Le cinghie per chitarra sono disponibili in tutti i tipi di colori, forme e dimensioni. Spesso sono realizzati in pelle, nylon o materiali simili. La qualità del materiale di solito determina il prezzo, che può variare da meno di un Happy Meal di McDonald’s a più costoso dell’intero menu.

È anche possibile ottenere cinghie personalizzate. Se volete che l’immagine del vostro volto venga visualizzata sul vostro corpo mentre vi esibite dal vivo, potete farlo.

Mediatore

Plettri per chitarra

Il plettro, o plettro, è un pezzo di materiale relativamente piccolo e piatto che viene utilizzato per produrre suoni da uno strumento a corde, tradizionalmente una chitarra. Spesso variano per forma, dimensione e rigidità, il che determina il suono e la suonabilità del plettro. La maggior parte è realizzata in plastica (solitamente celluloide o nylon).

Il plettro ha diverse funzioni per i chitarristi: permette di scoprire nuovi stili di esecuzione che non possono essere raggiunti con le dita (tremolo-picking).

L’uso del plettro offre un suono più dinamico e aggressivo rispetto al fingerpicking. Inoltre, chi possiede una chitarra a corde d’acciaio (acustica o elettrica) scoprirà che suonare costantemente le unghie si consuma e alla fine diventa doloroso.

Detto questo, i plettri sono probabilmente l’accessorio più ovvio che si possa avere, e saranno utili indipendentemente dalle proprie intenzioni musicali.

Sebbene i plettri siano generalmente associati a stili musicali più pesanti come il rock, il metal e il blues, sarebbe miope rinunciarvi data la loro versatilità.

A parte la qualità del suono e lo stile di esecuzione, a volte le dita si stancano dopo una pratica intensiva. Se non avete una scelta, chi vi aiuterà?

Inoltre, considerando che sono economici da acquistare (soprattutto all’ingrosso) e facili da conservare (si possono trovare supporti molto eleganti e adatti all’arredamento), non c’è letteralmente alcun motivo per non comprarne almeno due. E ancora, sono super personalizzabili, quindi sentitevi liberi di mettere la vostra foto del profilo Facebook meticolosamente disegnata su decine e decine di plettri.

Come scegliere il grimaldello giusto?

La scelta di un plettro per chitarra può essere un processo scoraggiante: per una parte così piccola e poco costosa dell’esperienza chitarristica, esistono molte variazioni di dimensioni, forme e materiali.

I plettri più piccoli sono spesso preferiti per chi suona più velocemente nello stile jazz e metal, mentre quelli con una superficie più ampia sono adatti a chi ha difficoltà a tenere in mano un plettro. Si può anche optare per un plettro di medie dimensioni, che offre il meglio di entrambi i mondi ed è di gran lunga la soluzione più comune.

Lo spessore del plettro è un altro fattore importante per il comfort e il suono dello strumento. Personalmente sono un fan dei plettri extra leggeri o extra spessi, e niente di intermedio.

Come potete vedere, sono chiaramente disturbato.

I plettri leggeri (meno di 0,7 mm) sono un po’ più facili da maneggiare e sono un ottimo modo per insegnare ai principianti che stanno imparando a plettrare come tenerli correttamente. Questo perché i principianti tendono ad afferrare il plettro quando in realtà dovrebbe essere appoggiato. I plettri leggeri sono ideali per i suoni acustici, più morbidi e brillanti.

D’altra parte, i plettri spessi (oltre 0,84 mm) sono più adatti ai chitarristi elettrici, in quanto consentono di controllare meglio l’esecuzione di alcune corde in rapida successione e di ottenere un suono più potente.

Naturalmente, è possibile optare per una scelta intermedia: i plettri di medie dimensioni (0,71-0,83 mm) sono un’opzione molto versatile.

Dato il loro prezzo, vi consiglio di provare ogni scelta possibile. Anche se un particolare marchio può essere preferito da un certo stile di gioco, non si tratta di una soluzione unica per tutti.

Un chitarrista thrash potrebbe preferire un plettro extra leggero, un suonatore di blues un plettro medio, un cantante country un plettro largo e spesso.

Alcuni chitarristi usano persino le monete! La verità è che l’unico modo per sapere qual è il plettro giusto per voi, il suono che volete emulare e lo stile di gioco che volete padroneggiare, è provarli.

Cappi

Un capotasto per chitarra

Il capotasto per chitarra è uno strumento – solitamente in plastica o metallo e gomma – che viene fissato alla tastiera o al manico dello strumento per manipolare l’accordatura.

Sono un po’ come un segnale che indica che qualcuno sta parlando troppo.

Il capotasto è un membro essenziale della vostra felice famiglia di accessori per chitarra, anche per i principianti che non scrivono le proprie canzoni.

Perché? All’inizio della vostra carriera chitarristica, è probabile che gli accordi barrè diventino il vostro nemico mortale. Penserete a loro giorno e notte. Probabilmente inizierete a sognarli. Il piacere che si prova nel premerli.

Anche se si tratta di una soluzione a breve termine (a un certo punto dovrete abituarvi!), un capotasto può aiutare a trasformare le canzoni che hanno molti accordi barré in canzoni che ne hanno pochi.

I più noti siti web di accordi, come Ultimate Guitar e chordify, offrono agli utenti la possibilità di trasporre gli accordi di alcune canzoni, ovvero di spostare la tonalità verso l’alto o verso il basso. Si può quindi utilizzare il capotasto per riflettere questo cambiamento e ottenere una canzone molto più facile da suonare.

Inoltre, i capotasti consentono ai chitarristi di passare rapidamente da una tonalità all’altra, dando vita a una composizione. Un processo di scrittura nascente può essere completamente rivitalizzato da un cambio di tonalità, pur mantenendo la struttura originale.

I chitarristi cantanti sono spesso quelli che utilizzano maggiormente i capotasti per adattarsi alla loro confortevole gamma vocale. Possono regolare l’intonazione e il tono delle canzoni, anche di quelle che non hanno scritto, per adattarle meglio alla loro voce.

Infine, senza un capotasto (sul secondo tasto), non potrete suonare la vostra sempre popolare, ma selvaggiamente impopolare, interpretazione di Wonderwall alle feste per impressionare gli amici. Se non vi ho ancora convinto, questo dovrebbe bastare.

Supporti, stativi e supporti per chitarra

Un supporto per chitarra

A seconda della quantità di spazio disponibile sul pavimento o sulle pareti, probabilmente avrete bisogno di una soluzione di archiviazione per il vostro strumento.

Anche se non sono grandi come un pianoforte, le chitarre hanno l’abitudine di occupare molto spazio, perché spesso vengono sparpagliate su letti, tappeti e frettolosamente nascoste negli angoli senza pensarci.

Probabilmente è meglio scegliere qualcosa che vi permetta di avere un posto coerente per conservare la chitarra dopo l’uso. Può trattarsi di una rastrelliera, di una gruccia o di un supporto.

Non c’è molto da dire: l’opzione che sceglierete dipenderà esclusivamente dal vostro accesso e dalle vostre ambizioni chitarristiche. Se avete intenzione di possedere una pletora di chitarre, una più grandiosa dell’altra, avrete bisogno di una rastrelliera o di un appendiabiti.

Se avete un ampio spazio sul pavimento ma le vostre pareti sono ricoperte di poster degli ABBA (rabbrividisco al solo pensiero), avrete bisogno di un supporto o di uno scaffale.

È piuttosto facile, vero?

Custodia per chitarra

Una custodia per chitarra

Le custodie per chitarra (o gig bag) sono un’arma utile da avere a disposizione. Funzionano essenzialmente come un campo di forza protettivo per lo strumento, il che è ovviamente di fondamentale importanza per chi suona dal vivo o frequenta spesso studi o jam session.

Consentono di trasportare facilmente la chitarra o le chitarre. Di solito hanno una miriade di tasche, angoli e fessure in cui è possibile inserire altri accessori come plettri, accordatori, ecc. Accessori all’interno di un accessorio. È come il design degli accessori!

Mi dispiace. Andare avanti.

Quando si acquista una custodia da concerto, di solito si può scegliere tra una custodia “rigida” e una “morbida”. Le custodie morbide sono più economiche, facili da spostare e leggere, ma non sono realizzate in tessuto resistente. Le custodie rigide, invece, sono quasi indistruttibili ma ingombranti e più difficili da spostare.

La scelta è vostra. Se si suona sempre una chitarra costosa, probabilmente vale la pena investire nella sua sicurezza. D’altra parte, potrebbe non essere necessaria alcuna custodia. Tutto dipende dalle vostre motivazioni di chitarristi in erba.

Per esempio, non ho mai dovuto comprare una custodia per chitarra, perché il mio set di chitarre non è mai uscito di casa.

Lezioni

Lezioni di chitarra

Hah! Scommetto che non ci hai pensato!

Le lezioni di chitarra potrebbero essere l’accessorio più importante che si possa trovare. Anche se non è necessariamente un manufatto tangibile, è un MUST per un chitarrista principiante. Non basta guardare uno strumento un paio di volte per sapere improvvisamente come suonarlo.

Il modo in cui affrontate l’apprendimento dipende esclusivamente da voi. Le lezioni di chitarra sono di tutte le forme e dimensioni e non esiste un unico metodo per migliorarle, se non la pratica costante.

Coloro che sono un po’ indisciplinati o preferiscono la struttura possono trovare che funzionino meglio con un insegnante fisico, o anche prendendo lezioni tramite videochiamata a distanza. Questi insegnanti professionisti spesso forniscono programmi di esercitazione, compiti di pratica e seguono un modulo lineare e diretto che stimola la crescita del chitarrista.

Esistono altri metodi:

  • Lezioni di chitarra online (ad es. Justin Guitar)
  • Serie di video online (YouTube, ecc.)
  • Video didattici per canzoni specifiche, tablatura o accordi
  • Sviluppare un proprio piano di lezione utilizzando una serie di risorse online e cartacee.
  • Acquistare un libro di “chitarra per principianti
  • Scaricare/acquistare un’applicazione per il telefono
  • Ricerca della teoria di base (lettura della tablatura, diteggiatura degli accordi, schemi di strumming)

Questa è solo la punta dell’iceberg. Se trovate un metodo che vi tenga impegnati, non ci sono limiti al modo in cui potete insegnarvi (o farvi insegnare) la chitarra.

Corde di ricambio

Corde di chitarra

C’è solo un momento nella vita della chitarra in cui non avrete bisogno di un set di corde di ricambio: quando non la suonerete mai. Se non lo fai?

Avrete bisogno di corde extra.

Ovviamente, il tipo di corde da acquistare sarà determinato principalmente dal tipo di chitarra che si possiede. Sarebbe una decisione piuttosto sciocca acquistare un set di corde in nylon per una chitarra elettrica Ibanez.

Inoltre, ci sono altri fattori che concorrono alla scelta del set di corde per chitarra giusto, e la maggior parte di essi dipende dalle preferenze dell’utente. Alcune marche possono essere perfette per alcuni chitarristi, mentre altri odieranno il suono e la sensazione di quella stessa marca, anche se suonano lo stesso stile di musica.

Le corde non sono molto costose (con alcune eccezioni). È meglio provare diverse marche e scegliere quella più adatta a voi.

Sebbene siano già stati trattati in articoli precedenti, riassumerò rapidamente alcuni dettagli a cui prestare attenzione quando si acquistano set di corde di ricambio.

Fattori relativi alle corde della chitarra

Materiale della corda

Acciaio e nichel: sebbene il nome implichi corde in acciaio, la maggior parte delle corde per chitarra “in acciaio” non sono affatto fatte di acciaio puro. Utilizzate principalmente per le chitarre elettriche, queste corde hanno spesso un’anima in filo d’acciaio, ma sono placcate in nichel. Detto questo, è possibile acquistare corde al 100% in acciaio o in nichel, che offrono tonalità diverse. Le corde in acciaio sono più leggere e brillanti, mentre quelle in nichel sono più calde e piene.

Nylon: adatte per chitarre classiche o a corde di nylon, le corde di nylon hanno una sensazione e un suono molto diversi rispetto alle loro controparti metalliche.

Hanno un suono molto più morbido e scuro rispetto alle varianti con corde d’acciaio e sono quindi più silenziose. D’altra parte, le corde di nylon sono molto meno aggressive per le dita, il che è molto interessante per un principiante.

Ottone e bronzo: le corde in acciaio placcate in ottone e bronzo sono le opzioni più comuni per cambiare le corde di una chitarra acustica con corde in acciaio. Sebbene siano molto simili in termini di suonabilità, l’ottone e il bronzo offrono suoni completamente diversi. Le corde placcate in ottone hanno una risposta molto più brillante e chiara rispetto al suono scuro e pastoso delle corde placcate in bronzo.

Quale calibro utilizzate?

L’altro fattore da considerare quando si acquistano le corde è il calibro. Il calibro di una corda può cambiare radicalmente la suonabilità e la risposta tonale di una chitarra.

Le corde più spesse sono piuttosto rigide e molto più difficili da suonare, il che significa che sono meglio riservate ai chitarristi le cui dita sono abituate a essere triturate.

Detto questo, sono anche molto più calde e forti di una corda di calibro leggero, il che le rende migliori per suonare dal vivo e per certi stili di musica.

0,7-0,9 sono considerati leggeri

0,10-0,11 sono considerati medi

0,12 sono considerati pesanti

Strumenti per chitarra

Esiste una serie di strumenti che possono essere utili per un chitarrista che intraprende il suo viaggio verso la superstar. Alcuni di essi sono completamente obsoleti (ma comunque interessanti), mentre altri possono essere fondamentali a seconda dei vostri obiettivi. Ecco un breve elenco:

Peg Winder

Un avvolgitore a pioli per chitarra

Per coloro che hanno dita deboli, che hanno paura di spezzare le corde o che desiderano un modo più semplice per riaccordare le corde della chitarra, i pioli/arrotolatori offrono un’alternativa semplice per accordare e sintonizzare le chitarre.

Richiedono molto meno sforzo di una mano per raggiungere la tensione desiderata delle corde e per chi deve spesso registrare più chitarre (vedi: musicisti rock aggressivi), possono essere un grande risparmio di tempo.

Alcuni sono anche motorizzati.

Tagliafili

Un tagliafili per chitarra

Probabilmente potete correre al vostro capanno e prendere delle pinze e delle tronchesi che faranno al caso vostro. Ma se non avete questi strumenti nella vostra cassetta degli attrezzi, è ora di procurarveli, perché sono essenziali per cambiare le corde della chitarra.

Misuratore di azione

Un calibro per chitarra

Sebbene sia destinato esclusivamente ai chitarristi esperti, un action gauge può essere utile a chiunque. Come abbiamo visto negli articoli precedenti, l’action della chitarra (l’altezza delle corde rispetto al manico) può rivoluzionare completamente l’esperienza di gioco.

Utilizzato principalmente da chi costruisce le proprie chitarre, l’action gauge è un investimento pratico per chi cerca chitarre usate. Si tratta essenzialmente di un righello in miniatura che può aiutare i chitarristi alle prime armi a valutare l’azione degli strumenti usati e il lavoro necessario per ripararli.

Prodotti per la pulizia

Prodotti per la pulizia della chitarra

Prendersi cura della propria chitarra è un po’ come prendersi cura della propria auto. Non è possibile pulirlo tecnicamente, ma il suo aspetto sarà un po’ sbilanciato e le sue prestazioni potrebbero essere ostacolate.

Esistono diversi strumenti che possono essere utilizzati per far tornare la chitarra come nuova. È possibile acquistare un balsamo per la tastiera, un lubrificante per le corde, un lucidante per il corpo della chitarra, panni in microfibra per eliminare polvere e segni e ogni sorta di altri dispositivi di pulizia.

Altri elementi e parti

Dopo aver trattato i principali accessori (ad eccezione di tre clamorose omissioni…), mi soffermerò brevemente su alcuni altri elementi che un futuro chitarrista potrebbe trovare utili.

  • Metronomo
  • Leggio
  • Blocco della cinghia
  • Cuffie da studio
  • Titolare della mediazione
  • Umidificatore per chitarra

Metronomo

Un metronomo per chitarra

Si tratta di un dispositivo che tiene traccia di un battito per aiutarvi a rimanere in orario, ed è abbastanza facile da trovare e utilizzare. Sebbene sia possibile acquistare macchine di terze parti progettate appositamente per questo scopo, una pletora di applicazioni per il telefono, pagine web e video di YouTube possono fare la stessa cosa.

Raccomando vivamente l’uso di un metronomo quando si inizia per evitare le cattive abitudini e per migliorare le capacità ritmiche, soprattutto quando si strimpellano gli accordi.

Scrivania

Un supporto per chitarra

Anche se utilizzate il telefono per leggere le tablature, gli accordi o gli spartiti (colpevole!), un leggio può semplificarvi la vita.

Invece di doversi piegare, torcere il collo o praticare qualche oscura posizione yoga per vedere le note che si devono suonare, un leggio le mette all’altezza degli occhi.

Non solo fa bene alla postura, ma impedisce di distrarsi cercando di vedere cosa sta per accadere.

Blocco della cinghia

Un blocco per la tracolla della chitarra

Le cinghie per chitarra sono progettate per tenere la chitarra in spalla, ma a volte non fanno un buon lavoro. A volte la chitarra può finire sul pavimento, in frantumi.

Un lucchetto a cinghia è molto economico e può servire come una sorta di assicurazione, evitando che si verifichi un simile incidente.

Sarò onesto con tutti voi. Non mi piacciono molto le cinghie per chitarra.

Anzi, li disprezzo.

Detto questo, ammetto a malincuore che per alcuni sono uno strumento fantastico, che permette ai chitarristi di sperimentare e creare nuovi suoni. Sono particolarmente popolari negli stili Americana, country, blues e rock, ma chiunque può divertirsi a usarli.

Cuffie da studio

Cuffie da studio per chitarra

In pratica, se i vostri coinquilini, familiari o amici entrano continuamente nella vostra stanza chiedendovi di smettere di suonare l’assolo di Stairway to Heaven a tutto volume sul vostro VOX AC30, è probabile che dobbiate investire in un paio di cuffie da studio

Basta collegarli all’amplificatore e mettersi al lavoro!

Titolare della mediazione

Un porta plettro per chitarra

Sono disponibili in tutte le forme e dimensioni. I mediatori finiscono spesso in posti molto strani e inquietanti, quindi trovarne uno vi aiuterà a tenerli tutti in un unico posto.

Detto questo, sono abbastanza sicuro che i mediatori abbiano una propria mente e la capacità di muoversi da soli, quindi non so quale sia il vantaggio di acquistare un supporto per mediatori.

Umidificatore per chitarra

Un umidificatore per chitarra

Questi piccoli (o grandi) dispositivi aiutano a evitare che il legno della chitarra si usuri e si crepi in condizioni di siccità.

Accessori per chitarre elettriche

Avrete notato che non ho menzionato i tre accessori più importanti per la maggior parte delle chitarre. Sebbene non si applichino agli strumenti completamente acustici, i chitarristi che scelgono uno strumento elettrico – sì, proprio voi, suonatori elettrici-acustici – dovranno considerare anche un amplificatore, dei pedali e (scusate) dei cavi.

Approfondire ora uno di questi argomenti sarebbe come scrivere un articolo sulla produzione di gelati e dedicare la maggior parte dell’articolo alla descrizione di tutti i gusti presenti nel mondo.

Amplificatori, pedali e cavi sono accessori complessi che offrono molte possibilità di sperimentazione e personalizzazione. Pertanto, la loro complessità giustifica la stesura di singoli articoli.

Detto questo, che ne dite di una breve definizione per farvi entrare nel vivo dell’argomento ed entusiasmarvi per l’articolo completo?

Cavi per chitarra

Un cavo per chitarra

Ricordate che una frase fa vi ho detto di “entusiasmarvi” per l’immersione negli accessori per chitarra?

Non mi riferivo ai cavi.

I cavi per chitarra sono un male necessario per ogni chitarrista elettrico. Occupano molto spazio, sono fastidiosi da disimballare e riporre e rappresentano un pericolo costante di inciampo. Ma senza di loro, gli aspetti “cool” del suonare strumenti elettrici (cioè il rumore) non funzionerebbero, quindi suppongo che dovremmo condividere un certo livello di gratitudine verso i cavi.

Variano per dimensioni, materiale e prezzo. Come regola generale, un cavo per chitarra è un cavo per chitarra e non influisce sul suono, indipendentemente dalla spesa sostenuta. I cavi di fascia più alta sono solitamente venduti a questo prezzo per la loro maggiore durata e lunghezza.

A volte i cavi influenzano il suono ottenuto dall’amplificatore, soprattutto quando si utilizza un cavo lungo (più di 10-15 piedi). Una tale distanza tra lo strumento e l’ingresso può distorcere il segnale, renderlo rumoroso o creare un fastidioso ronzio che interferisce con la registrazione, l’esecuzione e la pratica.

Per ovviare a questo problema, alcuni chitarristi dovranno dotarsi di un box di iniezione diretta (DI) (maggiori informazioni qui).

Amplificatori per chitarra

Un amplificatore per chitarra

Sia che abbiate intenzione di fare concerti ogni sera, sia che vogliate semplicemente ottenere un suono che faccia vibrare le pareti della vostra piccola stanza, un amplificatore per chitarra è un must per chiunque abbia una chitarra elettrica.

A livello molto, molto, MOLTO elementare, un amplificatore per chitarra è un diffusore elettronico che viene utilizzato per… amplificare… il suono dell’ingresso (in questo caso, una chitarra). L’aumento del volume è utile per proiettare il suono verso il pubblico o per sentire meglio la propria esecuzione.

Naturalmente, questa è solo la punta dell’iceberg e, soprattutto per i chitarristi, il vero piacere di usare un amplificatore è la sperimentazione tonale e la creatività che può scatenare. Un amplificatore finemente regolato con parametri precisi può davvero dare a un artista un suono specifico che lo contraddistingue.

Pedali per chitarra

Un pedale per chitarra

I pedali per chitarra, che vanno di pari passo con gli amplificatori, sono la ciliegina sulla torta di una manipolazione sonora unica. Un pedale è un dispositivo elettronico con un circuito che elabora e modifica un segnale.

I pedali sono probabilmente meno essenziali degli amplificatori, soprattutto per i principianti, ma sono MOLTO DIVERTENTI. Sono disponibili in tutti i tipi di utilizzo, offrendo ai chitarristi una fornitura quasi inesauribile di effetti per accessoriare (capito?) il loro suono.

Se volete replicare la consistenza sfocata del muro di suono di Kevin Shield, basta prendere dei pedali di distorsione, delay e ottave. Desiderate un’atmosfera post-rock? I riverberi inversi potrebbero essere proprio quello che state cercando. Cercate un overdrive vivace per riff blues? Avete centinaia di opzioni tra cui scegliere.

Una simile libertà può ovviamente essere dannosa, perché si finisce per passare troppo tempo a scegliere allegramente gli effetti invece di migliorare effettivamente la chitarra. Tuttavia, se riuscite ad avere un minimo di moderazione, i pedali possono essere un’aggiunta rivoluzionaria alla vostra borsa di accessori per chitarra.

Conclusione

Questo conclude il mio lungo elenco di potenziali accessori per i chitarristi in erba.

Anche se la vostra situazione determinerà in ultima analisi ciò che deciderete di acquistare, alcuni degli strumenti discussi sono semplicemente essenziali per imparare e suonare la chitarra.

La cosa assurda è che, nonostante la lunghezza di questo articolo, non abbiamo trattato tutti gli accessori per chitarra in circolazione. E chi può sapere quando verrà inventato il prossimo accessorio che cambierà la vita?

Tenete gli occhi aperti, continuate a esercitarvi e speriamo che alcune delle cose contenute in questo articolo vi aiutino a diventare una rock’n’roll star.

Lascia un commento